Terrorismo

La scheda

Se i primi movimenti terroristici armati sono figli del XIX secolo, è però nel Novecento che il terrorismo assume caratteristiche peculiari: gli anni Settanta segnano il passaggio a una dimensione sovranazionale con azioni violente ed eclatanti da parte di gruppi che si considerano rappresentanti di nazioni senza territorio che utilizzano dirottamenti di aerei e navi, a danno principalmente dei cittadini di Stati del “primo mondo”, per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica internazionale sulle tragedie dei loro popoli. L'anno della Rivoluzione iraniana e dell'intervento della Russia in Afghanistan, il 1979, si distingue per la comparsa dei movimenti islamici radicali sciita (a esempio gli Hezbollah in Libano) e sunniti (Hamas, Al Qaeda e altre sigle), e l'entrata in scena degli Stati Uniti nel finanziamento dei combattenti afghani (Talebani) come risposta all’intervento dell’Unione Sovietica in Vietnam. Anche l’Italia ha conosciuto il terrorismo, per lo più di stampo politico, negli anni Settanta e Ottanta: la strage di Piazza Fontana a Milano (12 dicembre 1969) segna l’inizio della macabra carrellata dello “stragismo”. Il mondo è entrato in casa nostra con gli squarci nelle torri gemelle di New York e oggi si parla di un terrorismo globalizzato, con la conseguente "crociata antiterroristica" internazionale di cui si sono fatti promotori gli Stati Uniti.

Leggi tutta la scheda »

Notizie

Etiopia-Eritrea: arriva il dialogo. Ma a singhiozzo

16 Luglio 2018
Era dallo scoppio del conflitto, nel 1998, che un primo ministro di Addis Abeba non era accolto ad Asmara. Riaperte le relazioni...

Egitto: come il regime blocca la rete

10 Luglio 2018
Un nuovo rapporto spiega gli strumenti utilizzati dal Cairo per monitorare internet e colpire i siti critici. Sono oltre 500 in un anno, l’ultimo oscurato una settimana fa dopo sole nove ore di vit...

Promuovere i diritti umani fuori dal Consiglio ONU. Per gli Stati Uniti si deve.

09 Luglio 2018
Gli Stati Uniti escono dal Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU. (Miriam Rossi)

Nella vicenda Babčenko la vera vittima è la fiducia

15 Giugno 2018
Quel che è appena accaduto a proposito della messa in scena dell’omicidio del giornalista russo in esilio Arkadij Babčenko in Ucraina ha concesso la vittoria alla Russia in un campo dove nessuno se...

Non perdiamo la capacità di indignarci

09 Giugno 2018
Una nostra intervista al professor Savio nell’ambito di un convegno organizzato da Ipsia del Trentino. (Giuliano Rizzi)
leggi tutte...

Campagne

Le aziende europee di armamenti traggono profitti dalla crisi dei rifugiati

05 Luglio 2016
Le principali aziende europee di armamenti coinvolte nella vendita di sistemi militari al Medio Oriente sono le stesse aziende che stanno traendo profitti dalla crescente militarizzazione delle fro...

#Iostoconerri

26 Gennaio 2015
“Uno scrittore ha in sorte una piccola voce pubblica. Può usarla per fare qualcosa di più della promozione delle sue opere”. (Alessandro Graziadei)

Rete Disarmo: l’Italia non invii armi in Iraq e nelle zone di conflitto

14 Agosto 2014
I conflitti e le crisi umanitarie non si risolvono inviando armi, ma sospendendo le forniture di sistemi militari a tutte le parti 

Iraq, dieci anni dopo l'invasione. Un decennio di orribili abusi

21 Marzo 2013
In un rapporto diffuso l'11 marzo 2013, Amnesty International ha affermato che, 10 anni dopo l'invasione diretta dagli Usa che abbatté il brutale regime di Saddam Hussein, l'Iraq resta intrappolato...

Violenza e distruzione in Siria: destinato a salire il numero dei profughi

19 Febbraio 2013
La drammatica crisi siriana è uscita dai riflettori dei media internazionali. Le notizie di violenza, morti e profughi scorrono distrattamente. Eppure la situazione peggiora e a farne le spese sono...
leggi tutte...

Video

Guantánamo Bay: A decade of damage to human rights