Palermo, le ong assolte: «Nessun legame con i trafficanti»

Stampa

Foto: Vita.it

La sentenza assolve la spagnola Proactiva e la tedesca Sea Watch dall’accusa di traffico di uomini sottolineando come le due organizzazioni abbiano operato nel rispetto della convenzione Sar siglata ad Amburgo nel 1979. «Le operazioni Sar di soccorso non si esauriscono nel mero recupero in mare ma devono completarsi e concludersi con lo sbarco in luogo sicuro», scrive il gip che aggiunge: «per questo non deve stupire che la Ong abbia preferito effettuare lo sbarco verso le coste italiane: ciò rappresenta, anzi, una conseguenza logica e una corretta gestione delle operazioni di salvataggio».

«Non deve stupire» che la Ong «abbia preferito effettuare lo sbarco verso le coste italiane: ciò rappresenta, anzi, una conseguenza logica e una corretta gestione delle operazioni di salvataggio». E questo che scrivono i pm nel provvedimento accolto dal giudice di Palermo (scaricabile in allegato) che ha disposto l’archiviazione dell’inchiesta per associazione a delinquere finalizzata al traffico di uomini, che vedeva coinvolte la Ong spagnola Proactiva, con il natante Golfo azzurro, e quella tedesca Sea Watch, con “Iuventa”.

«Secondo la convenzione Sar siglata ad Amburgo nel 1979 - sostengono i magistrati - le operazioni Sar di soccorso non si esauriscono nel mero recupero in mare ma devono completarsi e concludersi con lo sbarco in luogo sicuro. Questa nozione comprende necessariamente il rispetto dei diritti fondamentali delle persone soccorse. Argomenti decisivi e assorbenti al fine della confutazione risultano essere da un lato l’effettività del soccorso e, dall’altro, l’assoluta mancanza di cooperazione dello Stato di Malta nella gestione dei predetti eventi Sar».

Per i magistrati ne consegue che il porto più vicino, allora, «non dovrà individuarsi esclusivamente avuto riguardo alla posizione geografica, ma dovrà invece essere necessariamente quello che assicurerà il rispetto dei predetti diritti. Quindi non deve stupire che Sea Watch abbia preferito effettuare lo sbarco verso le coste italiane: ciò rappresenta, anzi, la conseguenza logica di quanto sopra esposto e una corretta gestione delle operazioni di salvataggio».

Come scrive Fulvio Vassallo Paleologo dell’Adif – Associazione Diritti e Frontiere, «si conferma dunque l’esclusione di qualsiasi ipotesi di associazione a delinque finalizzata all’introduzione in Italia di immigrati irregolari, come peraltro si era espresso in precedenza, sia pure in una fase cautelare di convalida del sequestro preventivo della nave Open Arms, il Giudice delle indagini prelimiari di Catania, con una decisione che aveva fatto chiarezza sul coordinamento “sostanziale” da parte dell’Italia in ordine alle attività di ricerca e soccorso svolte dalle unità navali riconducibili alla Guardia costiera di Tripoli, che non ha competenze operative su tutto il mar Libico».

Da Vita.it

Ultime su questo tema

Myanmar: prove di genocidio?

18 Settembre 2018
I militari birmani hanno compiuto “uccisioni e stupri di massa ai danni della minoranza Rohingya con intenti di genocidio”? (Alessandro Graziadei)

La #ViaAustraliana...

08 Settembre 2018
Ecco alcune delle conseguenza della "#ViaAustraliana" detta "#NoWay" e la sua "#Pacificsolution". Ne avevamo scritto nel 2012, nel 2014 e nel 2017... (Redazione)

Fukushima Daiichi: la vita e i diritti dei “liquidatori”

07 Settembre 2018
Il Giappone dovrebbe proteggere la vita e i diritti di migliaia di lavoratori ancora impegnati nella “bonifica” della centrale nucleare di Fukushima. (Alessandro Graziadei)

«Contro la xenofobia, bisogna andare nelle periferie delle nostre città»

03 Settembre 2018
Il presidente di Amref: "Il divario tra percezione e realtà è al massimo in Italia, ma non basta denunciarlo. Per togliere le ragioni a chi lo alimenta bisogna conoscere da vicino cosa sta acc...

L’Ungheria di Orbàn che affama i migranti

03 Settembre 2018
I migranti sono tutti “musulmani invasori”, nemici dell’Ungheria “bianca e cristiana”, così come nemiche sono tutte le ong... (Anna Toro)

Video

Laura Boldrini (Unhcr) sui respingimenti dell'Italia