L’economia cinese corre, ma le statistiche sono false

Stampa

Foto: Asianews.it

Sempre più anomalie nei dati statistici dell’economia cinese: l’allarme arriva da economisti ed osservatori. Gli esperti accusano l’Ufficio nazionale di statistiche cinese (Nbs) di fornire dati falsi sulla crescita del Paese.

Secondo i dati riportati dalla Nbs a luglio, i profitti delle imprese industriali con ricavi oltre 20 milioni di yuan (2,9 milioni di dollari) sono aumentati del 16,2% su base annua. Ma in seguito alla svalutazione della moneta cinese per far fronte alla guerra dei dazi, il valore dello yuan di quest'anno (a giugno 2018 era a 6,6247 contro il dollaro) è diminuito rispetto all’anno scorso. Di conseguenza, secondo i dati ufficiali, i profitti del settore industriale sono cresciuti il 17,1% nei primi sette mesi del 2018. Ma i guadagni, se considerati in termini di valore monetario, sono diminuiti dell'8,1%.

Gli economisti temono anche che la Nbs abbia abbassato i dati di base dello scorso anno per rendere più elevato in termini percentuali il tasso di crescita di quest'anno del settore industriale. L’ufficio di statistica dichiara che le aziende vengono analizzate a campione. Secondo alcuni però questa campionatura verrebbe pilotata selezionando solo le realtà industriali più virtuose. Difatti le revisioni dei campioni utilizzati non sono rese pubbliche.

I numeri “truccati” riguardano i grandi gruppi industriali, le vendite al dettaglio, il consumo di elettricità e la produzione di carbone. Va detto che , anche quest’anno, l’ufficio di statistiche sta riscontrando diverse difficoltà a far quadrare i conti forniti dalle province con il calcolo complessivo del Pil. “Il sistema statistico è orientato dagli obiettivi fissati dalla politica. Se la spesa dei consumatori è destinata a crescere del 10% allora chi compila le statistiche aggiusta i numeri per raggiungere il 10%. Ciò potrebbe portare la Nbs a modificare il numero di aziende che vengono campionate o cambiare gli standard per l'inclusione nei campioni” dichiara al South China Morning Post Anne Stevenson-Yang, co-fondatrice di J Capital Research.

Il professore di economia presso l'Università di Hong Kong Carsten Holz aggiunge: “In un sistema autoritario c'è sicuramente un incentivo per i funzionari delle statistiche a pubblicare dati che possano piacere al governo. Allo stesso tempo, tuttavia, la politica economica basata su dati inattendibili non può che essere carente e porta quindi a risultati che non piaceranno al governo”.

Da Asianews.it

Ultime su questo tema

La saggezza del Qatar

16 Agosto 2017
L’assedio politico e commerciale nei confronti del Qatar condotto da quasi due mesi dall’Arabia Saudita, dagli Emirati Arabi Uniti (Uae) e da alcuni stati alleati si è trasformato in un tiro alla f...

G7 Finanze su disuguaglianze: ma quali misure?

22 Maggio 2017
Sulla lotta alle disuguaglianze molte dichiarazioni di intenti che non si traducono in un piano d’azione concreto. Il commento critico della Coalizione Italiana contro la Povertà sul Vertice d...

Il Doha Round è morto

07 Marzo 2016
A metà dicembre, si è svolta a Nairobi la 10ª conferenza dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc). Ed è stato un flop. Che ha messo la parola fine al processo di multilateralismo commercial...

Vietnam: diritti umani vs libero mercato

07 Gennaio 2016
Ecco l'ennesimo Free Trade Agreement. Gli interessi economici hanno ancora una volta avuto la priorità sui diritti umani? (Alessandro Graziadei)

Libero scambio, schiavi noi

26 Dicembre 2014
Il silenzio sul TTIP e la sola libertà che ci resta: accettare. (Anna Molinari)

Video

WTO raises concern over protectionism (luglio 2009)