Francia: la Monsanto lascia Parigi per il clima "velenoso" (quasi come i suoi pesticidi)

Stampa

Paul Francis - Foto: Scattidigusto.it

Tempi duri per la Monsanto. Il 14 febbraio, lo stesso giorno che in Italia a Torino le vittime dell’amianto vincevano una battaglia storica contro i massimi dirigenti dell’Eternit, ritenuti responsabili delle morti di centinaia di operai, in Francia a Lione veniva pronunciata un’altra sentenza storica, questa volta contro la multinazionale americana costretta ad indennizzare un coltivatore francese che si è ammalato a causa del Lasso, un erbicida prodotto dalla regina dell’agrobusiness e usato per la prima volta nel 1960 per eliminare le piante infestanti nei campi di cereali. Bandito in Canada e Regno Unito dal 1980, in Europa, grazie ad una direttiva comunitaria, è fuori legge solo dal 2007.

La dubbia etica di questa multinazionale plurirecidiva che sembra aver anteposto il business alla salute non è certo una novità. Come denunciato nel libro e dvd inchiesta di Marie-Monique Robin Il mondo secondo Monsanto, “si tratta di un’azienda imputata più volte per i problemi correlati ai danni dei suoi prodotti”. Pcb, Agente Arancio, Diossina, Aspartame, ormone della crescita ed erbicidi come il Lasso e il Roundup sono nomi di prodotti che hanno fatto la fortuna della Monsanto, ma che sono stati tutti collegati a scandali sanitari e a dei processi che hanno portato spesso alla loro proibizione, ma a rari rimborsi. Almeno fino ad oggi, quando, nonostante l’azienda dichiari con ambiguità che “I prodotti della Monsanto sono conformi alle esigenze di sicurezza valide al momento della loro commercializzazione [...] per quello che concerne la valutazione scientifica della sicurezza dei prodotti per la protezione delle piante” si trova ora costretta a risarcire i danni Paul Francis, cerealicoltore 47enne di Bernac (Charentes), per “non aver informato in etichetta circa l’esatta composizione dell’erbicida, il rischio di una eventuale inalazione e l’obbligo ad indossare sempre una maschera protettiva”.

Il caso risale all’aprile 2004, quando Francis aprendo il serbatoio di un nebulizzatore è stato travolto dai vapori di Lasso che gli ha procurato nell’immediato nausea e svenimenti, più una serie di disturbi come balbuzie, vertigini e cefalee, che lo hanno costretto a sospendere il lavoro per quasi un anno. Nel maggio del 2005, da alcune analisi effettuate, è risultato che Paul Francis aveva in corpo tracce di monoclorobenzene, un solvente presente nel Lasso. Tre anni dopo, Francis, divenuto nel frattempo portavoce delle vittime dei pesticidi, si è visto riconoscere i suoi problemi di salute come malattia professionale da parte dell’Agenzia delle assicurazioni sociali per l’agricoltura e ha, quindi, avviato un procedimento per risarcimento danni nei confronti della Monsanto che ricorrerà in appello “perché - ha dichiarato - non è stato stabilito un legame sufficiente tra l’uso del Lasso e i sintomi accusati” dall’agricoltore francese.

Comunque vada “questa è una decisione storica, per la prima volta un produttore di erbicida è considerato colpevole di avvelenamento. La sentenza farà da volano ad altre denunce e sarà ora possibile mettere sotto processo le multinazionali dell’agrochimica nel momento in cui sia chiaro la relazione tra intossicazione e prodotto chimico” ha affermato Stéphane Cottineau, avvocato specialista in cause ambientali sentito da Slow Food. La stessa soddisfazione è stata espressa dall’ Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (Aiab): 

“Apprendiamo con soddisfazione la notizia della condanna della Monsanto - ha dichiarato Alessandro Triantafyllidis presidente nazionale di Aiab - una sentenza importante, che in Francia è una prima assoluta, e che apre la strada alla richiesta di danni”. Vicende giudiziarie a parte, il caso è l'ennesima tragica dimostrazione di come il modello agroindustriale sia fallimentare. Perché propone un modello di sviluppo che non rispetta né l'ambiente, né il benessere di animali e lavoratori. Per questo, “per tutelare l'ambiente e la salute degli agricoltori - ha concluso Triantafyllidis - bisogna investire nei modelli di agricoltura agro-ecologica sostenibili, biologico in primis. Solamente il biologico, infatti, ha nel suo dna il bando delle dannose e pericolose sostanze chimiche di sintesi”.

