Arabia Saudita: “Tre studiosi islamici condannati a morte”

Stampa

Foto: Nena-news.it

Tre importanti studiosi sauditi detenuti da Riad perché accusati di “terrorismo” saranno condannati a morte a fine Ramadan (il prossimo mese). A sostenerlo è un articolo pubblicato ieri dal portale Middle East Eye. Citando due fonti governative e una di uno dei partenti degli imputati, il sito afferma che a salire sul patibolo saranno Shaykh Salman al-Awdah, Awad al-Qarni e Ali al-Omari. Tuttavia, al momento le autorità saudite non hanno confermato la notizia.

Al-Awdah è uno studioso islamico definito dall’Onu “riformista”. Al-Qarni è un predicatore e accademico. Al-Omari è un popolare presentatore televisivo.

Middle East Eye scrive che i tre aspettano di essere processati alla Corte penale speciale di Riyad dopo essere stati arrestati nel settembre 2017 nel corso della “campagna anti-corruzione” decisa dal principe ereditario bin Salman contro centinaia di importanti figure del regno. Gli arresti provocarono l’immediata condanna delle Nazioni Unite e di note ong per i diritti umani come Human Rights Watch e Amnesty International. A criticarli furono persino alcuni commentatori occidentali che negli ultimi anni hanno raccontato di un Paese guidato da un “giovane principe modernizzatore”.

Nel gennaio 2018 esperti dell’Onu hanno denunciato “l’uso continuativo delle leggi dell’anti-terrorismo e della sicurezza nazionale contro i difensori dei diritti umani”.“Nonostante sia stata eletta membro del Consiglio dei diritti umani alla fine del 2016 – scrissero in un report le Nazioni Unite – Riyad ha continuato la sua pratica di mettere a tacere, arrestare arbitrariamente, detenere e perseguitare gli oppositori e chi difende i diritti umani”.

Per Ali al-Ahmad, una vecchia figura di opposizione e capo dell’Istituto per gli Affari del Golfo di stanza negli Usa, la (presunta) condanna a morte dei tre uomini è un “crimine che ha come obiettivo quello di terrorizzare i cittadini sauditi e di sottometterli”.

Tuttavia, secondo Yahya Assiri, fondatore dell’ong saudita per i diritti umani Alqst basata a Londra, la notizia riportata da Middle East Eye non è vera. “Tutto è possibile per le autorità saudite dato che sono brutali, oppressive e ignoranti, ma nessuno è stato incriminato e giustiziato. Questa notizia è un danno per la vittima, per la situazione dei diritti umani e per il nostro lavoro”. 

Da Nena-news.it

Ultime su questo tema

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Se Lula torna libero nel Brasile del Bolsonaro distruggi Amazzonia

09 Ottobre 2019
Il Tribunale Supremo Federale di Brasilia apre alla possibile scarcerazione di Lula, ma la sua difesa e suoi sostenitori nel Paese temono qualche colpo di mano di Bolsonaro e magistratura arruolata...

Albania, giornalismo all’ombra della censura

02 Ottobre 2019
Con la nuova stagione alle porte, i palinsesti televisivi albanesi si rinnovano, ma il panorama mediatico rimane invariato e i dubbi su episodi di pressioni e censura sono in aumento.&nbs...

Prosegue l’assedio indiano sul Kashmir

13 Settembre 2019
L’assedio indiano sul Kashmir prosegue con forza: dopo il duro colpo all’autonomia della regione di inizio agosto, il gigante asiatico è passato alla repressione del dissenso e all’isolamento di ch...

Giornalisti empatici

15 Luglio 2019
Il reporter può mettersi in una disposizione costruttiva e fiduciosa nei confronti dei propri interlocutori? Gli ultimi dolorosi avvenimenti legati alle migrazioni e alle guerre ci dicono che non s...

Video

XVIII Giornata per la libertà di stampa nel mondo