Mali, la strage infinita (e nascosta) dei dogon

Stampa

Foto:  Africarivista.it

Un bambino giace riverso nella polvere. Abbraccia un sacco di miglio, forse utilizzato come effimero scudo nel disperato tentativo di salvarsi. Non è servito: la testa del piccolo è squarciata da un taglio netto inferto da machete. Un anziano è crivellato di colpi. Un’intera famiglia è semisepolta dalle macerie della loro casa.

Sono immagini raccapriccianti – e in larga parte impubblicabili – quelle che giungono dal cuore del Mali e che svelano al mondo l’orrore di un’ondata di violenza che sta mietendo centinaia di vittime civili. A fornirci i documenti è un sopravvissuto ai raid compiuti delle milizie jihadiste contro contadini dogon che si recavano al mercato di Koro.

«I peul sono piombati sul villaggio di Soban all’improvviso poco prima del tramonto – racconta il nostro testimone -. Erano decine, armati di kalashnikov e machete. Si sono avventati come delle furie indiavolate sugli uomini al lavoro nei campi, poi si sono diretti alle abitazioni dove non hanno risparmiato nessuno. Donne, bambini e anziani sono sta falcidiati senza pietà».

Gli attacchi nella regione di Bandiagara, sopra e ai piedi della grande falesia, si ripetono con costanza, ogni settimana. Le vittime sono ormai centinaia. L’esercito del Mali non riesce a proteggere i civili (neppure dalle rappresaglie delle milizie di autodifesa dogon che si scagliano contro i peul). Una strage totalmente ignorata dai media internazionali. Nessun giornalista occidentale sta documentato l’eccidio. A squarciare il silenzio sono gli stessi dogon che con i loro cellulari inviano foto atroci e resoconti dettagliati delle violenze.

Un disperato grido di aiuto, il loro, in un conflitto fratricida alimentato dai jihadisti che seminano sangue e terrore in un territorio sfuggito da tempo al controllo delle autorità. Conflitti tra agricoltori (dogon) e allevatori (peul) ci sono sempre stati in passato. In questi ultimi anni, però, le tensioni si sono esacerbate dai conflitti religiosi. Dal 2012 il Mali è un Paese colpito duramente dal jihadismo. Nonostante l’intervento, a sostegno del governo centrale di Bamako, dell’esercito francese, ampie porzioni del territorio sono controllate da miliziani che mescolano il jihadismo con traffici illegali di sigarette, droga, esseri umani. Una situazone che neppure l’alleanza tra le nazioni della regione è riuscita a riportare sotto controllo.

Da Africarivista.it

Ultime su questo tema

Petrini: «Sì alla tecnologia se non danneggia i deboli e la Terra»

09 Dicembre 2019
La rivoluzione tecnologica attuale è figlia del lavoro e dell’intelletto dell’uomo e come tale dovrebbe anche essere per l’uomo. Ma è davvero così? Qual è il ruolo della tecnologia nella...

I lébous di Dakar, guardiani dell’oceano

07 Dicembre 2019
In Senegal sopravvive ancora la pesca tradizionale. I mercati sono ancora affollati ma al supermercato il pesce è importato dall’estero. (Lucia Michelini

“Conflict Plantations”

12 Novembre 2019
Un nuovo rapporto dell’Environmental Paper Network rivela che l’Asia Pulp & Paper è coinvolta in centinaia di conflitti sociali con le comunità locali. (Alessandro Graziadei)

“Non abbiamo un piano B perché non esiste un pianeta B”

04 Novembre 2019
In Italia, l’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile ASviS, monitora in che misura le politiche stiano andando verso la realizzazione dell'Agenda 2030. (Lia Curcio)

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

26 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Video

Sulla fame non si specula