CRBM: la BEI non finanzi la diga Gibe III in Etiopia

Stampa

Rapporto della Crbm sulla diga Gibe in Etiopia

La Crbm, insieme alle altre Ong che compongono la coalizione europea 'Counter Balance', chiede con forza alla Banca europea per gli investimenti (BEI) di non fornire prestiti per la costruzione della diga di Gilgel Gibe III in Etiopia. "Nonostante la Banca mondiale e l'Agenzia italiana di credito all'export, la SACE, abbiano deciso di non sostenere né Gibe II né Gibe III, la BEI nel 2004 ha garantito un prestito di 50 milioni per la realizzazione della diga di Gibe II ed al momento sta valutando se entrare nel progetto di Gibe III, i cui impatti socio-ambientali, come evidenzia il rapporto della nostra missione, sono devastanti" - riporta un comunicato della Crbm (Campagna per la riforma della Banca mondiale). Caterina Amicucci, campaigner BEI della Crbm, lo scorso novembre ha trascorso tre settimane in Etiopia per monitorare raccogliere informazioni sugli impatti dei progetti Gibe II (in fase di completamento) e Gibe III, i cui lavori sono iniziati da alcuni mesi. Il rapporto di missione, redatto in inglese (in .pdf) e italiano (in .pdf), è stato presentato venerdì scorso a Bruxelles.

Decisivo il ruolo giocato dall'Italia nella realizzazione delle opere. "Nel 2004 il Ministero degli Esteri italiano ha elargito ben 220 milioni di euro per Gibe II (più alta somma della storia del fondo rotativo per la cooperazione), mentre è l'impresa Salini ad essersi aggiudicata l'appalto - senza gara internazionale, nonostante sia prevista dalle normative etiopica - per Gibe II e Gibe III. Un prestito altamente controverso, approvato nonostante i pareri negativi del Ministero delle Finanze e degli stessi tecnici del MAE incaricati della valutazione del progetto" - afferma la Crbm. Un'anomalia che è oggetto di un'inchiesta attualmente in corso da parte della magistratura romana. Sebbene anche nel caso della valutazione di impatto ambientale le leggi etiopi prevedano un obbligo stringenti in caso di progetti come quelli di Gibe, la costruzione degli impianti è iniziata in assenza del permesso ambientale da parte delle autorità locali competenti.

Una volta realizzata, la diga di Gilgel Gibe III sul fiume Omo sarà il più grande impianto idroelettrico della storia dell'Etiopia. Alta ben 240 metri, con una potenza stimata in 1.870 MW, Gibe III dovrebbe costare circa 1,4 miliardi di euro. Lungo le sponde dell'Omo risiedono più di 15 diverse comunità tribali, la cui sicurezza alimentare dipende strettamente dalle risorse naturali e dal delicato equilibrio dell'ecosistema locale. Il fiume offre un habitat unico, ricco di un'incredibile varietà faunistica. Nel 1980 la bassa valle dell'Omo è stata riconosciuta dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità per i numerosi ritrovamenti di scheletri ed utensili risalenti a diversi milioni di anni fa. L'impianto idroelettrico sbarrerà completamente il corso del fiume provocando la totale inondazione di un canyon e la creazione di un bacino lungo più di 150 chilometri. Per centinaia di chilometri a valle della diga l'ecosistema sarà completamente alterato.

"Il caso di Gilgel Gibe rappresenta l'ennesimo esempio di una cooperazione scellerata che utilizza i soldi destinati allo sviluppo per foraggiare le avventure delle nostre imprese all'estero" - ha dichiarato Caterina Amicucci, della Crbm. "La storia dell'aiuto italiano ai Paesi in via di sviluppo è piena di casi analoghi, ma ciò che risulta incomprensibile è il coinvolgimento della BEI in questa brutta vicenda che in quanto istituzione europea dovrebbe garantire i più elevati standard di trasparenza. Inoltre l'inchiesta della procura di Roma sul prestito italiano sembra non essere mai iniziata e siamo determinati a capire che fine ha fatto" - conclude Amicucci.

Con un portfolio annuale di quasi 45,8 miliardi euro, la Banca Europea eroga un volume di prestiti annuali pari a quasi il doppio di quello dalla Banca Mondiale. E' di fatto uno dei principali finanziatori di progetti di sviluppo al mondo, con circa il 13% (5,9 miliardi di euro), di prestiti erogati fuori dall'UE. Nonostante ciò, è l'unica istituzione finanziaria internazionale a non aver ancora adottato strandard e protocolli che regolino in maniera vincolante le sue operazioni. La Campagna per la Riforma della Banca Mondiale (Crbm), WWF-Italia e la campagna Sbilanciamoci! propongo perciò mercoledì 12 marzo un momento di approfondimento sulle "Responsabilità delle Istituzioni Finanziarie Europee nelle politiche di sviluppo" presso la sede nazionale WWF a Roma. [GB]

Ultime su questo tema

I danni dei super incendi

29 Luglio 2019
Oltre 1.400 incendi sono stati segnalati in Europa nei primi sei mesi dell’anno. Il Wwf con con un rapporto pubblicato agli inizi di luglio si è mostrata preoccupata per «i rischi derivat...

Gibe III: il grande inganno

11 Luglio 2019
Un recente studio denuncia il fallimento del progetto di coltivazione intensiva di canna da zucchero nella valle del fiume Omo, legato all’impianto idroelettrico della diga Gibe III.  A farne...

Agroforestazione

08 Giugno 2019
Una cintura verde contro i Mali d'Africa. (Fabio Pipinato)

Quando gli incendi sono “Mangia tutto”

29 Aprile 2019
Siamo in primavera e dobbiamo già fare i conti con grossi incendi sempre più estesi, veloci, e distruttivi. (Lia Curcio

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Video

Giornata mondiale della desertificazione 2010