Comunità in lotta contro i matrimoni infantili

Stampa

In Malaysia le leggi islamiche e civili consentono ai minorenni di sposarsi. Le ragazze non musulmane possono sposarsi a partire dai 16 anni, a condizione che ottengano il permesso del rispettivo Menteri Besar, una sorta di tutore legale o “chief minister” dello Stato. Per i musulmani, l’età minima del matrimonio è la stessa di ragazze e ragazzi non musulmani, ma si possono tuttavia fare eccezioni, purché i giovani ottengano il consenso dei tribunali religiosi. Lo stesso Codice civile della Malaysia stabilisce inoltre che un genitore o un tutore legale possa dare il proprio consenso scritto a matrimoni anche tra minorenni. Il risultato è che secondo le statistiche ufficiali, tra il 2005 e il 2015, sono stati registrati 10.240 matrimoni di bambini musulmani, una media di 1.024 ogni anno. Tra i non musulmani sono 2.104 le ragazze che si sono sposate all'età di 16 anni tra il 2011 e il settembre 2015. Ciò significa che ogni anno si sposano circa 420 ragazze non musulmane sotto i 18 anni. Si tratta di una situazione figlia di una tradizione crudele, nata nella povertà, anche educativa, che continua a penalizzare e a sfruttare sessualmente soprattutto le bambine. Lo scorso mese, però, il Governo federale di Kuala Lumpur ha presentato al pubblico sette obiettivi, 17 strategie e 58 tra programmi e azioni per affrontare da subito il diffuso fenomeno dei matrimoni con i minori attraverso un piano strategico quinquennale 2020-2025 che vorrebbe eliminare definitivamente questa piaga sociale.

Per la dottoressa Wan Azizah Wan Ismail, vice primo Ministro malaysiano e Ministro per le Donne, la Famiglia e lo Sviluppo comunitario, il piano non solo affronterà le cause del matrimonio minorile, ma indirettamente aiuterà a superare altre problematiche sociali che affliggono famiglie e bambini: “Il matrimonio minorile - ha spiegato la vicepremier - ha un profondo impatto sulla salute di un adolescente; studi dimostrano che le ragazze incinte di età compresa tra 15 e 19 anni corrono un rischio maggiore di morte durante la gravidanza o il parto”. La Azizah ha annunciato che per raggiungere degli obiettivi concreti sono state coinvolte 61 agenzie nazionali che agiranno sul “rafforzamento dei programmi di sostegno socioeconomico e sensibilizzazione; l’aumento dell’età minima del matrimonio a 18 anni per le ragazze; e la fornitura di servizi per la salute sessuale e riproduttiva adatti ai bambini”, mentre un comitato direttivo guidato dal ministero monitorerà tutta l’attuazione del piano.

Per la giovane parlamentare e vice ministra Hannah Yeoh, tra le promotrici più convinte dell’iniziativa, il Governo si impegnerà anche con i non musulmani coinvolgendo gli aborigeni malaysiani Orang Asli e i nativi degli Stati di Sabah e Sarawak del Borneo, al fine di condividere con tutte le comunità la lotta ai matrimoni infantili: “Ottenere il consenso dei singoli Stati per cambiare la legge è necessario solo per quanto riguarda le unioni islamiche. I nostri dati, tuttavia, mostrano che i matrimoni tradizionali a Sabah e Sarawak, [gli unici due Stati dove i cristiani sono la maggioranza] sono ugualmente diffusi tra i non musulmani”. Finora solo lo Stato di Selangor ha aumentato a 18 anni l'età legale per i matrimoni tra musulmani, mentre in altri territori federali la normativa è in via di modifica e se Penang, Sabah, Johor, Melaka e Perak hanno accettato il cambiamento, Sarawak, Pahang, Terengganu, Perlis, Negri Sembilan, Kedah e Kelantan al momento si oppongono. Per questo la parlamentare Fuzia Salleh ha ricordato che il Governo centrale ha introdotto linee guida che rendono obbligatoria la presentazione delle domande per i matrimoni islamici tra minorenni presso l’Alta corte della Syariah, un organo deputato alla giurisprudenza islamica, che potrebbe condizionare le decisioni dei singoli Stati federali:  “I genitori adesso devono presentare al tribunale relazioni sulla salute fisica e mentale rilasciate dai funzionari sanitari e dal Dipartimento di previdenza sociale. Padri e madri saranno anche interrogati, per determinare i fattori alla base delle loro domande di matrimonio dei figli”.

