Seoul: istruzione gratuita, il presidente Moon vara un piano

Stampa

Foto: Asianews.it

A partire dal 2021, la Corea del Sud fornirà istruzione gratuita a tutti gli studenti delle scuole superiori. Lo hanno deciso l'Ufficio presidenziale, il governo e il Partito democratico (Dp) al potere. Gli studenti all’ultimo anno delle scuole superiori parteciperanno al progetto nel semestre autunnale. Gli alunni nel secondo e terzo anno di scuola superiore vi entreranno dall'anno prossimo e da quello successivo. Al momento, la Corea del Sud già offre istruzione gratuita per gli studenti delle scuole elementari e medie.

Il piano dettagliato è stato rivelato durante un incontro tra funzionari della Casa Blu (Cheong Wa Dae), del ministero dell'Istruzione ed i rappresentanti del Dp. L'introduzione della nuova politica è per l’amministrazione del presidente Moon Jae-in una priorità assoluta nel settore dell'istruzione.

Il Dp dichiara che ogni anno saranno necessari 2mila miliardi di won (1,5 miliardi di euro) come copertura finanziaria al provvedimento. Le spese saranno condivise dal governo centrale e dagli uffici regionali competenti. Hong Young-pyo, leader del partito, afferma che il reddito disponibile delle famiglie più povere potrebbe aumentare di 130mila won (101 euro), con l'introduzione della misura. Koo Yoon-cheol, viceministro delle Finanze, rivela che una famiglia con uno studente delle scuole superiori risparmierebbe 1,58 milioni di won (1.228 euro) all'anno.

Per sostenere la campagna del governo, il partito del presidente si impegna a far passare il provvedimento all'Assemblea nazionale entro giugno. Ma alcuni esperti temono una battuta d'arresto, in caso di opposizione da parte dei sovrintendenti all’istruzione. Secondo quanto illustrato oggi, 17 uffici scolastici cittadini e provinciali si dovrebbero far carico di 946,6 miliardi di won (7,36 miliardi di euro) nel 2021, oltre a tutti i costi per l’anno in corso. Il governo risponde che non vi sarà alcun problema a finanziare il progetto, poiché i sovrintendenti condividono la necessità di un'educazione gratuita e saranno sostenuti con sussidi statali.

“Non so se i tempi sono maturi per realizzare un piano del genere”, dichiara ad AsiaNews un esperto nel campo dell’educazione. “Ad un anno dalle prossime elezioni generali – afferma –, per alcuni si tratta di una manovra politica di stampo populista. Il benefici di questo provvedimento riguarderanno soprattutto le famiglie più povere, perché verrebbero aboliti i costi legati alle scuole pubbliche. Le fasce più benestanti della popolazione sono solite iscrivere ragazzi e ragazze alle scuole private, dove possono ricevere una formazione migliore”.

Già il governo precedente, guidato dal presidente Park Geun-hye, aveva cercato di rendere gratuita l'istruzione nelle scuole superiori. Tuttavia, il progetto è fallito perché sono venute meno le risorse finanziarie. Il progetto di legge presentato oggi è frutto di una delle promesse elettorali fatte da Moon Jae-in, ma comporta un peso notevole sia sulle casse del governo che su quelle dei governi locali. L'idea di base è buona; anche l'opposizione in linea di massima è d'accordo, ma senza una dettagliato quadro  sulla copertura economica è difficile che il provvedimento veda la luce”, conclude l’esperto.

Da Asianews.it

Ultime su questo tema

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Genova, porto aperto alle armi?

17 Maggio 2019
Le associazioni coalizzate per fermare l’invio di bombe utilizzate nel conflitto in Yemen lanciano un appello per impedire l’accesso ad una nave che sta cercando porti europei per caricare armament...

Amazzonia: scontro di paradigmi

15 Maggio 2019
Quando arrivai nell’Amazzonia boliviana, dopo 25 anni in Bolivia sulle Ande, scoprii che la mia ignoranza rispetto all’Amazzonia era immensa! (Fabio Garbari)

Peggiora la sicurezza in Burkina Faso

10 Maggio 2019
Solo nell’ultimo anno ci sono stati più di 300 attacchi di bande jihadiste, con centinaia di vittime. (Lia Curcio)

Video

Diritti Umani