Giornata per il Lavoro Dignitoso: Clean Clothes chiede giusto salario in Asia

Stampa

Un'azione di Abiti Puliti per il salario dignitoso dei lavoratori del tessile

In occasione della Giornata Mondiale per il Lavoro Dignitoso - che si è celebrata il 7 ottobre - la campagna internazionale Clean Clothes ha lanciato un appello internazionale e nazionale per chiedere ai grandi distributori di pagare un salario dignitoso a tutti i lavoratori tessili impiegati nelle filiere di fornitura.

Gli attivisti della Clean Clothes Campaign - promossa in Italia dalla campagna Abiti Puliti - sono impegnati a fare pressione sui grandi gruppi distributivi perché sia assunta e applicata la proposta di un salario minimo dignitoso per tutta l’Asia (Asia Floor Wage - AFW). I gruppi interessati dall’azione di pressione sono i grandi nomi del retailing mondiale come Carrefour, Tesco, Aldi e Lidl ma anche le imprese leader italiane come Coop, Coin-OViesse, Rinascente e Upim.

“I grandi distributori internazionali come Carrefour, Aldi e Lidl non possono continuare ad ignorare le disperate condizioni in cui vivono i lavoratori che producono per loro tessile e abbigliamento“ - dichiara Jeroen Merk del segretariato internazionale della CCC. “L’alleanza per l'Asia Floor Wage unisce sindacati e Ong in Asia intorno ad un’unica proposta di salario dignitoso; è una risposta forte alle pratiche delle imprese che hanno tenuto i salari sotto il livello povertà a livello globale e messo i lavoratori gli uni contro gli altri”.

L'Asia Floor Wage, calcolato utilizzando l’indice di Parità del Potere di Acquisto della Banca Mondiale (PPP$), mette sul tavolo un salario mensile pari a 475 dollari PPP al mese, che consentirebbe ai lavoratori di acquistare lo stesso paniere di beni e servizi in tutti i paesi produttori chiave dell’ASIA. La campagna per l’AFW sarà ufficialmente lanciata con numerosi eventi in tutta l’Asia. L’evento clou si è celebrato ieri 7 ottobre a New Delhi in India, dove è stata formalmente consegnata la petizione a Gianni Tognoni, segretario generale del Tribunale Permanente dei Popoli, presente all’evento fra i testimonial internazionali.

In Italia la campagna è sostenuta da Abiti Puliti che, in collaborazione con il Tribunale Permenente dei Popoli, intende portare all’attenzione delle delle principali imprese distributive italiane un tema così impotante. “Numerosi economisti hanno messo in evidenza la necessità di incrementare la domanda a livello globale per fare fronte al trend recessivo e spingere le economie nazionali verso il risanamento e la ripresa” - continua Deborah Lucchetti, presidente di Fair e portavoce della Campagna Abiti Puliti. “Il salario dignitoso è la prima risposta inclusiva per il riequilibrio della domanda globale che può sollevare milioni di lavoratori dalla povertà endemica in cui si trovano”.

Il salario dignitoso è un diritto umano riconosciuto a livello internazionale, eppure esso è regolarmente negato ai lavoratori tessili nell’industria globale. I lavoratori, soprattutto donne,che producono abbigliamento per le catene distributive internazionali vivono in condizioni di estrema povertà, in abitazioni e senza acqua potabile o cibo sufficiente per sostenere loro e le famiglie. [GB]

Ultime su questo tema

Pyongyang senza cibo e Seul senza lavoro...

19 Giugno 2019
Mentre la Corea del Nord è in piena crisi alimentare i giovani sudcoreani affrontano una disoccupazione senza precedenti. Eppure... (Alessandro Graziadei)

Equo e Solidale: il paradigma di un sistema

24 Maggio 2019
Equo e Solidale: è il paradigma di un sistema di mercato che si propone di modificare le pratiche commerciali sleali verso i produttori. (Lia Curcio)

India: “eliminiamo l’odio dalla politica”

09 Maggio 2019
Anche in India la politica dell’odio viene usata in campagna elettorale per dividere il Paese, generare paura e limitare i diritti di cittadinanza. (Alessandro Graziadei)

Quando il futuro del lavoro è green

09 Aprile 2019
Entro il 2023 il "verde" genererà mezzo milione di nuovi posti. Già oggi il settore vale il 2,4% del PIL. I dati sono...

Gli schiavi del pallone!

28 Febbraio 2019
I lavori di costruzione degli stadi per i mondiali del 2022 in Qatar si basano ancora su abusi e violazioni dei diritti dei lavoratori migranti. (Alessandro Graziadei)

Video

Crozza a Ballarò denuncia gli stipendi da fame dei ricercatori