Olimpiadi: nessuna medaglia a Cina e Cio per i diritti umani

Stampa

Olimpiadi in Cina: la denuncia di RSF

Al termine dei Giochi olimpici di Pechino sono fortemente negativi i giudizi delle associazioni per la tutela dei diritti umani sia nei confronti delle autorità cinesi che del Comitato internazionale olimpico (Cio).

Amnesty International ha accusato le autorità cinesi di "aver preferito badare all'immagine rispetto alla sostanza e di aver continuato a perseguitare e punire attivisti e giornalisti durante le Olimpiadi" e ha inoltre criticato il Cio per "aver macchiato l'eredità dei Giochi in tema di diritti umani, chiudendo un occhio sulle violazioni commesse". "Le autorità cinesi e il Cio avevano l'opportunità di mostrare che il rispetto dei diritti umani fosse migliorato, ma hanno ampiamente fallito: sfratti forzati, arresti di attivisti e restrizioni ai danni dei giornalisti non dovranno caratterizzare un'altra Olimpiade" - riporta il comunicato di Amnesty International a seguito della dichiarazione del pocopresidente del Cio, Jacques Rogge, che durante la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Pechino ha detto: "Questi sono stati Giochi davvero eccezionali".

"È davvero giunto il momento che il Cio metta in pratica i propri valori-chiave della 'dignità umana' e dei 'principi etici universali e fondamentali', facendo dei diritti umani un nuovo pilastro dei Giochi olimpici" - sottolinea Amnesty nel chiedere al Cio di "imparare la lezione di Pechino, includendo chiari e misurabili indicatori dell'impatto sui diritti umani in tutte le future valutazioni di candidature all'assegnazione delle Olimpiadi e nei contratti con le città ospitanti". Amnesty comunque ha riconosciuto che le autorità cinesi hanno preso alcuni provvedimenti positivi, come lo sblocco di alcuni siti internazionali in risposta alle forti proteste dell'opinione pubblica espresse dai giornalisti a Pechino prima dell'inizio dei Giochi.

Per l'associazione Human Rights Watch (HRW) le Olimpiadi sono state un "catalizzatore di abusi" e invece che migliorare la situazione, non hanno fatto altro che peggiorarla. "I Giochi di Pechino 2008 hanno messo fine, una volta per tutte, alla nozione che queste Olimpiadi sarebbero state una 'spinta verso il bene' (espressione usata dal presidente del Cio - ndr). La realtà è che l'ospitare i Giochi è stata per il governo cinese un catalizzatore di abusi che ha portato a massive violazioni, all'incremento degli arresti, della detenzione e degli abusi verso i critici, a violazioni dei diritti di libertà di stampa e all'incremento della repressione politica" - riporta la nota di Human Rights Watch. L'associazione evidenzia inoltre che "nessuno dei politici o dei membri del Cio che sono andati a Pechino ha approfittato dell'occasione per criticare il comportamento del governo cinese".

Anche Reporters sans Frontieres (RsF) ha accusato il Cio di aver fallito in un'edizione dei Giochi caratterizzata da arresti, condanne, censura e stretta sorveglianza. La nota di Reporters sans Frontieres parla di un bilancio catastrofico per quanto riguarda la libertà di espressione, con almeno 22 giornalisti stranieri "attaccati, detenuti o disturbati mentre cercavano di svolgere il loro lavoro". "A differenza da quanto era stato annunciato, in Cina non c'è stata nessuna tregua olimpica nella repressione delle libertà individuali" - evidenzia RsF.

Asianews fornisce un bilancio dei Giochi olimpici attraverso diversi articoli di attivisti e gionalisti cinesi. "La Cina era davvero pronta ad ospitare le Olimpiadi?" - si chiede Li Datong, giornalista cinese che nel gennaio 2006 è stato licenziato da uno degli organi di informazione più influenti del Paese per aver criticato la censura e l'influenza del Partito sulla stampa. "Quando, con tutta calma, i leader cinesi saranno capaci di affrontare le proteste interne e internazionali, e quando il presidente cinese potrà appassionarsi per un evento sportivo come il suo omologo americano, invece che sedere sulle poltroncine impassibile come un pezzo di legno⅀ in quel momento potremo finalmente dire: 'la Cina è pronta!' - afferma Li Datong.

Tracciando un primo bilancio, Wang Zhicheng afferma che "ciò in cui Pechino non ha vinto è sul rispetto dei diritti umani". "Da parte del popolo cinese rimane il silenzio: i pechinesi sono stati costretti a starsene in casa 'per questioni di sicurezza'; i parchi designati per le proteste sono rimasti vuoti perché le 77 richieste di manifestazioni non hanno ricevuto permessi; dissidenti, attivisti, pastori protestanti, vescovi e preti cattolici sono stati arrestati; chiunque ha osato dire qualcosa - come le due vecchiette Wu Dianyuan, 79 anni, e Wang Xiuying , 77, espropriate della casa - sono state condannate a un anno di lavori forzati". [GB]

Ultime su questo tema

Agenzia per lo sviluppo, in arrivo una mannaia sui fondi per le ong

12 Agosto 2019
In una nota inviata dall’Aics alle ong si palesa la riduzione dei fondi per il bando OSC 2019: da 70 a 26,4 milioni. La cooperazione allo sviluppo? Rischia di diventare mera testimonianza. Ecco la...

Come negazionisti climatici e cospirazionisti dominano i contenuti di YouTube

09 Agosto 2019
Usare YouTube per conoscere meglio gli argomenti riguardanti i cambiamenti climatici di solito non è una buona idea: predominano contenuti video che si oppongono al consenso scientifico mondiale. A...

I giovani? Non tutti al Papeete

07 Agosto 2019
Non solo mojito, cubiste e moto d'acqua. Tanta roba fuori dai riflettori. (Fabio Pipinato)

La cause strutturali dello spreco alimentare

06 Agosto 2019
È il modello di produzione e consumo attualmente prevalente che “per sua natura comporta un’elevata produzione di eccedenze e sprechi”. (Alessandro Graziadei)

L’America latina si tinge di rosa e giallo

05 Agosto 2019
I sudamericani Carapaz e Bernal vincono Giro e Tour con un modello di “eroe umile”, che raggiunge la popolarità grazie a costanza e sacrificio, facendo sognare i giovani. (Marco Grisenti

Video

Obiettivi di Sviluppo del Millennio