India: la sesta economia al mondo è “disoccupata”

Stampa

Secondo i dati diffusi dalla Banca mondiale (Wb) nel 2017 il prodotto interno lordo indiano ha toccato i 2.597 miliardi di dollari e nel 2018 la crescita economica è stata del 7,4% confermando un trend di crescita, in atto negli ultimi anni, che vede il più popoloso Paese del subcontinente asiatico contendersi i primi posti nella classifica delle migliori economie mondiali. Alla luce di questi dati, infatti, si può dire che l’India ha scavalcato la Francia, il cui Pil nel 2017 si è fermato a 2.582 miliardi e senza accontentarsi di essere la sesta economia al mondo potrebbe superare anche Londra e suoi 2.622 miliardi di Pil aspirando a diventare la quinta potenza economica al mondo, grazie soprattutto a settori trainanti come quello manifatturiero e quello della spesa per i consumi, sempre più diffusi in un Paese che conta circa 1,34 miliardi di persone. 

Per gli analisti della World Bank Group nel 2017 l’India è riuscita a superare con successo i contraccolpi negativi di due contestate politiche economiche approvate dal governo di Narendra Modi: la “demonetizzazione”, cioè il bando delle banconote da 500 e 1000 rupie e la “Good and service tax”, cioè la tassazione unica su beni e servizi che in alcuni Stati ha fatto aumentare il prezzo delle merci e quindi la possibilità di aumentare proprio i consumi. Nonostante i due contestati provvedimenti, l’economia indiana non ha smesso di crescere e le previsioni del Fondo monetario internazionale (Imf) prevedono per il 2019 una crescita dell’economia che potrebbe toccare addirittura i 7,9 punti percentuali. Siamo davanti a numeri da record, se si considera che la crescita media a livello mondiale dovrebbe attestarsi al 3,9% e soprattutto che in India il 2019 è iniziato registrando la disoccupazione più alta da 45 anni a questa parte.

Secondo un’indagine del National Sample Survey Office (Nsso), resa pubblica grazie ad un'inchiesta del quotidiano nazionale Business Standard, in India la disoccupazione è arrivata al 6,1% della forza lavoro coinvolgendo circa 11 milioni di persone. Solo sei anni fa gli inoccupati erano appena il 2,2%, una situazione che non è il miglior spot per il Governo di Modi che sta vivendo un momento molto delicato mentre si avvia verso una delle campagne elettorali più aspre della sua storia in vista delle elezioni nazionali di maggio. I partiti di opposizione, infatti, hanno criticato la decisione del premier Narendra Modi di non diffondere il report in via ufficiale, nel tentativo forse di non compromettere l’esito delle votazioni, scatenando un caso politico, mentre il Governo ha giustificato tale ritardo sostenendo che i dati sono incompleti, perché non prendono in considerazione l’”economia informale”. 

Intanto nelle scorse settimane due membri del Nsso hanno deciso di dimettersi come forma di protesta per il ritardo nella pubblicazione del sondaggio che tratteggia un’immagine tutt’altro che incoraggiante dell’economia indiana, da anni presentata solo  come in rapida e costante crescitaSecondo le statistiche proprio la “demonetizzazione” e la “Good and service tax” del Governo Modi hanno aggravato la situazione dei disoccupati, tanto che stando all'indagine,mcondotta tra il luglio 2017 e il giugno 2018, il livello di disoccupati, cioè di coloro che non trovano lavoro e di quelli che hanno smesso di cercalo “è il più alto dal 1972-1973”, di fatto da quando nel Paese si è iniziato a condurre questo tipo di ricerche. Secondo i dati rilanciati anche da Asia News La grande disponibilità di manodopera è sempre stato il punto di forza dell'India e in passato è stato calcolato che per mantenere in attivo il rapporto occupati-lavoro, ogni anno il mercato indiano avrebbe dovuto assumere circa 12 milioni di giovani”. 

Adesso, in un Paese dove le persone al di sotto dei 35 anni rappresentano il 65% degli abitanti, la crescita impetuosa degli ultimi anni corre il rischio di evidenziare le sue storture proprio nel mercato del lavoro proprio mentre l’India sta diventandola la quinta potenza economica mondiale. Secondo lo studio, infatti, i dati sull’occupazione sembrano confermare che la crescita non sempre genera occupazione visto che la forza lavoro è diminuita dal 39,5% del periodo 2011-2012 al 36,9% del 2017-2018. "Ciò significa che meno persone cercano un impiego o che le aziende non riescono ad assorbire la domanda”, soprattutto nella fascia d’età tra i 15 e i 29 anni e nelle aree urbane, dove il problema interessa soprattutto le donne con numeri importanti negli equilibri di genere che confermano come la partecipazione femminile al lavoro sia diminuita drasticamente facendo dell’India il Paese con uno dei tassi più bassi al mondo.

Si tratta di un situazione confermata anche dallo studio Stato dell’India lavorativa condotto nel 2018 dall’Università Premim Azim che aveva calcolato come anche il tasso di disoccupazione tra i laureati è particolarmente elevato, con percentuali tra le più alte degli ultimi vent’anni e i pochi posti di lavoro disponibili sono in settori sempre più “senza regole e diritti” dove le politiche di privatizzazione e l’apertura di tutti i servizi di base al mercato hanno portato ad una situazione dove la precarietà è di casa e i redditi sono sempre più bassi. Contrariamente alle rivendicazioni del Governo Modi, quindi, non sembra più possibile contare sui costanti ingressi nel mondo del lavoro del passato, perché se l’India dovesse veramente fornire ai suoi giovani posti di lavoro sicuri con regole e diritti, allora servirebbe un’inversione delle politiche economiche neo-liberiste e l'attivazione di politiche dove l’occupazione e il giusto reddito dovrebbero essere gli elementi centrali di un nuovo corso ancora molto lontano dal realizzarsi. Almeno per ora.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Ultime su questo tema

“Non abbiamo un piano B perché non esiste un pianeta B”

04 Novembre 2019
In Italia, l’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile ASviS, monitora in che misura le politiche stiano andando verso la realizzazione dell'Agenda 2030. (Lia Curcio)

Pyongyang senza cibo e Seul senza lavoro...

19 Giugno 2019
Mentre la Corea del Nord è in piena crisi alimentare i giovani sudcoreani affrontano una disoccupazione senza precedenti. Eppure... (Alessandro Graziadei)

Equo e Solidale: il paradigma di un sistema

24 Maggio 2019
Equo e Solidale: è il paradigma di un sistema di mercato che si propone di modificare le pratiche commerciali sleali verso i produttori. (Lia Curcio)

India: “eliminiamo l’odio dalla politica”

09 Maggio 2019
Anche in India la politica dell’odio viene usata in campagna elettorale per dividere il Paese, generare paura e limitare i diritti di cittadinanza. (Alessandro Graziadei)

Quando il futuro del lavoro è green

09 Aprile 2019
Entro il 2023 il "verde" genererà mezzo milione di nuovi posti. Già oggi il settore vale il 2,4% del PIL. I dati sono...

Video

Crozza a Ballarò denuncia gli stipendi da fame dei ricercatori