Sud Sudan, non c’è pace

Stampa

Foto: Polisblog.it

Che il Sud Sudan abbia grandi problemi da risolvere è cosa ben nota a tutti: le notizie che la stampa occidentale passa sono scarse e normalmente piuttosto edulcorate, vuoi per l’assenza di corrispondenti occidentali in loco, vuoi per lo scarso interesse che i proprietari dei “media” hanno a divulgare notizie che po­trebbero disturbare i sonni dei clienti dei mercati.

Facciamo un piccolo passo indietro. A metà aprile, dopo sei mesi dagli accordi presi ad Addis Abeba dai contendenti (il presidente Salva Kiir, dell’etnia Dinka e il suo rivale Riek Machar, dell’etnia Nuer) con la collaborazione e l’intervento di USA e Gran Bretagna, mesi trascorsi in attese, giochini, rinvii e così via, si era aperto lo spiraglio dell’attuazione della pace, con il rientro in patria di Machar e la possibile costituzione di un governo di unità nazionale di pacificazione ed a cui avrebbero dovuto partecipare anche le altre etnie maggiori, come i Bari.

Attribuite le cariche principali, in cui il presidente è rimasto Salva Kiir, con due vicepresidenti (Machar, come già prima della guerra, e il gen. Wani Igga, fedele del presidente, ma presumibilmente moderato) si è cominciato ad allestire il nuovo governo, che è però stato costituito con una stragrande maggioranza di uomini del presidente e quindi molto simile a quello che aveva già fallito prima della guerra civile.

L’8 luglio a Juba ci sono stati i primi spari tra l’esercito regolare SPLA e gli uo­mini dell’esercito fedele a Machar, sembra provocati dai primi: domenica 10 lu­glio, alla fine della “battaglia” si sono contati oltre 200 morti, secondo la stam­pa occidentale, e un migliaio secondo fonti locali.

Nel mese trascorso ad oggi la vita è stata segnata dal terrore, dalle violenze, soprattutto private, e dalle razzie da parte dei militari delle due parti, dall’assenza di una volontà di rappacificazione o, quanto meno, di evitare soffe­renze ai civili. I soldati dell’esercito regolare, come quelle dell’esercito “in opposizione”, come si è autodefinita la parte fedele a Machar, non sono pagati da mesi e forse anni ed attuano le leggi di guerra antiche: i soldati si pagano con le razzie e gli stu­pri. L’ONU è presente in Sud Sudan con la spedizione UNMISS, praticamente iner­me ed impossibilitata, ancorché non autorizzata ad intervenire: la domanda che sorgerebbe spontanea è “cosa ci stanno a fare?”… ma non è il momento di polemizzare su questo.

Altre domande sorgono lecite.

Primo dubbio. Il presidente Salva Kiir è oggetto di indagine da parte della Corte Internazionale dell’Aja per genocidio e crimini di guerra: come si può continua­re a tenerlo come garante di una pace che lui stesso ha rotto più volte, che non ha mai osservato le decisioni sottoscritte con i rivali e con le garanzie di USA e GB?

Chi sostiene Salva Kiir? Il primo è sicuramente il presidente ugandese Musewe­ni, che tende a mantenere costantemente un contingente militare in Sud Su­dan “per difendere gli interessi ugandesi sul posto” (sue dichiarazioni dello scorso anno). Ma Museweni è il “referente” primario degli interessi anglo-ame­ricani nell’area, anche se poi non riesce nemmeno a tenere libera l’unica strada di comunicazione tra Uganda e Sud Sudan da banditi, soldati sbandati e crimi­nali vari, costringendo chi deve andare da Juba in Uganda a prendere un ae­reo, costosissimo, da Juba a Nairobi e poi a farsi una notte di viaggio in bus o a prendere un altro aereo da Nairobi ad Entebbe… e proseguire, magari per Gulu, che è nel nord dell’Uganda in direzione appunti del Sud Sudan…

Un ulteriore quesito, ma più sottile, forse pretestuoso, che mi pongo: ma che interesse possono avere USA e GB a far fare la pace a due contendenti di una guerra civile in cui si usano quasi esclusivamente armi anglo-americane?

Un gravissimo problema, già accennato, è quello delle violenze contro i cittadini inermi: sono mesi che i cittadini del Sud Sudan, soprattutto dagli stati Nuer del nord (Upper Nile, Jonglei) sono sfollati verso sud a causa delle violenze subite da parte dei Dinka, soldati del presidente e pastori, e negli ultimi anni hanno raddoppiato la popolazione di Juba e dintorni. Questi profughi “interni”, come li definisce il linguaggio burocratico ufficiale, sono ormai due milioni, con oltre cinquecento mila persone a rischio fame, ed una maggioranza di bambini che vivono di nulla. Negli ultimi due o tre mesi sono cominciate a ricomparire se­gnalazioni di casi di colera: gli eserciti hanno bloccato immediatamente le pos­sibilità di ingresso di aiuti e stanno impedendo “corridoi umanitari”.

I giochetti e i ricatti veri e propri tra le due etnie al potere non hanno fine; le violenze contro i civili sono all’ordine del giorno e servono da arma di ricatto nei fantomatici accordi che vengono anch’essi utilizzati non per ricostruire, o meglio per costruire, questa nuova nazione, ma per gli interessi dei contenden­ti verso il potere ed il petrolio.

Notizia dell’altro giorno: il ministro delle finanze ha chiesto alla Cina un prestito di circa due miliardi di dollari, da restituire con forniture di petrolio, soldi che dovreb­bero servire a costruire infrastrutture che non esistono (strade, oleodotto, ecc.). Sarebbe forse una prima via di rinascita, ma forse prima di ripartire sa­rebbe ora di cambiare i cavalli che tirano ognuno dalla sua parte.

Paolo Merlo

Ultime su questo tema

Tessere la pace

15 Febbraio 2020
In un momento in cui predomina la legge del più forte nei rapporti internazionali, occorre insistere sulla diplomazia e sul multilateralismo. (Piergiorgio Cattani) 

Africa, cresce il terrorismo

10 Febbraio 2020
Per il numero di attacchi e di vittime, quello appena trascorso è stato un anno terribile per il continente. A preoccupare è in particolare la zona del Sahel, dove si è concentrata l’attività jihad...

Le dieci crisi umanitarie “silenziose”: ecco le più ignorate dai media

07 Febbraio 2020
Sono in Africa nove su dieci delle cosiddette "crisi dimenticate", eventi drammatici che hanno coinvolto milioni dispersione. (Lia Curcio)

Sotto-nutrizione e obesità: due facce della stessa medaglia?

04 Febbraio 2020
“Bisogna definire un nuovo approccio per far retrocedere simultaneamente la sotto-nutrizione e l’obesità, perché questi problemi sono sempre più interconnessi”. (Alessandro Graziadei)

Giorno della memoria 2020: significato e riflessioni sul 27 gennaio

27 Gennaio 2020
Il Giorno della memoria cade ogni anno il 27 gennaio. L'evento si celebra ogni anno in Italia e nel resto del mondo: ma cosa si intende per “memoria”? E perché, e soprattutto co...

Video

Onu: Discorso di Salvador Allende