Pyongyang all’Onu: Manca cibo per 1,4 milioni di tonnellate

Stampa

Foto: Asianews.it

A causa di alte temperature, siccità, inondazioni e sanzioni imposte dalle Nazioni Unite (Onu), in Corea del Nord manca cibo per 1,4 milioni di tonnellate. Per contrastare l’emergenza, il governo è stato costretto a dimezzare le razioni statali. Pyongyang rende nota la grave crisi alimentare in una lettera di due pagine inviata ieri all’organismo internazionale, a pochi giorni dal secondo vertice tra il leader nordcoreano Kim Jong-un ed il presidente americano Donald J. Trump.

L’incontro è in programma ad Hanoi (Vietnam) il 27 e 28 febbraio prossimi e segue di otto mesi lo storico accordo di Singapore. Secondo gli osservatori, la denuclearizzazione della penisola coreana e le prospettive economiche di Pyongyang saranno i temi al centro dei dialoghi fra i due capi di Stato.

Nel 2006, il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità le sanzioni contro la Corea del Nord, nel tentativo di tagliare i finanziamenti per i programmi missilistici nucleari e balistici di Pyongyang. Secondo il regime, la misura punitiva limita la consegna di materiali agricoli ed ostacola la fornitura di carburante per il settore agricolo. Invitando le “organizzazioni internazionali a rispondere con urgenza alla situazione alimentare”, la nota afferma che la produzione alimentare della Corea del Nord lo scorso anno è stata di 4,95milioni di tonnellate, 503mila tonnellate in meno rispetto al 2017. L’Onu ha confermato queste cifre già alla fine di gennaio scorso.

Il mese prima, la Corea del Nord ha ammesso “inconvenienti” nella produzione agricola e dichiarato che avrebbe importato 200mila tonnellate di cibo e prodotto circa 400mila tonnellate di colture precoci; ciò non sarebbe tuttavia bastato e da gennaio Pyongyang avrebbe tagliato le razioni giornaliere,  da 550 a 300 grammi per persona.

Stephane Dujarric, portavoce Onu, ha affermato ieri che funzionari e squadre di assistenza in Corea del Nordo stanno consultando il governo per “valutare l'impatto della situazione sulle persone più vulnerabili, al fine di intervenire in modo tempestivo per soddisfare le loro esigenze umanitarie”.

Da Asianews.it

Ultime su questo tema

Ritiro degli USA dall'Accordo di Parigi getta un'ombra sulla COP25

13 Dicembre 2019
La prossima uscita degli Stati Uniti dagli Accordi di Parigi è uno dei momenti più bui della governance mondiale del clima e potrebbe determinare una diminuzione d’entusiasmo per qualsiasi decision...

Petrini: «Sì alla tecnologia se non danneggia i deboli e la Terra»

09 Dicembre 2019
La rivoluzione tecnologica attuale è figlia del lavoro e dell’intelletto dell’uomo e come tale dovrebbe anche essere per l’uomo. Ma è davvero così? Qual è il ruolo della tecnologia nella...

Marocco ed Egitto, carcere per chi critica

06 Dicembre 2019
Il rapper marocchino Gnawi condannato a un anno di carcere per una canzone contro le violenze del governo, l’attivista copto egiziano Ramy Kamel in detenzione preventiva con l’accusa di terrorismo...

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Invertire la rotta, prima che sia tardi

04 Dicembre 2019
Da alcuni decenni il quadro internazionale si sta frantumando e stiamo ritornando all’epoca delle “cannoniere”. (Fabio Pipinato)

Video

Diritti Umani