Arabia Saudita: “Tre studiosi islamici condannati a morte”

Stampa

Foto: Nena-news.it

Tre importanti studiosi sauditi detenuti da Riad perché accusati di “terrorismo” saranno condannati a morte a fine Ramadan (il prossimo mese). A sostenerlo è un articolo pubblicato ieri dal portale Middle East Eye. Citando due fonti governative e una di uno dei partenti degli imputati, il sito afferma che a salire sul patibolo saranno Shaykh Salman al-Awdah, Awad al-Qarni e Ali al-Omari. Tuttavia, al momento le autorità saudite non hanno confermato la notizia.

Al-Awdah è uno studioso islamico definito dall’Onu “riformista”. Al-Qarni è un predicatore e accademico. Al-Omari è un popolare presentatore televisivo.

Middle East Eye scrive che i tre aspettano di essere processati alla Corte penale speciale di Riyad dopo essere stati arrestati nel settembre 2017 nel corso della “campagna anti-corruzione” decisa dal principe ereditario bin Salman contro centinaia di importanti figure del regno. Gli arresti provocarono l’immediata condanna delle Nazioni Unite e di note ong per i diritti umani come Human Rights Watch e Amnesty International. A criticarli furono persino alcuni commentatori occidentali che negli ultimi anni hanno raccontato di un Paese guidato da un “giovane principe modernizzatore”.

Nel gennaio 2018 esperti dell’Onu hanno denunciato “l’uso continuativo delle leggi dell’anti-terrorismo e della sicurezza nazionale contro i difensori dei diritti umani”.“Nonostante sia stata eletta membro del Consiglio dei diritti umani alla fine del 2016 – scrissero in un report le Nazioni Unite – Riyad ha continuato la sua pratica di mettere a tacere, arrestare arbitrariamente, detenere e perseguitare gli oppositori e chi difende i diritti umani”.

Per Ali al-Ahmad, una vecchia figura di opposizione e capo dell’Istituto per gli Affari del Golfo di stanza negli Usa, la (presunta) condanna a morte dei tre uomini è un “crimine che ha come obiettivo quello di terrorizzare i cittadini sauditi e di sottometterli”.

Tuttavia, secondo Yahya Assiri, fondatore dell’ong saudita per i diritti umani Alqst basata a Londra, la notizia riportata da Middle East Eye non è vera. “Tutto è possibile per le autorità saudite dato che sono brutali, oppressive e ignoranti, ma nessuno è stato incriminato e giustiziato. Questa notizia è un danno per la vittima, per la situazione dei diritti umani e per il nostro lavoro”. 

Da Nena-news.it

Ultime su questo tema

Ritiro degli USA dall'Accordo di Parigi getta un'ombra sulla COP25

13 Dicembre 2019
La prossima uscita degli Stati Uniti dagli Accordi di Parigi è uno dei momenti più bui della governance mondiale del clima e potrebbe determinare una diminuzione d’entusiasmo per qualsiasi decision...

Petrini: «Sì alla tecnologia se non danneggia i deboli e la Terra»

09 Dicembre 2019
La rivoluzione tecnologica attuale è figlia del lavoro e dell’intelletto dell’uomo e come tale dovrebbe anche essere per l’uomo. Ma è davvero così? Qual è il ruolo della tecnologia nella...

Marocco ed Egitto, carcere per chi critica

06 Dicembre 2019
Il rapper marocchino Gnawi condannato a un anno di carcere per una canzone contro le violenze del governo, l’attivista copto egiziano Ramy Kamel in detenzione preventiva con l’accusa di terrorismo...

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Invertire la rotta, prima che sia tardi

04 Dicembre 2019
Da alcuni decenni il quadro internazionale si sta frantumando e stiamo ritornando all’epoca delle “cannoniere”. (Fabio Pipinato)

Video

Diritti Umani