Palau: il paradiso (fiscale) della tutela ambientale

Stampa

La Repubblica di Palau non è solo un paradiso fiscale inserito dal 2017 nella black list dell’Unione europea dei Paesi che non fanno abbastanza per reprimere i programmi offshore. Questo piccolo Stato insulare dell’Oceania, che conta 22.000 abitanti a mollo nel Pacifico occidentale, ha una lunga storia di primati mondiali nel campo della conservazione. Fu il primo Paese nel 2009 a creare un santuario degli squali nelle sue acque nazionali vietando la distruttiva pratica della pesca a strascico e nel 2015 l’unico capace di istituire la più grande area marina protetta al mondo, quel Palau National Marine Sanctuary che, in mezzo milione di chilometri quadrati, ospita un patrimonio di biodiversità che vanta più di 1.300 specie di pesci e 700 di coralli. Primati che rendono questa piccola Repubblica uno dei soli 6 Paesi al mondo ad avere una designazione Unesco che protegge sia il suo ambiente, che la sua cultura, una caratteristica che lo rende ogni anno la meta di oltre 160.000 visitatori

Visto che in futuro il numero dei turisti sembra destinato a crescere, con un impatto antropico sull’ecosistema locale non sempre sostenibile, il Governo locale ha iniziato a prendere delle serie contromisure. Lo scorso dicembre ha presentato la Palau Pledgeun’innovativa iniziativa di turismo responsabile (che vi avevamo raccontato in gennaio), pensata per attirare l’attenzione sulle sfide ecologiche legate al futuro di Palau attraverso l’invito a sottoscrivere, sul passaporto di ogni turista che entra nel Paese, una promessa vincolante presa direttamente con i bambini di Palau che dice: “Bambini di Palau, prendo questo impegno come vostro ospite, per preservare e proteggere la vostra bella e unica casa insulare. Giuro di visitarla con leggerezza, di comportarmi gentilmente e di esplorare con attenzione. Non prenderò ciò che non mi è stato dato. Non farò del male a ciò che non mi fa del male. Le uniche impronte che lascerò sono quelle che verranno spazzate via”. In questo modo Palau ha aggiornato la sua politica turistica con una proposta scritta ispirata alla locale tradizione palauana del Bul, una moratoria dei leader tradizionali che pone fine immediatamente al sovra-consumo e alla distruzione di una specie, un luogo o una cosa a tutela delle future generazioni.

Ma il Governo di Ngerulmudnon non si è limitato ad aiutare i suoi ospiti a capire il ruolo vitale che svolgono nel proteggere Palau, ma ci ha messo del suo annunciando, il 12 ottobre scorso, la firma dell’accordo Armonia per la realizzazione con Engie Eps, leader tecnologico mondiale in micro-reti ed accumulo di energia, di un sistema energetico capace di rendere Palau un paese resiliente, low carbon e leader della transizione energetica rinnovabileSi tratta di un sistema a pannelli solari da 35 MW di energia rinnovabile e 45 MWh di accumulo che, combinato con l’attuale produzione, dovrebbe trasformare la rete di Palau in un sistema smart, integrato con oltre 100 MW di potenza installata, facendo dell'arcipelago la più grande micro-rete energetica al mondo capace di raggiungere l’obiettivo del 45% di energia da fonti rinnovabili entro il 2025 con un abbassamento del 22% delle emissioni del settore. Uno sforzo che andrebbe condiviso su scala mondiale se si volesse garantire la sopravvivenza della popolazione di Palau sparsa in una miriade di isole e atolli che rischiano di affondare nell’Oceano Pacifico se il livello del mare continuerà ad aumentare a causa del cambiamento climatico.

Con la firma di questo accordo, che si prevede sarà completato entro 15 mesi, il piccolo Stato della Micronesia si è garantito 30 anni di energia pulita ad un prezzo competitivo e fisso che consentirà a Palau di sostituire gran parte degli attuali inquinanti generatori diesel, riducendo drasticamente non solo le emissioni di CO2 della nazione, ma anche i costi della bolletta energetica degli abitanti. Per il presidente di Palau, Tommy Remengesau, Oggi è un imperativo categorico mitigare i mutamenti climatici e promuovere l’adattamento ad essi. Riducendo la nostra carbon footprint, limiteremo anche la vulnerabilità delle nostre infrastrutture energetiche a fronte dell’innalzamento dei mari e dei disastri naturali. Produrremmo così energia più pulita, ma anche più affidabile, accessibile ed economica per i nostri cittadini che vivono in prima linea i cambiamenti climatici. La nostra partnership con Engie ha accelerato la transizione di Palau verso un futuro rinnovabile e resiliente”.

In questo modo il Governo di Ngerulmud aggiunge l'ennesimo successo nella storia della tutela ambientale sperimentando la più rapida transizione energetica mai vista. Una sfida utile per dimostrare che il modello Palau, con la sua microrete da 100 MW, non è solo uno dei più grandi progetti solari al mondo, ma un esempio da imitare se si vuole sperare di rendere più sostenibile l’intero settore energetico globale.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime notizie

Protezione e cambiamenti climatici: da favore a diritto

13 Dicembre 2018
Anche i rappresentanti della società civile possono ispirare cambiamenti che promuovono i diritti umani e la responsabilità civile. Come? (Chiara Zambelloni e Marta Benigni)

“La droga non è mai solo un problema di droga”

12 Dicembre 2018
L’Europa sembra tornare ad attraversare una fase particolarmente dinamica, sia dal punto di vista dell’offerta che della domanda di droghe. (Alessandro Graziadei)

Indonesia: arresti di massa di indigeni Papua

11 Dicembre 2018
In seguito agli arresti di massa di indigeni Papua in Indonesia, l'Associazione per i Popoli Minacciati ha chiesto l'immediata liberazione di tutti gli arrestati e la fine della criminalizzazione d...

Deforestazione: siamo verso il punto di non ritorno

11 Dicembre 2018
Alla COP24 stiamo cercando di capirne di più sugli effetti del cambiamento climatico sulla deforestazione. (Luca Kosowski e Marta Benigni)

Essere protagonisti di cose grandi

10 Dicembre 2018
Alla Conferenza Internazionale dei Giovani sul Clima si incontrano ragazzi di tutto il mondo. Sono giovani attivisti, pronti e determinati ad agire quotidianamente per migliorare la situazione.&nbs...