Marocco, vietata “importazione, esportazione, produzione e uso di sacchetti in plastica”

Stampa

Il 1 luglio in Marocco è entrata in vigore della legge 77-15, sarà vietata l'importazione, l'esportazione, la produzione e l'uso di sacchetti di plastica monouso e, per chi non rispetterà la nuova norma, sono previste pesanti sanzioni. 

È notizia di qualche giorno fa che il Ministero dell'Interno marocchino si sta dando un gran da fare per trasmettere e far recapitare tempestivamente ai wali (l'equivalente dei nostri presidenti di regione, nominati direttamente da re Mohammed VI), a tutte le prefetture (aree urbane) e alle provincie (aree rurali) il testo della nova legge e un messaggio che gli invita ad attivarsi concretamente per far rispettare il divieto. Sulla scia del messaggio del ministro, i leader locali di tutto il Marocco hanno iniziato ad organizzare campagne d'informazione sui sacchetti di plastica. Già all'inizio di questa settimana, i wali di Taounate e Berkane hanno convocato delle le riunioni per discutere nel dettaglio i temi della nuova legge e i processi di raccolta e distruzione dei sacchetti.

Berkane, una città vicino a Oujda per esempio, il leader locale Abdullah Hawdi il 6 giugno ha organizzato una “passeggiata” con attori pubblici e privati per individuare dove e come vengono distribuiti i sacchetti di plastica, sensibilizzando i cittadini all'uso delle borse riutilizzabili (quelle in tela per esempio) e informandoli sui danni ambientali che produce il sacchetto monouso in plastica. Per poi concludere la passeggiata all'interno di un cementificio di Oujda, per toccarecon mano il processo di distruzione dei sacchetti.

Danni ambientali che da anni i marocchini hanno imparato a conoscere bene, infatti secondo alcune statistiche il Marocco è il secondo consumatore mondiale di sacchetti in plastica dopo la Cina, infatti l'ultima stima parla di un consumo di circa 780 sacchetti l'anno per ogni marocchino, pari ad un consumo di 26 miliardi di sacchetti nel solo 2015. Mentre secondo l'Earth Policy Institute la media pro capite mondiale è di circa 140 sacchetti in plastica consumati in una anno.

Il Marocco sembra aver preso davvero sul serio i suoi impegni verso l'ambiente, e vuole farsi trovare pronto per l'appuntamento della Cop22 che si terrà a Marrakech dal 7 al 18 novembre 2016. Un appuntamento molto importante perché, durante la Marrakech Climate Change Conference, si vedrà quali Paesi abbiano davvero fatto progressi sugli accordi presi a Parigi lo scorso anno durante la Cop21. 

Luigi Vendola da Ecodallecitta.it

Ultime su questo tema

L’amore per la terra dava solo buoni frutti…

29 Maggio 2018
L’industrializzazione, le guerre, l’estrazione mineraria, i rifiuti e l’agricoltura hanno lasciato un’eredità pesante in termini di contaminazione del suolo. (Alessandro Graziadei)

Il carbone di Endesa in Spagna, una spina nel fianco dell’Enel

29 Maggio 2018
L’Instituto Internacional de Derecho y Medio Ambiente (IIDMA) e l’organizzazione italiana Re:Common hanno partecipato all’Assemblea degli Azionisti di Enel, proprietaria di Endesa. Entrambe le...

Amianto: in Italia mancano ancora le discariche

18 Maggio 2018
Nonostante i proclami e i buoni propositi in Italia mancano ancora le discariche dove conferire l’amianto bonificato. (Alessandro Graziadei)

Mangi plastica! Ma non lo sai…

07 Maggio 2018
Una persona inghiotte fino a 68.415 minuscole particelle di plastica potenzialmente pericolose all’anno. Come? Semplicemente sedendosi a tavola. (Alessandro Graziadei)

Alluminio in tutte le salse

05 Maggio 2018
La presenza di questo minerale all’interno dell’organismo umano incomincia ad essere sensibile e pericolosa. (Alessandro Graziadei)

Video

La7 Malpelo: L'Ilva di Taranto (1/7)