La nuova missione dei droni: salvare vite nei paesi in via di sviluppo

Stampa

Foto: Ong2zero.org

Non consegnano ancora i pacchi di Amazon. Ma a Haiti, in Buthan, Papua Nuova Guinea e nelle Filippine i droni hanno aiutato a soccorrere le vittime di disastri naturali e a trasportare campioni medici e vettovaglie. La prospettiva di droni che consegnano pacchi direttamente a casa tua è ancora piuttosto lontana. Ma l’uso di veicoli aerei senza equipaggio (UAV) per il lavoro umanitario nei paesi in via di sviluppo è già una realtà.

Quando Medici Senza Frontiere ha impiantato una stazione di diagnosi della tubercolosi in Papua Nuova Guinea a maggio, uno dei suoi primi inviti è stato alla Matternet, società che produce UAV nella Silicon Valley. «Hanno chiamato, e hanno detto che era impossibile compiere [questa missione] in modo tradizionale, perché le strade sono pessime, là dove esistono, e nella stagione delle piogge si è completamente bloccati,” racconta il CEO di Matternet Andreas Raptopoulos. “Stimavano che almeno 10.000 pazienti avessero bisogno di diagnosi e la maggioranza di essi viveva in contesti rurali».

Matternet, che in precedenza aveva gestito progetti sperimentali con Medici Senza Frontiere a Haiti e in Bhutan con l’Organizzazione mondiale della sanità, ha fornito UAV con portata fino a 28 km per trasportare campioni diagnostici di circa 1kg dai villaggi rurali al laboratorio centrale. Volando in modo autonomo, ognuno segue le coordinate GPS inserite da telefono cellulare utilizzando. «Anche se si utilizza solo uno o due UAV al giorno, si possono raccogliere 10 campioni da 10 punti diversi», spiega Raptopoulos. «Quando vai via terra, è davvero difficile anche solo andare da A a B».

La Matternet non è l’unica impresa privata che produce droni per lo sviluppo. La canadese Aeryon Labs è stata fondata nel 2007 per lavorare prevalentemente su imbarcazioni militari. Tuttavia, quando il tifone Hagupit ha colpito le Filippine nel mese di dicembre, Aeryon ha offerto un drone alla no profit Global Medic. Il drone ha preso una serie di immagini che sono state unite insieme per creare una mappa della zona colpita e aiutare rapidamente i team a concentrare i loro sforzi di soccorso, dice Dave Kroetsch, CEO di Aeryon Labs. «Global Medic si trova spesso ad agire in situazioni in cui il contesto è drasticamente cambiato: le strade sono allagate, le case non ci sono più, le persone sono migrate verso aree differenti in cerca di cibo o di un riparo», spiega Kroetsch. «Fornire un UAV a Global Medic consente al team di risposta di essere operativi in circa due minuti».

Rahul Singh, un paramedico della Global Medic e un veterano di oltre 30 missioni di soccorso internazionali, ritiene che gli UAV potrebbe essere utili per molte attività diverse, tra cui la ricerca e il soccorso, la mappatura di emergenza per cercare di capire i movimenti della popolazione e la mappatura di case danneggiate, il tutto a una più alta risoluzione e a un costo più conveniente rispetto a usare elicotteri e satelliti. «Questa tecnologia potrebbe rappresentare un punto di svolta rendendoci più efficienti come responder umanitari», ha detto.

Nel frattempo, la svizzera Drone Adventures ha schierato droni per la mappatura ad Haiti e nelle Filippine. L’azienda danese Sky-Watch, in collaborazione con DanChurch Aid, ha usato immagini termiche in volo per individuare persone bloccate tra i detriti dopo una tempesta. Ci sono segnali che sempre più i droni stanno arrivando nei paesi in via di sviluppo. Un team della Delft University of Technology, in Olanda, ha creato un UAV con inserite attrezzature per la defibrillazione. E il Laboratorio di Robotica aerea presso l’Imperial College di Londra sta lavorando alla creazione di reti di droni per fornire sangue agli ospedali rurali.

