Il tragico tramonto del Venezuela

Stampa

Esisteva una volta un paese ricco, prospero, pieno di risorse e materie prime; la quarta economia dell’America Latina per prodotto nazionale, dove fiorivano industrie chimiche, metallurgiche, meccaniche, alimentari e agricole (caffé, cacao, tabacco, canna da zucchero, cotone, vaniglia, alberi da frutta). Certo, la voce principale, é sempre rimasta l’estrazione e raffinamento del petrolioGrazie alle esportazioni del greggio, infatti, il Venezuela era considerata tra le economie piú ricche al mondo negli anni ‘70, con infrastrutture turistiche, cittá dinamiche e all’avanguardiaMoltissimi italiani durante la seconda parte del ventesimo secolo decisero di emigrarci (negli anni ´80 si contavano circa 400 mila persone tra italiani emigrati dall’Italia e discendenti di seconda o terza generazione, intorno al 3% della popolazione), tanto che il Venezuela a tutt’oggi rappresenta uno dei paesi a maggiore affluenza migratoria italiana, in America Latina solo dietro a Argentina e Brasile. Lo specchio di un’economia emergente, dove la popolazione cresceva e il futuro prometteva bene.

Come si é arrivati alla drammatica situazione attuale? Come si é potuta scatenare e perpetuare una simile crisi? La crisi ha risvolti economici, sociali, ideologici, ed é tanto impietosa quanto priva di speranza. Sfida la tolleranza del suo popolo, si fa beffe delle sue sofferenze e lo conduce a una catastrofe senza precedenti. Una crisi che non ha fondo né logica, se non nel comportamento mentecatto e criminale della sua classe dirigenteNon c’é neanche piu spazio per una soluzione politica, dopo il voto controverso che quest’anno ha confermato Maduro alla presidenza del Venezuela per il periodo 2019-2025, e che non é stato riconosciuto dalla comunitá internazionaleL’emigrazione venezuelana ha ormai raggiunto cifre sconcertanti. In pochi anni sono giá saliti a 2,6 milioni i venezuelani scappati dal propio paese: un numero terrificante, se si associa all’unica grande causa di questo esodo massivo: le politiche dittatoriali di Nicolas Maduro, leader del paese dal 2013, quando ricevette il testimone di Hugo Chavez, quale suo fedelissimo delfino,che aveva guidato il Venezuela dal 1999 fino alla sua morte.

Come biasimare le orde di migranti disperati che cercano rifugio nei paesi limitrofi, visto lo stato di totale squilibrio, caos, tipico delle guerre, che si vive nel paese. Dopo due decenni di «rivoluzione bolivariana», il paese é sommerso da un’iperinflazione (le stime del FMI parlano di 1.000.000 per cento nel 2018) che polverizza il potere d’acquisto della gente, una crisi migratoria di milioni di persone, quasi esclusivamente via terra, (letteralmente camminando), fame e piaghe sanitarie ovunque (due venezuelani su tre hanno perso peso per colpa della miseria) e il contemporaneo collasso dell’economia e della democrazia. Gente che muore per mancanza di trattamento medico e medicinali, malati di cancro che si son visti interrompere la chemioterapia, diabetici che soffrono per non avere accesso all’insulina, bambini senza antibiotici. Il Venezuela per quattro anni consecutivi é stato il paese con il più alto indice di miseria al mondo (2013-2016). Oggi 8 famiglie su 10 vivono sotto la soglia di povertà e lottano quotidianamente per la ricerca di cibo, spendendo in media il 90% del suo reddito per generi alimentari. Fa scioccare il fatto che addirittura la costituzione fisica dei Venezuelani, generalmente sani e robusti, si stia modificando. I bambini sono piú magri, sciupati, come a dimostrare, ad occhio nudo, gli effetti delle politiche di questo governo. Effetti che il governo si ostina a non vedere. 

I sintomi della crisi erano giá noti negli ultimi anni di governo Chavez, anche se fino alla sua morte gli indicatori macroeconomici, piú o meno truccati, reggevano, soprattutto grazie al boom delle quotazioni del petrolio, che rappresentano piú del 90% del totale delle esportazioni nazionali. Il governo chavista nel 2004 aveva fissato la paritá contro il dollaro a 1,6, un tasso giá allora ritenuto irrealistico. Ció nonostante la fortuna finisce e iniziano a venire al pettine i nodi di un’economia stagnante, incapace di diversificarsi, e di promuovere investimenti strutturali. L’inflazione sale, le riserve valutarie si contraggono e il governo svaluta la moneta. Un classico visto tante volte in altrettante economie totalitarie e centralizzade. Se a questo aggiungiamo l’inesorabile fuga dei capitali dal paese, gli scontri diplomatici e la chiusura al libero mercato (certo escludendo il petrolio, che per un terzo viene sempre venduto agli Stati Uniti), l’esito é devastante. La chiusura al libero mercato significa stabilire dei prezzi “amministrati”, cioé fuori da ogni dinamica di mercato, e impedire al cambio di fluttuare liberamente, di fatto creando un’enorme discrepanza tra il cambio quotato e il cambio sul mercato nero, che inevitabilmente collassa. 

