Afghanistan 2019: annus horribilis

Stampa

Sebbene, secondo fonti giornalistiche, il leader talebano mullah Hibatullah Akhundzada si sarebbe detto d’accordo con una riduzione di sette giorni della violenza in Afghanistan a condizione che venga firmato un accordo di pace con gli americani, il 2019 si è chiuso per il Paese nella maniera più nefasta per le vittime civili della guerra. Lo dice Human Rights Watch nel suo World Report 2020.

L’organizzazione di monitoraggio dei diritti umani scrive in proposito che gli attacchi delle varie parti coinvolte nel conflitto armato hanno causato nel 2019 danni devastanti alla popolazione civile e che, per la prima volta, i decessi causati dall’esercito nazionale afgano e dalle operazioni degli Stati Uniti hanno superato quelli causati dai talebani nella prima metà del 2019. Effetti dovuti in gran parte al forte aumento dei raid aerei statunitensi.

l rapporto contenuto nella trentesima edizione del rapporto annuale sostiene che le forze speciali afgane, sostenute dalla US Central Intelligence Agency (CIA), hanno effettuato “esecuzioni sommarie e sparizioni forzate” soprattutto durante raid aerei notturni.

Segue su: Atlanteguerre.it

Ultime su questo tema

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)

Droga: Sirisena imitava Duterte?

18 Febbraio 2020
La Corte suprema dello Sri Lanka ha deciso di sospendere per la seconda volta l’applicazione della sentenza di morte per i trafficanti di droga. È incostituzionale. (Alessandro Graziadei)

Africa, cresce il terrorismo

10 Febbraio 2020
Per il numero di attacchi e di vittime, quello appena trascorso è stato un anno terribile per il continente. A preoccupare è in particolare la zona del Sahel, dove si è concentrata l’attività jihad...

La sfida al caporalato? Si vince (anche) a tavola

09 Febbraio 2020
Intervista a Yvan Sagnet, scrittore e sindacalista. “Bisogna intervenire sulla tracciabilità delle filiera, che porta tutti ad assumersi una responsabilità". (Eleonora Camilli)

India: prove di guerra civile?

06 Febbraio 2020
La “violenza settaria” dei fondamentalisti indù sembra essere diventata un pericolo per la democrazia indiana. (Alessandro Graziadei)

Video

Riccardo Iacona: Viaggio nell'inferno delle carceri italiane