Tutti i giornalisti devono sostenere Assange

Stampa

Dura reazione da parte della Federazione europea dei giornalisti (Efj) e della Federazione internazionale dei giornalisti (Ifj) alla notizia della firma, da parte della ministra dell’interno britannica, Priti Patel, sull’estradizione di Julian Assange. Tra l’altro, le assemblee generali delle due Federazioni, durante i recenti meeting triennali in Turchia e Oman, si erano espresse per il rilascio del giornalista e avevano lanciato un appello in questo senso. Il 22 aprile scorso, inoltre, la Ifj, insieme ad altre 18 organizzazioni che difendono la libertà di stampa, aveva inviato a Patel una richiesta urgente affinché rifiutasse la richiesta di estradizione da parte degli Usa. Efj e Ifj condannano oggi in modo fermo la decisione della ministra e la bollano come “vergognosa” e come un “terribile precedente per tutti coloro che ogni giorno si battono per dire la verità”.

Negli Usa, Assange dovrà affrontare 17 accuse tra Frodi informatiche e abusi, che potrebbero costargli 175 anni complessivi di carcere. Ifj ed Efj sono convinte che questo precedente “possa venire applicato a tutti i media che pubblica storie basate su informazioni trapelate non ufficialmente e a qualsiasi giornalista , editore o fonte in qualunque parte del mondo”, scrive la Federazione europea.

La Federazione internazionale ha anche denunciato la mancanza di una forma di giustizia adeguata nel procedimento che potrebbe avere luogo: Assange non avrebbe gli strumenti per difendersi perché lo Spionage Act, la legge sullo spionaggio, non riconosce il pubblico interesse.

“Questa decisione, che fa vergognare il Governo Britannico, renderà felici gli autocrati e i nemici della libertà di stampa _ ha dichiarato la nuova presidente della Federazione europea, Maja Sever _ mette infatti in discussione la libertà dei giornalisti di attribuire responsabilità agli Stati potenti. Basterà infatti accusare i giornalisti che denunciano crimini di guerra o corruzione di essere spie per farli estradare.

E la nuova presidente della Ifj, Dominique Peradalié ha affermato : “La decisione della ministra dell’Interno del Regno Unito di consentire l’estradizione di Assange è vendicativa e un vero colpo alla libertà di stampa...

Segue su Articolo21.org

Ultime su questo tema

Ucraina: il Paese è devastato, questa è l’unica realtà

21 Ottobre 2022
E’ solo l’opzione militare quella che resta in campo in questa guerra. (Raffaele Crocco)

Mahsa Amini: la morte, il velo, la protesta

23 Settembre 2022
La grande mobilitazione seguita all'uccisione della ragazza scuote l'Iran. Intervista a Marina Forti. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Sri Lanka: con la scusa del Covid-19…

14 Settembre 2021
Sull’isola il Covid ha minato economia e libertà con leggi sulla quarantena che sono diventate scuse buone per silenziare le critiche al Governo. (Alessandro Graziadei)

Insieme per fare informazione. In nome di un mondo migliore

15 Aprile 2021
Da oggi Raffaele Crocco è il nuovo direttore di Unimondo. Resta anche direttore responsabile dell’Atlante. Due progetti che si affiancano con l’idea di diventare un migliore strumento di informazione.

Siria: dieci anni di “inutile strage”

16 Marzo 2021
Dopo 10 anni di guerra quello siriano è ancora un bilancio drammatico, soprattutto per minoranze etniche e religiose. (Alessandro Graziadei)

Video

L'ONU approva la moratoria della pena di morte