Rosa Parks, Elin Ersson, March for Our Lives: la ribellione all’ingiustizia e alla violenza

Stampa

Foto: Pressenza.com

Nel dicembre 1955 Rosa Parks si rifiutò di cedere il suo posto su un autobus a un bianco, dando inizio al boicottaggio dei mezzi pubblici di Montgomery, in Alabama e fornendo un contributo fondamentale al movimento per i diritti civili negli Stati Uniti.  Rosa Parks divenne il simbolo della lotta nonviolenta degli afro-americani e il suo gesto dimostrò quello che un singolo individuo può fare, quando si ribella a regole e leggi ingiuste e ispira altri a seguire il suo esempio.

Nel luglio 2108 la studentessa svedese Elin Ersson ha compiuto un gesto analogo per protestare contro la deportazione di un richiedente asilo afgano, alzandosi dal suo posto e rifiutandosi di tornare a sedersi fino a quando non avessero fatto scendere l’uomo dall’aereo su cui si era imbarcata, in partenza da Göteborg e diretto a Istanbul. Ha utilizzato un mezzo moderno, una diretta Facebook, per riprendere la sua protesta e il video è stato visto 11 milioni di volte. La sua protesta ha avuto successo: l’uomo è sceso dall’aereo tra gli applausi dei passeggeri e il suo rimpatrio è stato bloccato, almeno temporaneamente.

Quello di Elin non è un caso isolato: giovani e giovanissimi sono sempre più coinvolti nell’azione socialeMolti di loro hanno partecipato all’enorme manifestazione a Londra contro la visita di Trump nel Regno Unito, condannando la sua politica nei confronti dei migranti e la tolleranza verso le stragi causate dalla diffusione delle armi da fuoco. E bambini e adolescenti sono stati i promotori e gli animatori della March For Our Lives, che lo scorso marzo ha invaso le strade e le piazze americane per dire No alle stragi provocate dalle armi da fuoco. Nella manifestazione che a Washington ha coinvolto mezzo milione di persone è salita sul palco tra gli altri Yolanda Renee King, nove anni, una delle nipoti di Martin Luther King. “Mio nonno aveva un sogno” ha ricordato, citando il suo celebre discorso dell’agosto 1963. “Che i suoi quattro figli non fossero giudicati per il colore della loro pelle, ma per il loro carattere. Io ho un sogno: che questo sia un mondo senza armi.”

Gli studenti di March For Our Lives non si sono fermati, ma stanno girando tutta l’America per informare i giovani sulla violenza da armi da fuoco e spingerli a registrarsi e a votare. La nuova iniziativa si chiama  “March For Our Lives: Road to Change”. Che cosa unisce tutte queste azioni, individuali e di massa? La ribellione contro l’ingiustizia e la violenza, anche a costo di disubbidire a leggi considerate sbagliate e di affrontarne le conseguenze, espressa in una forma semplice che va diritto al cuore. “Non ero fisicamente stanca, ero stanca di cedere”, disse Rosa Parks per spiegare il suo gesto. “Lo sto facendo per salvare la vita di una persona. Sto cercando di cambiare le regole del mio paese, non mi piacciono. Non è giusto mandare la gente all’inferno” ha chiarito Elin Ersson. “Ci rifiutiamo di considerare la violenza da armi da fuoco come un tema senza soluzione” dichiarano gli studenti di March For Our Lives.

Come ha osservato Noam Chomsky commentando il coraggio di Elin Ersson, “è stato un atto ispiratore e un’indicazione di quello che si potrebbe ottenere con una disubbidienza civile su vasta scala. Una ragazza da sola ha cercato di impedire che un essere umano venisse ucciso, sfidando le condizioni ostili in cui si trovava. Una disubbidienza civile di massa potrebbe ottenere molto di più”In un’Italia dove il razzismo e la crudeltà verso i migranti e i rom imperversano, forse sarebbe il caso di apprendere e mettere in pratica questa lezione.

Anna Polo da Pressenza.com

Ultime su questo tema

No alla revisione della pace con le Farc

11 Giugno 2019
Il Tribunale costituzionale e le due camere del Parlamento hanno bocciato l’iniziativa del presidente Iván Duque di rivedere soprattutto l’aspetto della “giustizia transizionale”. Gli accordi sono...

In arrivo a Genova altre navi-cargo saudite: alta l’attenzione nei porti ed aeroporti

29 Maggio 2019
La nave cargo saudita Bahri Yanbu è partita martedì scorso dal porto di Genova e, grazie alla mobilitazione dei lavoratori portuali, non ha caricato i materiali militari italiani destinati ai saudi...

Brasile: annoiata e consueta normalità

08 Maggio 2019
Gloria a Dio nell’alto dei cieli. Con questo intercalare sono soliti chiudere i loro discorsi i deputati eletti con il voto delle chiese evangeliche, base e zoccolo duro del governo. Sono...

Venticinque anni senza una verità giudiziaria

25 Marzo 2019
Come un gioco dell’oca. Si è tornati al punto di partenza. Sono trascorsi 25 anni da quel 20 marzo 1994, quando la giornalista di Rai 3, Ilaria Alpi, e il suo operatore, Milan Hrovatin, furono...

Strage di Christchurch: un messaggio anche per noi

18 Marzo 2019
La strage di Christchurch, in cui il giovane suprematista australiano ha ammazzato 50 persone, potrebbe accadere anche in Italia. Ecco perchè. (Giorgio Beretta)

Video

Control Arms Campaign