Si tratta di un passo importante richiesto a gran voce anche da molti attivisti pakistani che hanno lanciato un appello alle autorità di Islamabad affinché venga approvata al più presto la legge contro i matrimoni minorili. La legge, denominata Child Marriage Restraint (Amendment) Bill 2019, prevede l’innalzamento dell’età legale per sposarsi fino ai 18 anni, oltre a pene più severe e multe per coloro che rapiscono, convertono con la forza all’islam bambine delle minoranze e le costringono a sposare uomini musulmani molto più vecchi. Dopo essere passata in Senato, all’inizio di maggio del 2019, il Child Marriage Restraint si è arenato nell’Assemblea nazionale a causa dell’opposizione di alcuni parlamentari e ministri di governo che giustificano la loro posizione sostenendo che la legge sarebbe contro la Sharia e l’islam. Secondo Human Rights Focus Pakistan (Hrfp), il gruppo che ha lanciato l’appello, i numeri delle bambine private della propria infanzia e della possibilità di studiare sono allarmanti: “dati dell’Unicef riportano che nel Paese il 21% delle ragazze si sposa prima dei 18 anni, il 3% prima dei 15 anni; il Paese è al sesto posto nella classifica mondiale per numero di spose bambine”.

Naveed Walter, presidente di Hrfp, ha ricordato che “Il Pakistan ha promesso di eliminare i matrimoni precoci entro il 2030, in linea con il quinto Obiettivo dello Sviluppo sostenibile approvato dall’Onu, che prevede l’eliminazione di tutte le pratiche nocive per i minori, come le nozze forzate infantili e le mutilazioni genitali”. Oggi in Pakistan ogni 20 minuti muore una donna per complicazioni legate alla maternità. Ogni anno più di 1.000 ragazze vengono rapite e costrette a convertirsi con la forza. Per questo gli attivisti chiedono “la fine dei rapimenti, delle conversioni forzate e dei matrimoni forzati delle minorenni. Dobbiamo dare una possibilità a tutte le ragazze pakistane di fare carriera senza l’ostacolo dei loro guardiani, essere autrici del cambiamento nella società per un Pakistan davvero democratico, tollerante e prospero. Non bisogna rovinare la vita e il futuro delle nuove generazioni”. “L’approvazione della legge è una notizia molto positiva - ha spiegato Nasir Saeed, direttore del Centre for Legal Aid, Assistance and Settlement (CLAAS), organizzazione impegnata nella difesa dei cristiani perseguitati in Pakistan -, tuttavia aspettiamo che il Governo la renda efficace prima di cantare vittoria e capiamo i timori, in  particolare delle minoranze, dove è radicata la paura che le loro figlie vengano ancora rapite, costrette alla conversione e sposate contro la propria volontà ai loro sequestratori”.

La strada è ancora lunga, ma se saranno sconfitte le resistenze di alcuni islamisti, chi non osserverà la nuova legge potrebbe essere punito con il carcere fino a 3 anni e con una multa di almeno 100mila rupie, circa 630 euro, in sintonia con quanto già avviene in altri paesi musulmani, come Egitto, Turchia e forse a breve anche in Malaysia

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime notizie

Locanda Dal Barba, dove l’accoglienza si fa in tavola

24 Febbraio 2020
Inclusione sociale per persone con disturbi del neurosviluppo, un’esperienza da conoscere. (Anna Molinari)

Bari il cibo torna in circolo (per i poveri)

23 Febbraio 2020
Sette frigo solidali ospitano il cibo donato. I volontari si spostano anche con pattini e biciclette. L’idea di Kenda onlus. (Bepi Castellaneta)

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Un clima impazzito

21 Febbraio 2020
Un clima impazzito che non conosce una via di mezzo e le cui conseguenze sono pagate soprattutto dai più deboli. (Lia Curcio)

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)