Colmare il vuoto di Trump: La leadership degli Stati americani

Stampa

Anche questo anno un gruppo di giovani studenti trentini dell'Agenzia di Stampa Giovanile nell'ambito del progetto "Giochiamoci il Pianeta", accompagnato da alcuni ricercatori e insegnanti, parteciperà e racconterà la Conferenza Internazionale dei giovani sul Clima (COY13) e la Conferenza ONU sul Clima (COP23) dal 2 al 17 novembre a Bonn in Germania. Dal loro lavoro di inviati è nato questo articolo.

 Nonostante la politica (o non-politica) climatica dell’amministrazione Trump, gli Stati Uniti sono determinati a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi, ma come ci riusciranno? In risposta ai passi indietro della Casa Bianca, la situazione è stata presa in mano dalla U.S. Climate Alliance, una coalizione bipartisan formatasi nel giugno del 2017 e composta da quindici governatori degli Stati Uniti che si sono impegnati a: 

- sviluppare politiche per la riduzione delle emissioni di gas serra di almeno 26-28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2025;

- presenziare alle negoziazioni per riportare alla comunità internazionale i progressi raggiunti;

- adottare politiche di promozione dell’energia rinnovabile e di riduzione dell’inquinamento da carbone a livello locale e federale;

Alcuni governatori (Jerry Brown (California) , J. Inslee (Washington), K. Brown (Oregon), T. McAuliffe (Virginia), A. Schwarzenegger (ex governatore della California)) si sono riuniti alla Bonn Zone per illustrare le loro idee e noi abbiamo colto l’occasione per cercare di capire il loro programma. "Non è rilevante se si è Repubblicani o Democratici, marciamo tutti nella stessa direzione, non è una questione politica, ma un problema che riguarda le persone" ha detto Schwarzenegger congratulandosi con J. Brown, suo successore di appartenenza politica opposta.

Il pensiero di fondo è che, nonostante la chiusura del governo centrale, gli Stati federati hanno ampi spazi di autonomia regolamentare e di potere che verranno sfruttati per perseguire politiche climatiche in linea con l’orientamento della comunità internazionale. Come ha affermato Jerry Brown "Trump è solo una piccola parte del problema e non importa che cosa fa, noi dobbiamo fare la nostra parte".

Esempio concreto del ruolo propulsivo di questi soggetti subnazionali è stato l’annuncio di un innovativo accordo tra Canada, Messico e la U.S. Climate Alliance per la creazione della "North American Climate Leadership Dialogue", espressione dell’impegno collettivo nella battaglia contro il cambiamento climatico e nel favorire la crescita green attraverso il Nord America.  D’altronde negli speakers è apparsa chiara la consapevolezza che il cambiamento climatico è anche un’opportunità economica: non si può più immaginare uno sviluppo economico senza tutela dell’ambiente e viceversa. E questo spiega anche l’impegno assunto per fornire sostegno economico e trasferimento di conoscenze a favore delle realtà meno sviluppate poiché "l’inquinamento non conosce confini"come ricordato da C. Ballard, Ministro dell’Ambiente dell’Ontario.

Sembra dunque che esistano strade alternative e che si stia procedendo con grande determinazione ed entusiasmo al suono di "Trump Can’t Stop Us". Ma questo non è stato l’unico motto scandito durante la giornata; proprio un evento statunitense dedicato alle fonti fossili e all’energia nucleare è stato l’occasione per un’azione dimostrativa di gruppi di giovani e popolazioni indigene per rivendicare l’insufficienza delle politiche climatiche americane. 

Gli Stati Uniti riusciranno davvero a non rimanere un passo indietro?

 Irene Da Rin Betta e Madalena Lima dell'Agenzia di Stampa Giovanile

Progetto di educazione alla cittadinanza globale "Giochiamoci il Pianeta" è promosso dall'Associazione Viração&Jangada con il finanziamento della Provincia Autonoma di Trento e la collaborazione di Fondazione Fontana e Unimondo.

Ultime su questo tema

Conclusa la prima settimana alla COP: pochi i passi avanti

10 Dicembre 2019
Si è chiusa la prima settimana di lavoro della Conferenza ONU sul Clima (COP25) di Madrid. (Elisa Calliari e Roberto Barbiero)

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Invertire la rotta, prima che sia tardi

04 Dicembre 2019
Da alcuni decenni il quadro internazionale si sta frantumando e stiamo ritornando all’epoca delle “cannoniere”. (Fabio Pipinato)

È ufficiale, anche per l'Accademia le Ong non sono un “pull factor”

04 Dicembre 2019
Lo European University Institute pubblica uno studio scritto da due ricercatori italiani, Matteo Villa ed Eugenio Cusumano che mette definitivamente la parola fine alla leggenda metropolitana delle...

Ong per i diritti umani sotto attacco del governo: difende le minoranze

03 Dicembre 2019
Il presidente di Human Right Focus Pakistan denuncia le violenze compiute in nome della religione di fronte agli organismi internazionali. Due funzionari hanno visitato la sua casa e promesso “grav...

Video

Onu: Discorso di Salvador Allende