Amnesty: 'nella giusta direzione i primi passi di Obama, urgenti ulteriori misure'

Stampa

Azione di Amnesty Usa

Amnesty International ha chiesto al presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, di fare altri passi importanti e necessari verso il rispetto della legalità e dei diritti umani. "Nei suoi primi due giorni di mandato, il presidente Barack Obama ha firmato gli ordini esecutivi per la chiusura entro l'anno di Guantánamo Bay e dei centri di detenzione segreta della Cia, per la sospensione dei procedimenti presso le commissioni militari e per la fine dell'utilizzo di tecniche d'interrogatorio cosiddette 'rinforzate che equivalgono a tortura e altri maltrattamenti" - riporta il comunicato di Amnesty.

Si tratta - ribadisce Amnesty - di "passi importanti nella giusta direzione": "Questi provvedimenti significano che gli Usa non autorizzeranno mai più le detenzioni segrete né le torture inflitte con tecniche quale il waterboarding. Per Amnesty International, l'emanazione dei provvedimenti esecutivi ha segnato un "momento storico": dopo molti anni di violazioni dei diritti umani, finalmente gli Usa hanno iniziato a correggere i crimini commessi nella loro "guerra al terrore".

Tuttavia Amnesty International continua a essere preoccupata: "Gli ordini hanno fatto riferimento all'Army Field Manual, il manuale operativo contenente disposizioni che, secondo l'organizzazione per i diritti umani, non è compatibile con il divieto assoluto di tortura e altri maltrattamenti imposto dal diritto internazionale. Inoltre, non è stato affrontato il tema dell'eventualità che la Cia ricorra a detenzioni brevi e transitorie e che utilizzi centri di detenzione non controllati dagli Usa per detenzioni e interrogatori per procura" - evidenzia Amnesty.

Tra i passi necessari che Amnesty International chiede al presidente Obama di fare vi sono quelli di "portare innanzi alla giustizia tutti i responsabili dell'approvazione e dell'esecuzione di violazioni dei diritti umani, quali la tortura, le sparizioni e le detenzioni illegali" e "istituire una commissione indipendente di inchiesta che si occupi delle violazioni dei diritti umani commesse dagli Usa nel contesto della 'guerra al terrore'".

Per questo Amnesty, che già nel novembre scorso all'indomani dell'elezione ha presentato al Presidente Obama una serie di delle raccomandazioni, rilancia l'appello internazionaleaffinchè assuma le misure sopra esposte. E ha aperto il sito "I primi 100 giorni di Obama" con un count-down per un costante monitoraggio e pressione sul Presidente per il ripristino e l'attuazione delle misure richieste in materia di diritti umani.

Ultime su questo tema

Prosegue l’assedio indiano sul Kashmir

13 Settembre 2019
L’assedio indiano sul Kashmir prosegue con forza: dopo il duro colpo all’autonomia della regione di inizio agosto, il gigante asiatico è passato alla repressione del dissenso e all’isolamento di ch...

Asia Bibi parla per la prima volta: Giustizia per le vittime innocenti di blasfemia

10 Settembre 2019
La donna cristiana assolta dall’accusa di oltraggio al profeta Maometto è fuggita in Canada. Ricorda il dolore nel vedere le figlie crescere senza di lei e rivela di aver spesso pensato di non usci...

Mondiali 2022: per le qualificazioni Teheran apre gli stadi alle donne

05 Settembre 2019
Teheran apre le porte degli stadi anche alle donne: nel mese di ottobre, infatti, anche le appassionate di calcio del gentil sesso potranno assistere ai match di qualificazione della compagine...

Da Roma ad Atene, occupazioni sotto attacco

04 Settembre 2019
Nel luglio di quest’anno Nuova Democrazia è salita al potere in Grecia con la promessa di reprimere l’immigrazione e le reti di solidarietà che aiutano i rifugiati. Nelle ultime settimane hann...

Il bilancio sulle promesse sociali dei 14 mesi gialloverdi

30 Agosto 2019
I dati dell'osservatorio indipendente “CheckPoint Promesse”. Su 100 impegni, 26 sono stati mantenuti. Tra questi, chiusura dei porti alle Ong, reddito di cittadinanza, ministero per le disabilità....

Video

Diritti Umani