Control Arms: l'Ue lancia il countdown

Stampa

Oltre 1000 persone, tra cui 120 Europarlamentari dei quali 30 italiani, hanno messo la faccia contro le armi, a sostegno della Campagna "Control arms", durante la due giorni di mobilitazione al Parlamento europeo a Bruxelles."Siamo molto soddisfatti - hanno dichiarato Massimo Paolicelli e Riccardo Troisi della Rete Italiana per il Disarmo - del lavoro svolto a Bruxelles dalla Rete Italiana per il Disarmo, che ha contribuito al successo dell'azione europea promossa da Control arms anche raccogliendo l'adesione di una trentina di membri italiani al Parlamento Europeo, di quasi tutti gli schieramenti. Queste 1000 foto, vanno ad aggiungersi ai 900.000 volti raccolti a livello internazionale, dei quali 30.000 solo in Italia".

"Bisogna fermare questo commercio di morte" - ha detto Luisa Morgantini, eurodeputata indipendente Presidente della Commissione sviluppo, presidente della Commissione sviluppo al Parlamento europeo, in occasione della due-giorni di sostegno alla Campagna control arms, sul controllo del commercio delle armi. Circa i deputati europei che hanno deciso di farsi fotografare per dire sì al controllo sul commercio delle armi la Morgantini ha commentato che è "un primo passo per bandire la violenza dalle nostre vite. Volti che si aggiungono ad altri 900.000 volti raccolti dai volontari di Control Arms in tutti i paesi del mondo. Colori diversi per un unico messaggio: spezziamo i fucili, addio alle armi'' - ha sottolineato l'eurodeputata che ha chiesto all'Unione europea di sostenere concretamente questo tipo di campagne e chiedere agli stati membri che ancora non lo hanno fatto di aggiungersi ai 45 paesi che hanno espresso il loro sostegno al trattato per regole comuni sul commercio delle armi.

L'iniziativa è stata voluta dalla Parlamentare europea Luisa Morgantini, Presidente della Commissione sviluppo e dall'europarlamentare Raul Romeva, relatore sul controllo delle esportazioni di armi , ambedue facenti parte dell'intergruppo di iniziative per la pace. L'evento ha avuto l'obiettivo di rafforzare il sostegno, espresso dal Parlamento Europeo con la risoluzione del 17 novembre 2005, al Trattato internazionale sul commercio delle armi, che si discuterà a New York alla Conferenza delle Nazioni Unite dal 26 giugno al 7 luglio. E ha inteso chiedere agli Stati membri che ancora non lo hanno fatto di aggiungersi ai 45 paesi che hanno espresso il loro sostegno al Trattato che chiede regole comuni per il commercio delle armi. Infatti ogni anno, in tutto il mondo, circa mezzo milione di esseri umani sono uccisi dalla violenza armata: una persona al minuto. Ci sono oggi circa 639 milioni di armi leggere nel mondo e 8 milioni ne vengono prodotte ogni anno.

"L'iniziativa, non termina qui - concludono Paolicelli e Troisi - infatti abbiamo chiesto agli Eurodeputati italiani di coinvolgere anche i loro colleghi che in questa due giorni non hanno potuto aderire, e poi di avviare un rapporto stabile sulla questione delle armi, anche per ottenere che tutti gli Stati membri dell'Unione Europea sostengano il Trattato internazionale" - normativa che si discuterà a fine giugno alle Nazioni Unite a New York e di sostenere la richiesta di rafforzamento del Codice di condotta europeo sul commercio delle armi"in sede di Comissione Europea.

E' intanto partito il conto alla rovescia degli "ultimi 100 giorni" in vista della Conferenza dell'ONU sulle Armi leggere che si terrà a New York dal 26 Giugno al 7 Luglio 2006. L'azione durante questi 100 giorni avrà alcuni obiettivi in comune in tutto il mondo per mettere in luce il problema globale della violenza legata all'uso delle armi. E quest'anno la Settimana Mondiale d'Azione contro le Armi leggere (22-29 Maggio 2006) rappresenta l'opportunità ideale per consegnare tutte le fotografie raccolte ai rappresentanti di governo nazionali. [GB]

Ultime su questo tema

Agenzia per lo sviluppo, in arrivo una mannaia sui fondi per le ong

12 Agosto 2019
In una nota inviata dall’Aics alle ong si palesa la riduzione dei fondi per il bando OSC 2019: da 70 a 26,4 milioni. La cooperazione allo sviluppo? Rischia di diventare mera testimonianza. Ecco la...

La cause strutturali dello spreco alimentare

06 Agosto 2019
È il modello di produzione e consumo attualmente prevalente che “per sua natura comporta un’elevata produzione di eccedenze e sprechi”. (Alessandro Graziadei)

Onu: lo sviluppo non è sostenibile se non è equo e inclusivo

26 Luglio 2019
Intervenendo al segmento  ministeriale dell’High-level Political Forum on Sustainable Development (Hlpf) in corso all’Onu a New York, il segretario generale delle Nazioni Unite, António G...

Giù le mani dai diritti umani

22 Luglio 2019
Per la riforma dei Diritti Umani non ci può essere un'azione unilaterale degli Stati Uniti. (Fabio Pipinato)

Gli ex Isis tra carnefice e galera, mogli e figli senza dove vivere

22 Luglio 2019
I dannati, ex seguaci del Califfo risparmiati dalla guerra e dalle rese dei conti. Seimila almeno nel nord della Siria, e 72 mila fra donne e bambini: mogli e figli dei combattenti votati al sedice...

Video

Onu: Discorso di Salvador Allende