Ma a Parigi non è solo il caso Francis a tenere gli occhi puntati sulla multinazionale a stelle e strisce. Il Governo francese ha attaccato lunedì scorso Monsanto anche per gli effetti degli ogm, ed in particolare di quelli del mais geneticamente modificato MON810 che non sembra si limiti a minacciare la biodiversità delle colture, ma pare contempli “rischi significativi per l'ambiente e la salute”, ha fatto sapere il ministero dell'Ambiente francese in una nota. Notizia confermata anche dai risultati pubblicati recentemente sulla rivista International Journal of Biological Sciences che parlano di grossi danni agli organi dei mammiferi provocati proprio da un noto mais ogm della Monsanto diffuso per la sua fama di essere resistente alla siccità.

Così, anche in seguito al blitz di due settimane fa all’interno del centro di ricerca della Monsanto a Trèbes-les–Capucins di alcuni attivisti No-Ogm, che avrebbero trovato sacchi di mais MON810 trattati con il Poncho 2, un potente pesticida prodotto da Bayer (già sotto accusa per la moria di api), il ministro delle Politiche Agricole Bruno Le Maire e quello dell’Ecologia Nathalie Kosciusko-Morizet hanno confermato la moratoria indetta quattro anni fa per la coltivazione del mais della controversa azienda. Una decisione in netta contrapposizione con il parere negativo espresso lo scorso novembre dalla Corte suprema francese, in linea con la Corte di Giustizia europea, secondo le quali “non c’è alcuno studio che possa provare che gli ogm siano rischiosi”.

Non si è fatta attendete la replica della Monsanto che dopo aver dichiarato che “dal 2008 ad oggi, non ha venduto né sperimentato colture ogm in Francia in quanto i suoi stabilimenti potevano solo stoccare ed imballare sementi geneticamente modificate e convenzionali da destinare all'esportazione” ha in ogni caso annunciato che intende lasciare la Francia e l’Europa “per il clima di accesa opposizione da parte dell'opinione pubblica francese verso l'introduzione degli ogm”.

Una buona notizia e una bella vittoria alla luce della storia della Monsanto che ci richiama alla memoria le parole del padre di Slow Food Carlo Petrini: “Nelle campagne del mondo ci vogliono uomini, non multinazionali. Il cibo deve essere prodotto per essere mangiato, e non solo per essere venduto. Ne va della sovranità alimentare dei popoli. Ne va della nostra libertà”. Se non ci è dato sapere quali saranno in futuro gli effetti degli ogm sulla salute dell’ambiente e delle persone per ora è certo che essi sono di proprietà di multinazionali che mirano a controllare il nostro cibo su scala globale, per vendercelo alle loro condizioni. Per questo, quando si prendono in considerazione i costi sanitari, economici e ambientali, diventa evidente che un’agricoltura biologica e sostenibile non è solo possibile, ma sempre più necessaria.

Alessandro Graziadei

Ultime su questo tema

L’alternativa al glifosato è la salute!

16 Giugno 2017
Uno studio indipendente ha trovato consistenti tracce di glifosato in un campione di donne romane in gravidanza. (Alessandro Graziadei)

Cervelli da lettura

26 Marzo 2015
Su stampato o su schermo, le sfide delle nuove tecnologie alle nostre menti. (Anna Molinari)

L’Italia all’Ue: stop alla coltivazione del mais ogm Mon810

06 Aprile 2013
L’Italia ha avanzato alla Commissione europea la richiesta di sospendere le autorizzazioni alla messa in coltura di sementi di mais Ogm Mon810 nel nostro Paese e nell’Ue, affinché la stessa Commiss...

Ogm sì, ogm no? L’ultima controversa e contestata ricerca

14 Ottobre 2012
Ogm sì, ogm no? Il dibattito è ancora aperto e spesso partigiano, ma da quando alla fine degli anni ’80 gli ogm arrivarono sul mercato e venne introdotto il principio di equivalenza, tale per cui g...

Internazionali e nazionali

08 Ottobre 2012
ICGEB (International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology) FINRRAGE

Video

USA: I Ragazzi dello Stato