Ong: oggi presidio alla Farnesina per lo stop ai fondi per la diga Gibe III in Etiopia

Stampa

Foto dal Rapporto della Crbm sulla diga Gibe in Etiopia

Le associazioni della Campagna CRBM promuovono oggi, martedì 15 giugno alle 15.30, un presidio davanti alla Farnesina per chiedere al Ministro degli Esteri, Franco Frattini, non finanziare il progetto di centrale idroelettrica di Gibe III in Etiopia. "Dopo aver azzerato i fondi della cooperazione, il Governo intende ora finanziare la diga Gibe III in Etiopia con 250 milioni di euro. Un progetto sul quale pesano gravi irregolarità procedurali e che viene finanziato in un momento in cui viene varata una manovra finanziaria con tagli drastici alla spesa pubblica" - afferma la CRBM.

"Questa potrebbe sembrare la storia di un progetto di cooperazione qualunque. Ma non lo è" - afferma la CRBM che in un comunicato in cui ricostruisce le tappe salienti di una vicenda che comincia nel 2004 quando la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (Dgcs) approva il più grande credito d’aiuto mai concesso prima dalla cooperazione italiana, 220 milioni di Euro per la costruzione dell’impianto idroelettrico Gilgel Gibe II in Etiopia. "I lavori, già iniziati, sono stati assegnati dal governo etiope ad una nota azienda italiana - la Salini Costruttori, ndr - senza gara d’appalto e sulla base di studi ambientali giudicati parziali dal nucleo di valutazione tecnica della stessa Direzione Generale" - evidenzia la Campagna che ricorda, inoltre, come il Ministero dell’Economia e delle Finanze avesse espresso un parere sfavorevole anche perchè l’Italia era in procinto di cancellare all’Etiopia un debito pari a 320 milioni di euro.

Nonostante le valutazioni negative dei tecnici il progetto viene misteriosamente approvato. Su tale mistero ha indagato anche la procura di Roma fra il 2006 ed il 2007, che in poco tempo ha archiviato l’inchiesta. "Sulla vicenda cade uno strano silenzio. A gennaio del 2010 l’impianto viene inaugurato alla presenza del ministro Frattini e delle autorità etiopi. Due settimane dopo, il tunnel infrastruttura principale dell’impianto, crolla. Ad oggi l’impianto non è ancora in grado di produrre energia elettrica".

Intanto - rocorda la CRBM - nel 2006 la nota azienda italiana Salini Costruttori firma un altro contratto con il governo etiope. Questa volta si tratta di una mega-diga sullo stesso bacino, poco più a sud dell’altro. Si chiamerà Gilgel Gibe III e sarà una delle più grandi dighe africane. "Anche questo contratto è assegnato senza gara ed i lavori iniziano senza studi di impatto e senza i necessari permessi ambientali. Tutto procede per il meglio, fino a che alcune Ong internazionali durante una missione in Etiopia realizzano quello che sta veramente accadendo: un mega sbarramento di 240 metri in una delle zone a più alta diversità culturale e biologica dell’Africa. Quindici comunità indigene che vivono grazie alle piene naturali di un fiume vedono minacciata la loro sopravvivenza. Un lago desertico, il Turkana, nel vicino Kenya che rischia di ridursi drasticamente compromettendo la pesca locale, unica attività produttiva della regione" - evidenzia la CRBM.

"Un governo repressivo che arresta chiunque esprima dissenso e chiude tutte le associazioni di comunità. Il silenzio è rotto e la società civile internazionale lancia la campagna "Stop a GIBE 3" per fermare il progetto. I finanziatori tentennano, riconoscono la necessità di rifare gli studi di impatto ambientale e sociale. Ma il governo Etiope va avanti da solo e cede un pezzo di progetto ad una società cinese in piena campagna elettorale per dimostrarsi vincitore di quello che ormai è diventato un braccio di ferro internazionale". Secondo le dichiarazioni dell’azienda energetica etiope EEPCo riportate da Survival International, la più grande banca della Cina, la Banca dell’Industria e del Commercio, sarebbe sul punto di fornire un prestito di circa 400 milioni di dollari per la costruzione della diga etiope Gibe III.

"Per questo - sottolinea la campagna CRBM - saremo oggi a Piazzale della Farnesina, dove l’Italia ambisce a fare affari con regimi dalla scarsa caratura democratica, con i nostri soldi, in un momento in cui viene varata una manovra finanziaria con tagli drastici alla spesa pubblica, per un progetto che non ha niente a che vedere con lo sviluppo ma, al contrario, affamerà ed incrementerà la povertà di mezzo milione di persone". Al presidio ordierno davanti alla Farnesina parteciperà anche una delegazione di rappresentanti delle comunità locali impattate dal progetto Gibe III che incontrerà la dirigenza della Cooperazione Italiana.

Va ricordato che nelle scorse settimane una lettera firmata dalla maggioranza delle Ong italiane è stata inviata al Ministro degli Esteri Franco Frattini e alla direttrice del dipartimento sulla cooperazione Elisabetta Belloni per chiedere che il nostro Governo non finanzi il progetto di centrale idroelettrica di Gibe III in Etiopia. La coalizione Counter Balance, la Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Friends of Lake Turkana, International Rivers e Survival International hanno lanciato una petizione internazionale per difendere i diritti delle popolazioni della Valle dell’Omo e della regione del lago Turkana, e di attivarsi per fermare il progetto distruttivo Gibe III. [GB]

Ultime su questo tema

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

I dilemmi della lotta per il clima e l’ambiente

16 Settembre 2019
La crisi climatica al centro degli allarmi lanciati da Greta Thunberg marcia parallelamente a una crisi ambientale, anch’essa planetaria, come ci ricordano sempre quelli di Extinction Rebellion, la...

Europa e Tunisia: un rapporto di buon vicinato?

14 Settembre 2019
Da tempo si discute di un accordo di libero scambio tra la UE e il Paese africano. Ma tra il dire e il fare c’è anche di mezzo l’olio… (Ferruccio Bellicini

Flat tax, disuguaglianze e le tasse dei futuri governi

13 Settembre 2019
Il cambiamento sociale dipende dalla distribuzione della ricchezza: le tasse vanno diminuite ai lavoratori e aumentate ai più ricchi.  Un pezzo di Salvatore Morelli, economista e membro d...

Resistenza e profezia in Amazzonia

12 Settembre 2019
«Per noi i nomi sono importanti. La nostra città si chiama Açailândia, terra dell’açaì, il frutto amazzonico più carico di vita. La madre terra, come tutte le madri, ci dà il nome. Il nostro quarti...

Video

Obiettivi di Sviluppo del Millennio