S.O.S. Ghiacciai

Stampa

Foto: Rainews.it

I ghiacciai si stanno riducendo. Sono sotto gli occhi di tutti il rapido arretramento della loro fronte, le diminuzioni dello spessore, la frammentazione, la comparsa di isole rocciose, la maggiore copertura detritica, le morfologie superficiali in rapida evoluzione. La velocità di riduzione è aumentata soprattutto dagli anni Ottanta del secolo scorso e i ghiacciai trentini, in linea con il resto dei ghiacciai italiani, hanno perso circa il 70% dell’estensione che era presente soltanto un secolo e mezzo fa. Le simulazioni per la fine del XXI secolo fanno pensare a una possibile scomparsa dei ghiacciai alpini posti sotto i 3000 metri di quota. Il tutto a seguito dell’aumento della temperatura e del conseguente innalzamento del limite delle nevicate.

In questo contesto emerge la necessità di favorire studi e monitoraggi sull’evoluzione dei ghiacciai, come prevede l’accordo di collaborazione attivo dal 2006 tra Provincia Autonoma di Trento e Muse che vede, tra le molte iniziative, l’esame dettagliato di sei ghiacciai provinciali, considerati campione: i ghiacciai della Lobbia (5,8 km2) e dell’Adamello (15,5 km2) nel gruppo montuoso omonimo, il Ghiacciaio d’Agola (0,18 km2) in Dolomiti di Brenta, i ghiacciai del Careser (1,4 km2) e de La Mare (3,7 km2) nel Gruppo del Cevedale e il Ghiacciaio Principale della Marmolada (1,4 km2).

L’evoluzione meteorologica di questo inverno non è stato favorevole per i ghiacciai: nonostante le ultime precipitazioni nevose quelle invernali sono state scarse e inevitabilmente la calura della prossima estate porterà a fusione tutta (e la poca) neve caduta, andando ad intaccare il ghiaccio sottostante. Dal 2012 ad oggi, sui ghiacciai trentini monitorati, ogni anno si registra una perdita media di un metro e mezzo di spessore di ghiaccio, con perdite massime di 4 metri alle quote più basse!

Perché ghiacciai sono così importanti? Possiamo farne a meno? I ghiacciai sono una riserva di acqua utile per scopi civili, agricoli ed energetici. Non meno importante è l’aspetto turistico (e quindi economico), sportivo e alpinistico connesso con la frequentazione dei rifugi. L’uomo sta ora vivendo un forte cambiamento della montagna (e non solo) di cui è necessario raggiungere la consapevolezza per intervenire rapidamente. Il ghiacciaio è la nostra ricchezza e l’evoluzione del genere umano non può in alcun modo essere separata dalla sua conservazione.

 Christian Casarotto glaciologo e mediatore culturale della sezione Geologia del Muse 

Ultime su questo tema

Afghanistan 2019: annus horribilis

18 Gennaio 2020
Indiscrezioni danno per imminente una tregua ma l’anno appena finito si chiude con un bilancio nefasto per i civili. 

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il viaggiare…

16 Gennaio 2020
Tra il 2016 e il 2030 le emissioni di CO2 del turismo legate ai trasporti dovrebbero aumentare del 25%. (Alessandro Graziadei)

Educazione alla terrestrità

15 Gennaio 2020
Educazione alla terrestrità. Appello a collaborare con una sezione televisiva di formazione dei formatori per la rete ICAN. (Alfonso Navarra, Fabrizio Cracolici, Laura Tussi - Coordi...

Direzione Caucaso

15 Gennaio 2020
Allungo i documenti attraverso il pallido vetro del botteghino. Rapide domande, timbro sul passaporto e via verso Tbilisi. (Matthias Canapini)

Il traffico di tartarughe non è più in mare!

14 Gennaio 2020
È urgente sostenere l’attuazione e l’applicazione delle normative nazionali e internazionali per proteggere le tartarughe marine. E fare qualcosa di più... (Alessandro Graziadei)

Video

Don Andrea Gallo a "Che tempo che fa"