Donne e Cedaw: gli USA verso la ratifica

Stampa

Diritti della donna

La Commissione affari esteri del Senato statunitense si è espressa a favore del Cedaw, la Convenzione sulla eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro la donna, il più importante strumento internazionale giuridicamente vincolante in materia di diritti femminili. La notizia è stata accolta con soddisfazione da Human Right Watch, che ha definito la Convenzione " un'importante opportunità per proteggere i diritti delle donne negli USA e nel mondo". Hanno festeggiato anche le associazioni femministe americane, impegnate da tempo a sottolineare come gli USA siano l'unica nazione industrializzata a non aver ancora ratificato il trattato in linea con paesi come l'Afghanistan dei talebani, l'Iran e il Sudan. Tuttavia, perché sia ratificato, il documento dovrà ottenere i voti favorevoli di 67 dei 100 membri del Senato, dove esiste una componente contraria che sottolinea il pericolo di un conseguente "indebolimento della sovranità Usa all'estero, e della famiglia all'interno del Paese.
Pubblicato il: 31.07.2002 " Fonte: » Aidos, Human Rights Watch, Feminist Majority, Oneworld;
" Approfondimento: » Guida Diritti delle Donne, Guida Genere;

Ultime su questo tema

Sahel, il nuovo Califfato

19 Novembre 2019
Numerosi segnali indicano che, dopo la morte in Siria dello storico leader al-Baghdadi, il nuovo centro del potere dello Stato Islamico potrebbe rinascere nel Sahel. Ed estendere la sua influenza a...

Cile: e la allegria?

15 Novembre 2019
Possiamo solo essere grati al popolo cileno per dimostrarci che sí se puede. (Michela Giovannini)

Lettera al mondo

15 Novembre 2019
Il campo di Moira dovrebbe ospitare circa 3 mila persone, oggi ce ne sono 5 volte tante, ma aumentano giorno dopo giorno. Le condizioni di sicurezza sono tali che andare in bagno da soli significa...

“Conflict Plantations”

12 Novembre 2019
Un nuovo rapporto dell’Environmental Paper Network rivela che l’Asia Pulp & Paper è coinvolta in centinaia di conflitti sociali con le comunità locali. (Alessandro Graziadei)

Tanti Davide

11 Novembre 2019
Li accusavamo di essere schiavi degli smartphone, di perdere ore ed ore a chattare con chissà chi. Ora sono in piazza, a Hong Kong come a Beirut, ad Algeri come in Cile. (Michele Zanzucchi)

Video

Diritti Umani