L'UE per i diritti umani in Myanmar

Stampa

Free Burma Coalition

Con l'intento di far pressione sul governo birmano per il rilascio dei prigionieri politici, una delegazione dell'Unione Europea si è recata in Myanmar dove ha potuto incontrare il premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi. Alla propria interlocutrice gli emissari dei Quindici hanno garantito che le sanzioni a carico del regime di Yangon non verranno sospese prima che la giunta militare completi la scarcerazione di tutti i detenuti politici e compia passi significativi sulla strada del dialogo con l'opposizione democratica. Il programma prevedeva anche un incontro fra gli inviati dell'Ue ed il generale Khin Nyunt, numero tre del regime birmano. L'alto ufficiale, però, si trovava lontano dalla capitale e ha fatto sapere di non essere in grado di rientrare in tempo a causa delle forti piogge che stanno colpendo la regione. La delegazione europea ha incontrato inoltre i rappresentanti dei gruppi etnici. Intanto Kraisak Choonhavan, senatore thailandese, ha denunciato l'esercito birmano per aver sistematicamente stuprato e ucciso donne appartenenti alla minoranza etnica Shan. In un rapporto Licence to Rape" presentato da Asian Human Rights Foundation e da Shan Women's Action Network sono riportati 625 casi di stupro avvenuti tra il 1996 e il 2001.
Pubblicato il: 11.09.2002 " Fonte: » Misna, Free Burma Coalition, Rapporto Licence to Rape, Asian Human Rights Foundation ;
" Approfondimento: » Amnesty International - Rapporto Myanmar , Associazione Popoli Minacciati;

Ultime su questo tema

Cile: e la allegria?

15 Novembre 2019
Possiamo solo essere grati al popolo cileno per dimostrarci che sí se puede. (Michela Giovannini)

“Conflict Plantations”

12 Novembre 2019
Un nuovo rapporto dell’Environmental Paper Network rivela che l’Asia Pulp & Paper è coinvolta in centinaia di conflitti sociali con le comunità locali. (Alessandro Graziadei)

Tanti Davide

11 Novembre 2019
Li accusavamo di essere schiavi degli smartphone, di perdere ore ed ore a chattare con chissà chi. Ora sono in piazza, a Hong Kong come a Beirut, ad Algeri come in Cile. (Michele Zanzucchi)

Un bottino di nome Siria

06 Novembre 2019
Eliminato al-Baghdadi con modalità ancora misteriose, non per questo il nord del Paese viene pacificato. A perdere sono i cittadini siriani. (Bruno Cantamessa)

“Non abbiamo un piano B perché non esiste un pianeta B”

04 Novembre 2019
In Italia, l’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile ASviS, monitora in che misura le politiche stiano andando verso la realizzazione dell'Agenda 2030. (Lia Curcio)

Video

Diritti Umani