Nel 2015 e 2016 il tracollo del prezzo del petrolio non può che dare il colpo di grazia all’economia del paese. I prezzi massimi imposti dal regime e i bassi investimenti acuiscono l’immobilitá economica e si assiste cosí a un crollo del PIL, unito al prosciugamento delle riserve in moneta forte. La conseguente esplosione iperinflazionistica e caduta di valore del bolivarsul mercato nero – il mercato di tutti i giorni per capirci – decretano la fine della produzione nazionale (PIL a -19% e -15% nel 2016 e 2017 rispettivamente). La maggior parte delle fabbriche espropriate e nazionalizzate non riesce piú a importare materie prime e semi-lavorati, e fallisce. Le famiglie corrono ad acquistare i pochi dollari offerti sul mercato nero a tassi di cambio sempre più alti, perché nessuno vuole tenersi i bolivares “sovrani”, ormai ridotti a carta straccia. Tutto questo, mentre il governo costringe la banca centrale a stampare sempre più banconote per finanziare il suo deficit fiscale crescente, date le minori entrate derivanti dal petrolio (per produttivitá ed esportazioni calanti, oltre al fatto che con quel petrolio Maduro ci paga i creditori cinesi e russi). Un mese fa, con un solo dollaro ci si poteva comprare in Venezuela 8,7 milioni di litri di benzina, circa lo stesso valore di una scatoletta di tonno.

La soluzione? Smettere di stampare moneta per ripagare il deficit fiscale cronico del paese, liberalizzare il tasso di cambio e porre fine all’assurdo controllo sui prezzi. Successivamente si dovrebbe ancorare la moneta nazionale a un asset solido, quale l’oro, o direttamente convertirla nel dollaro americano. Ció richiederebbe un cambio di regime, e tutto ció, come sappiamo, é pura utopia. Maduro ha eretto una dittatura militare quasi impossibile da espugnare, neppure dopo la vittoria nel 2016 dell’opposizione all’Assamblea Nazionale, o dopo il tentativo, fallito, di attacco a Maduro del 4 agosto scorso, il cui presunto colpevole é scomparso qualche settimana fa in circostanze sospetteIntanto il popolo venezuelano vive nella disperazione, come con una pallottola sottopelle che non si riesce a rimuovere. Fame, malattie, criminalitá, migrazione di massa, aggressioni a leader dell’opposizione, tutti fenomeni spudoratamente smentiti dall’elíte corrotta dominante che appoggia il regime. Come l’ambasciatrice venezuelana in Ecuador, espulsa pochi giorni fa per aver detto che Lenin Moreno (Presidente dell’Ecuador) dice il falso affermando che ogni giorno l'Ecuador riceve seimila venezuelani in fuga dal loro paese. 

In Colombia, come in Ecuador, Perú, Cile, ritrovi frotte di venezuelani, spesso impiegati in lavori ambulanti, o elemosinando ai semafori, in cerca di un’opportunitá, che spesso termina in sfruttamento. Altri evitano le grandi cittá e arrivano in comunitá rurali delle quali non avevano mai sentito parlare. Tutti sono accomunati da un pensiero: nel loro paese non ci possono, né vogliono tornare.

Marco Grisenti

Mi chiamo Marco Grisenti e sono da poco entrato nell’arcano capitolo dei 30. Nato a Bolzano, cresciuto in Trentino, durante gli anni universitari, appena potevo, partivo per qualche meta Europea, abbattendo barriere fuori e dentro di me. Ho vissuto in Inghilterra, Estonia, Spagna, Lussemburgo, stretto amicizie con mondi altrimenti estranei, imparato qualche lingua e giocato al fuggitivo. Laureato in Analisi Finanziaria, nel 2014 ho passato un anno in Unicredit a Milano, impotente di fronte a tante domande. Dopodiché hanno iniziato a brillarmi gli occhi: nel 2015 in Guatemala ho lavorato per una ONG impegnata nello sviluppo di imprese sociale. Da fine 2015 vivo a Quito e lavoro come analista per Microfinanza Rating realizzando valutazioni finanziarie e di impegno sociale a organizzazioni di microcredito in America Latina. Credo in un mondo piú equo, ma sono giá follemente innamorato di questo. Per Unimondo cerco di trasmettere, senza filtri, la sensibilitá che incontro quotidianamente. 

Ultime su questo tema

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Genova, porto aperto alle armi?

17 Maggio 2019
Le associazioni coalizzate per fermare l’invio di bombe utilizzate nel conflitto in Yemen lanciano un appello per impedire l’accesso ad una nave che sta cercando porti europei per caricare armament...

Amazzonia: scontro di paradigmi

15 Maggio 2019
Quando arrivai nell’Amazzonia boliviana, dopo 25 anni in Bolivia sulle Ande, scoprii che la mia ignoranza rispetto all’Amazzonia era immensa! (Fabio Garbari)

Peggiora la sicurezza in Burkina Faso

10 Maggio 2019
Solo nell’ultimo anno ci sono stati più di 300 attacchi di bande jihadiste, con centinaia di vittime. (Lia Curcio)

Video

Diritti Umani