Droga: Sirisena imitava Duterte?

Stampa

All'inizio del 2019 lo Sri Lanka ha lanciato una campagna contro il traffico di stupefacentireintroducendo anche la pena di morte per impiccagione nel caso dei crimini ad esso legati. La decisione di sospendere la moratoria sulle condanne a morte, presa dal controverso ex presidente dello Sri Lanka Maithripala Sirisenadoveva essere l’atto conclusivo del mandato presidenziale di Sirisena, sostituito a metà novembre dal neo presidente Gotabaya Rajapaksa, ma è stata sospesa per la seconda volta fino al 20 marzo 2020 da una sentenza della Corte Suprema cingalese. La sentenza è stata emessa dai quattro giudici che hanno accolto le 12 petizioni presentate da Human Rights Commission of Sri Lanka e altre  organizzazioni che si battono contro la pena capitale e per i diritti umani in generale, non solo dei detenuti. L’arbitraria  decisione di Sirisena, infatti, era stata subito contestata dagli attivisti per i diritti umani del Paese che avevano denunciato l’incostituzionalità di una scelta politica “ad personam”, nello specifico presa contro un determinato gruppo di prigionieri.

Così la ricerca di boia per impiccare i condannati a morte per droga, apparsa nei mesi scorsi sul Daily News dopo 43 anni dalla sospensione delle pene capitali, può dirsi almeno per il momento finita, anche senza aver trovato i candidati maschi tra i 18 e i 45 anni, con “eccellente indole morale” e “forza mentale”, come richiesto negli annunci. Secondo i difensori dei diritti umani e adesso anche per i giudici della Corte Suprema, la scelta dell’ex presidente Sirisena di ripristinare la pena di morte solo per coloro che sono implicati nello spaccio o nel narco-traffico, viola di fatto l’art. 12(1) della Costituzione che stabilisce il diritto fondamentale “all’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge e all’equa protezione da parte della legge”. Attualmente, da quando nel 1976 in Sri Lanka è entrata in vigore una moratoria sulla pena di morte, sull’isola sono state condannate  alla pena capitale 1.299 persone, ma le sentenze sono rimaste sospese e i condannati in carcere, compresi i 48 detenuti colpevoli di crimini legati allo spaccio. 

I dati legati al consumo e allo spaccio di droga negli ultimi anni sono il termometro di un’emergenza non solo in Asia. In Sri Lanka la battaglia avviata da Sirisena ha trovato l’appoggio del card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, che ha più volte affermato che è “nostro dovere di cristiani sostenere il presidente nello sforzo di proteggere i nostri figli dal pericolo della droga” ed ha organizzato la scorsa primavera un’imponente manifestazione per dire “No alla droga” per le via di Colombo assieme a centinaia di fedeli cattolici e buddisti. I cattolici per l’occasione avevano organizzato ben tre cortei partiti da altrettante parrocchie e confluiti al Vystwyke Park di Kotahena in centro città. “Se non agiremo subito, la minaccia della droga entrerà nel nostro sistema economico”, aveva sostenuto il card. Ranjith che pur ricordando come “tutti i leader religiosi dovrebbero opporsi allo spaccio di droga” aveva ribadito come cristiano e come cittadino che “non è conveniente attuare la pena di morte per sconfiggere questa piaga”. Una posizione simile a quella espressa anche dal venerabile Thambawita Gunawansa Thera che con la comunità buddista aveva aderito alla marcia ricordando che “Il buddismo è una religione che considera le droghe un male sociale e per questo vuole eliminarle dal mondo” almeno quanto vorrebbe fare “con la pena di morte”.

L’arcivescovo aveva anche esortato la comunità cristiana a gesti concreti di responsabilità sociale: “Anche se il presidente ha nominato una task force per combattere le droghe e sono stati effettuati molti arresti, non possiamo lasciare che le cose ci scivolino addosso. Chiediamo a tutti i cattolici e a tutti gli uomini e le donne di buona volontà di aiutare le vittime di questa piaga. È un nostro dovere come cristiani farlo e provare a fare di più”. Sì perché il rischio che dietro a questa “crociata” poliziesca non vi sia la soluzione del problema droghe è concreto. L’ex presidente Sirisena, infatti, è stato accusato di emulazione del filippino Rodrigo Duterte, autore di una feroce guerra alla droga nel suo Paese, visto che per sua stessa ammissione la decisione dell'ex presidente era maturata dopo una visita nelle Filippine. Qui però la lotta extragiudiziale alla droga si è lentamente trasformata in una guerra ai poveri. Secondo Rise Up for Life and for Rights un gruppo di attivisti per i diritti umani, leader religiosi e famiglie di persone filippine che hanno perso la vita a causa di operazioni antidroga, "nel caso filippino non sono sempre i criminali a finire sotto il fuoco della polizia e anche quando è così questo avviene negando sistematicamente la possibilità di un giusto processo"

Per la rete Rise Up, che coordina dal 2016 gli sforzi per contrastare gli omicidi, cercare giustizia ed è impegnata in programmi per sostenere le famiglie delle vittime ed aiutare i tossicodipendenti a riabilitarsi, “La cosiddetta guerra alla droga, indetta dal Presidente Duterte dopo la sua ascesa al potere il 30 giugno 2016 ha subito sollevato sospetti allarmanti: in soli due mesi, le persone uccise in circostanze da chiarire erano già circa 4mila. La cosa ancor più preoccupante è che le vittime appartenevano alle comunità urbane più povere e non sono mai state sottoposte a un regolare processo”. Per tutti quelli che considerano la soluzione filippina un esempio anche per lo Sri Lanka, la società civile filippina a quasi 4 anni dall’inizio del “sistema Duterte” si sta rendendo conto che per ora il giro di vite contro la droga sta sempre più spesso criminalizzando persone innocenti e le uccisioni extragiudiziali sono diventate una normaUn timore che sta alla base anche delle proteste della società civile cingalese schierata a favore della moratoria sulle condanne a morte.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime su questo tema

Le disuguaglianze di genere non vanno in quarantena

01 Aprile 2020
Nell’emergenza Covid-19 un aspetto cruciale è sottaciuto: la condizione di tante donne impegnate in tempi di quarantena nelle attività di produzione e riproduzione sociale. Serve una saldatura tra...

Vicario d’Arabia: Un impatto ‘devastante’ il coronavirus in Yemen

31 Marzo 2020
Mons. Hinder sottolinea la preoccupazione per una possibile diffusione del Covid-19 in un Paese martoriato da cinque anni di guerra. Mancano le strutture sanitarie per arginare l’epidemia. L’impatt...

Perché non lo lasci?

27 Marzo 2020
Le donne che subiscono violenza psicologica tendono a vedersi con gli occhi del maltrattante. E alcuni diffusi stereotipi aumentano il disagio. (Lia Curcio)

Il nostro welfare? Incapace di tutelare i diritti umani delle persone con disabilità

26 Marzo 2020
Intervista con Giampiero Griffo, presidente di DPI Italia e esperto di diritti delle persone con disabilità nelle emergenze. «Nei momenti di crisi risorgono vecchi schemi e stereotipi, la logica mi...

Tra i più deboli in guerra contro il virus

20 Marzo 2020
“L’impatto del Covid19 può essere fortemente aggravato dalle condizioni sociali, economiche e ambientali di chi vive senza un tetto, in baraccopoli, campi rom, carceri. In Italia è il caso di Foggi...

Video

Diritti Umani