Dal 2014 il governo di Modi ha tolto la licenza a 15mila Ong straniere

Stampa

Foto: Asianews.it

In cinque anni, cioè da quando è salito al potere, il governo indiano guidato dal premier Narendra Modi ha cancellato la licenza a 15mila organizzazioni di volontariato estere. È quanto denunciano famose Ong attive in India con programmi caritatevoli in favore di poveri, emarginati, bambini di strada e malati. Ad AsiaNews John Dayal, segretario generale dell’All India Christian Council, dichiara: “Tutti i governi indiani, ma in particolare quello attuale guidato dal partito nazionalista indù Bjp (Bharatiya Janata Party), sono sempre stati ostili alle organizzazioni internazionali e allo scrutinio dei media che indagano sulla situazione reale, come l’estrema povertà, i suicidi tra i contadini, gli stupri, le violazioni dei diritti umani e delle libertà civili, ma soprattutto della libertà religiosa”.

Le associazioni lamentano continue restrizioni nei confronti dei loro programmi attivi nel Paese. Il boicottaggio delle autorità si esprime in sequestri degli uffici, congelamento dei conti bancari e restrizioni ai viaggi degli addetti. Ad esempio, Greenpeace India, che di continuo lancia allarmi di degrado ambientale e atmosferico in diverse città indiane, fa sapere che nel solo mese di gennaio è stata costretta a chiudere due sedi regionali e a ridurre il personale a Bangalore, dopo che l’ufficio è stato sottoposto a perquisizione e i suoi conti bloccati.

Una delle modalità più comuni per limitare il lavoro delle Ong straniere, è accusarle di evadere i controlli fiscali sui finanziamenti provenienti dall’estero in base al Foreign Contribution Regulation Act. È quanto le autorità hanno addebitato all’Ong americana Compassion International, costretta a chiudere nel 2017. Con i suoi 45 milioni di dollari trasferiti ogni anno ai centri locali, essa era la più grande donatrice in India e in 48 anni di attività aveva assistito 280mila bambini. Gli esperti ritengono che il governo non consideri più i gruppi di attivisti come una risorsa per lo sviluppo del Paese, ma piuttosto come una minaccia che mette in luce l’abuso di potere, la corruzione e le violazioni dei diritti umani.

Dello stesso parere è anche Dayal, che afferma: “Di solito l’India non concede il visto agli inviati speciali delle Nazioni Unite che indagano sulla situazione dei diritti, ed è molto ostile verso alcuni di essi. In particolare, quando i governi occidentali sollevano questioni sul trattamento di cristiani, musulmani e dalit”. Ponendo sotto controllo la circolazione degli aiuti, aggiunge, “viene messa a rischio la vita di milioni di beneficiari che ricevono fonti dall’occidente. All’inizio era solo un sospetto nei confronti di organizzazioni che hanno sede a New York o in Europa. Ora però la situazione ha assunto le dimensioni di una vera paranoia”.

Il risultato del giro di vite verso le Ong straniere, evidenzia il leader cattolico, “è che si indebolisce la voce degli attivisti, che invece necessitano del sostegno straniero per amplificare la loro voce nel resto del mondo”. Ad ogni modo, è certo, “la verità verrà a galla e la comunità che difende i diritti umani troverà strade alternative per alzare la voce e fare in modo che la realtà emerga alla luce del sole”.

Da Asianews.it

Ultime su questo tema

Marocco ed Egitto, carcere per chi critica

06 Dicembre 2019
Il rapper marocchino Gnawi condannato a un anno di carcere per una canzone contro le violenze del governo, l’attivista copto egiziano Ramy Kamel in detenzione preventiva con l’accusa di terrorismo...

La “Visione Matauranga”

05 Dicembre 2019
L’Associazione per i Popoli Minacciati chiede che la ricerca scientifica sul clima tenga maggiormente conto delle popolazioni indigene. (Alessandro Graziadei)

Invertire la rotta, prima che sia tardi

04 Dicembre 2019
Da alcuni decenni il quadro internazionale si sta frantumando e stiamo ritornando all’epoca delle “cannoniere”. (Fabio Pipinato)

È ufficiale, anche per l'Accademia le Ong non sono un “pull factor”

04 Dicembre 2019
Lo European University Institute pubblica uno studio scritto da due ricercatori italiani, Matteo Villa ed Eugenio Cusumano che mette definitivamente la parola fine alla leggenda metropolitana delle...

Ong per i diritti umani sotto attacco del governo: difende le minoranze

03 Dicembre 2019
Il presidente di Human Right Focus Pakistan denuncia le violenze compiute in nome della religione di fronte agli organismi internazionali. Due funzionari hanno visitato la sua casa e promesso “grav...

Video

Diritti Umani