ActionAid: un bus dal Sudafrica alla Scozia per l'Africa

Stampa

www.getonboard.it

E' partito nei giorni scorsi da Johannesburg un autobus che attraverserà l'Africa e l'Europa per portare ai leader, che a luglio si incontreranno al G8 di Gleneagles (Scozia), le voci inascoltate del continente africano. "Percorreremo 20 mila chilometri a bordo di un matatu, uno di quegli autobus che in Africa si usano come mezzi pubblici, perché crediamo che questo G8 rappresenti una occasione unica per cambiare la vita a milioni di persone" - dichiara Marco De Ponte, Segretario Generale di ActionAid International. "Se a Gleneagles sarà ascoltata la società civile e si deciderà di agire di conseguenza, potremo ricordare il 2005 come l'anno in cui il mondo ha deciso di sconfiggere la povertà" - conclude De Ponte. Durante il Summit i grandi del mondo hanno infatti annunciato di voler prendere decisioni che potrebbero cambiare il destino dell'Africa.

La prima fermata del matatu è stata Soweto, una delle baraccopoli intorno a Johannesburg, dove hanno incontrato un gruppo di persone sieropositive che hanno inviato il primo messaggio ai G8 a testimonianza di 25 milioni di sieropositivi africani condannati del prezzo inaccessibile delle cure. Solo in SudAfrica il 10% della popolazione è affetta da HIV/AIDS, cioè 4,69 milioni di sudafricani vivono con questa malattia. Le tappe successive saranno in SudAfrica, Mozambico, Malawi, Tanzania, Uganda, Kenya per ascoltare gli attivisti, le donne, le istituzioni, i bambini, i sieropositivi, gli orfani, le vedove e i contadini.

E' possibile seguire il viaggio del piccolo matatu e spedire messaggi all'equipaggio attraverso il sito www.getonboard.it. Il matatu passerà dall'Italia tra il 13 e il 17 giugno, sarà l'occasione per far salire a bordo anche i messaggi degli italiani, selezionati attraverso un concorso creativo e le migliaia di firme da raccogliere per chiedere al nostro governo fondi adeguati per la lotta all'HIV/AIDS.

Il concorso è un'occasione unica per amplificare la voce dell'Africa con la propria fantasia, attraverso messaggi originali, creativi e divertenti che verranno consegnati ai rappresentanti del G8 insieme a quelli raccolti dal matatu sulle strade africane. Chiunque può partecipare, è sufficiente realizzare un'immagine che esprima il messaggio che si vuole inviare ai potenti del G8. I contributi migliori avranno visibilità nel corso delle attività pubbliche che accompagneranno l'arrivo del bus a Edimburgo. La giuria, presieduta da Maurizio Nichetti, sarà formata da Nino Leto e Ugo Panella, affermati fotoreporter e da Massimo Persotti, responsabile dell'unità di comunicazione di ActionAid International. Il vincitore del concorso potrà partecipare in prima persona agli eventi e alle iniziative che ActionAid International realizzerà a Edimburgo in occasione del Summit. La premiazione del concorso avverrà all'interno dell'evento pubblico che ActionAid International organizzerà a Roma tra il 13 e il 17 giugno 2005 in occasione del passaggio del bus in Italia. I lavori devono pervenire entro e non oltre il 1 giugno 2005. [GB]

Ultime su questo tema

Agenzia per lo sviluppo, in arrivo una mannaia sui fondi per le ong

12 Agosto 2019
In una nota inviata dall’Aics alle ong si palesa la riduzione dei fondi per il bando OSC 2019: da 70 a 26,4 milioni. La cooperazione allo sviluppo? Rischia di diventare mera testimonianza. Ecco la...

Come negazionisti climatici e cospirazionisti dominano i contenuti di YouTube

09 Agosto 2019
Usare YouTube per conoscere meglio gli argomenti riguardanti i cambiamenti climatici di solito non è una buona idea: predominano contenuti video che si oppongono al consenso scientifico mondiale. A...

I giovani? Non tutti al Papeete

07 Agosto 2019
Non solo mojito, cubiste e moto d'acqua. Tanta roba fuori dai riflettori. (Fabio Pipinato)

La cause strutturali dello spreco alimentare

06 Agosto 2019
È il modello di produzione e consumo attualmente prevalente che “per sua natura comporta un’elevata produzione di eccedenze e sprechi”. (Alessandro Graziadei)

L’America latina si tinge di rosa e giallo

05 Agosto 2019
I sudamericani Carapaz e Bernal vincono Giro e Tour con un modello di “eroe umile”, che raggiunge la popolarità grazie a costanza e sacrificio, facendo sognare i giovani. (Marco Grisenti

Video

Obiettivi di Sviluppo del Millennio