L’idea di coinvolgere droni nello sviluppo non è esente da critiche, però. Quando la forza di pace MONUSCO dell’ONU ha utilizzato droni nella Repubblica democratica del Congo lo scorso maggio, Frances Charles del World Vision ha avvertito che «le comunità rischiano di associare i UAV con i militari». «Siamo qui per aiutare, e nessuno di noi – le agenzie umanitarie, governi o agenzie delle Nazioni Unite – può permettersi che questo messaggio venga infangato», ha detto. Anche un recente documento delle Nazioni Unite, Unmanned Aerial Vehicles nelle risposte umanitarie, ha sollevato preoccupazioni per le questioni legali, violazione della privacy, di approvvigionamento etico (dato molte aziende di droni forniscono anche i militari) e del consenso informato. Per i lavoratori dello sviluppo sul terreno, i costi e l’affidabilità dei droni “sono sfide ancora più pressanti. Ottenere l’affidabilità a basso costo «è la sfida più difficile», ha detto Raptopoulos. «La gente pensa che poiché è possibile vedere tutti questi video su Youtube la tecnologia è già super affidabile e super resistente. Ma non è così».

A partire dal 2015, Matternet garantirà una perdita di non più di una missione su mille, ha detto. Con la prospettiva di portare campioni medici potenzialmente contagiosi, e tuttavia questo potrebbe non essere sufficiente. «L’efficienza dei costi è difficile da misurare, al momento», ha aggiunto Singh. L’Aeryon UAV di Global Medic è stato donato e il prezzo di 68.000 dollari sarebbe difficile da sostenere da parte dell’organizzazione no profit. Data la concorrenza in questo mercato in rapida crescita, invece, i costi stanno scendendo velocemente. Matternet prevede di vendere il suo primo UAV in serie specificamente per il lavoro di sviluppo per 5.000 dollari a partire da questa primavera. «Sull’anno diventa qualcosa come $ 12- $ 15 al giorno», ha detto Raptopoulos. «Se siete in grado di fare 10 consegne e riprese al giorno, è una proposta di valore molto attraente se [attualmente] dovete commissionare mezzi di terra costosi».

Quando si tratta di utilizzare UAV per la reazione alle catastrofi, Ronald Christiaans, coordinatore di formazione presso il Centro operativo nazionale nei Paesi Bassi, è un convertito dopo il tifone Haiyan nelle Filippine nel 2013. «Se [gli UAV] fossero stati usati nelle prime 72 ore dopo il disastro, avrebbero certamente contribuito a salvare vite umane», dice, aggiungendo che è ora una priorità dotare le squadre di primo intervento, le organizzazioni umanitarie e di soccorso di questi strumenti. Finora, però, solo alcuni early adopters stanno sfruttando gli UAV per lo sviluppo, mentre altri aspettano che i problemi siano risolti. Ma Raptopoulos e altri operatori del settore ritengono che un’adozione diffusa dei droni è questione di solo uno o due anni. «[Le ONG] non sono abituate ad assumersi rischi tecnologici», ha detto Raptopoulos. «Ma in caso di estrema necessità, questo cambia».

Da Ong2zero.org

Ultime su questo tema

L’Internet delle cose: nuove prospettive di sviluppo sostenibile

26 Febbraio 2016
L'”Internet delle cose” sta diventando sempre più un elemento dirompente nella trasformazione dell’economia mondiale. Con fino a 50 miliardi di dispositivi collegati via Internet entro il 2020...

Whatsapp non si paga più...

20 Gennaio 2016
Whatsapp non si paga più! Ma la notizia non è tanto importante in sé, ma piuttosto perché può far accendere i riflettori su una questione importante che riguarda il nostro modo di abitare, orm...

Fumi tossici e miseria: l’inferno nelle discariche di rifiuti elettronici

26 Agosto 2014
Il fenomeno dei rifiuti derivanti da apparecchiature elettroniche e elettriche getta una luce sinistra sul rapporto tra nord e sud del mondo. Il caso del Ghana. (Anna Toro)

Accountability, smart cities e smart citizens

02 Giugno 2014
Al Festival dell’economia di Trento sono sfilati i big: Padoan, Renzi, Marchionne, Premi Nobel. Ma anche da incontri giudicati secondari si scopre che  … (Fabio Pipinato)

Tablet 4 Africa

08 Maggio 2014
L’Africa cambia velocemente da ogni punto di vista passando in un attimo da gessi e lavagnette direttamente ai tablet. (Fabio Pipinato)

Video

OneWorld TV: Sustainable Development