Nomadi

La scheda

Nonostante la gravità del genocidio perpetrato, la discriminazione nei confronti delle popolazioni rom e sinte esiste anche oggi. Dal dopoguerra in poi molti sono i casi di razzismo nei loro confronti, dal conflitto dei Balcani che ha riversato in Europa migliaia di rom profughi in fuga da una guerra etnica che vedeva anche loro fra le vittime, ai pogrom in Romania, al costante tentativo di assimilazione da parte dei vari Stati europei. Il boom economico degli anni ’60 ha cambiato di molto le abitudini di questa popolazione viaggiante, costringendola a divenire sedentaria: l’assenza di richiesta dei lavori tradizionali del popolo romanì sostituita dall’industrializzazione che produce gli stessi prodotti a costo minore, l’obbligo scolastico che permette il viaggio solo nei mesi estivi, le prime leggi regionali del 1970 che riconoscono l’esistenza di questi popoli, ne promuovono l’integrazione e ne autorizzano la loro sosta all’interno di appositi campi (spazi abitativi recintati e lontani dalle città). L’Unione europea indica tuttora l’Italia come il paese dei campi nomadi, contestando l’impossibilità di qualsiasi popolo a vivere “in cattività”, in uno spazio recitato. Numerose associazioni promuovono oggi i diritti e la cultura del popolo rom e sinto anche con proposte di legge che riconoscano la minoranza linguistica di questi popoli.

Leggi tutta la scheda »

Notizie

Rom e sinti: se le politiche producono ancora discriminazioni

14 Aprile 2018
Invece di programmare percorsi integrati e inclusivi si continua a costruire nuovi campi. (Anna Toro)

“Uno tsunami di migranti alla conquista dell’Europa”: niente di più FALSO

29 Gennaio 2014
I toni allarmistici da invasione con viene trattata la questione dei flussi migratori in Italia dà una visione completamente distorta delle realtà, se rapportata ai dati reali consultabili da chiun...

Nella bolgia infernale dei Cie

13 Giugno 2013
I freddi numeri resi pubblici dal ministero dell’interno sugli stranieri confinati nei CIE danno l’idea di una realtà insostenibile per un paese democratico come vorrebbe essere l’Italia. Urge una...

Mali, il nuovo fronte, tra uranio e fondamentalismo

02 Febbraio 2013
Nuova guerra in Africa, forse il Mali si trasformerà in un altro Afghanistan. Gli ingredienti ci sono tutti: complessità etnica, rivendicazioni di autonomia, territorio impervio, uno Stato deboliss...

I tuareg e la difficile partita dell’indipendenza

12 Settembre 2012
Alle nostre latitudini è difficile interpretare i mutamenti del deserto: oggi il Sahara, con il suo misterioso e millenario coacervo di culture, è attraversato da grandi conflitti che fatichiamo a...

Dove i sogni si spengono

02 Agosto 2012
Non è facile entrare in un campo per rifugiati in Etiopia, e ancor meno restarci come prete. È possibile grazie all’invito rivoltomi dalla dottoressa Alganesh, conosciuta al campo di Shousha in Tun...

Giornata internazionale dei migranti: “contro il razzismo e per i diritti”

18 Dicembre 2011
Si celebra oggi la “Giornata internazionale dei migranti” per richiamare l’attenzione sui diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie. Il Forum Sociale Mondiale ha proposto il 18 d...

Raid contro i Rom a Torino: giornalismo e ipocrisia

13 Dicembre 2011
Per lo meno La Stampa si è scusata pubblicamente. Riferendo della violenza sessuale (poi risultata del tutto inventata) denunciata da una ragazza sedicenne a Torino, il quotidiano aveva tito...

Amnesty: “Stop alla discriminazione di Stato verso i Rom”

24 Novembre 2011
Il Consiglio di stato ha dichiarato illegittimi i decreti relativi all’“emergenza nomadi”. Amnesty International ha chiesto alle autorità italiane di porre fine alle misure discriminatorie contro l...

Giornata mondiale. In Italia 170 mila rom, metà ha la cittadinanza

08 Aprile 2011
Le stime sono oscillanti, ma la percentuale è comunque una delle più basse d'Europa. La metà non italiana proviene dai Balcani e dalla Romania. Le città che accolgono il maggior numero di rom sono...

Video

Fabrizio de André - Khorakhané - Concerto 1998