Appelli per Amina e il massacro nel Congo

Stampa

© Amina verrà lapidata per adulterio

Con un appello "Fermiamo le pietre dell'ipocrisia!" delle missionarie comboniane lanciato dall'agenzia Femmis viene chiesto un intervento dell'ambasciatore della Nigeria in Italia per fermare la decisione di omicidio per lapidazione di Amina Lawal cittadina nigeriana accusata di adulterio. In un'intervista della Comunità di Sant'Egidio a Maiko Tagusari, avvocatessa dell'associazione abolizionista "Forum '90", si apprende che in Giappone sono 56 le persone nel braccio della morte. Intanto Human Rights Watch (Hrw), ha identificato gli ufficiali della Coalizione democratica congolese (Rcd-Goma) responsabili dei massacri perpetrati nel maggio scorso a Kisangani, nel nordest della Repubblica democratica del Congo. Le violenze impedirono lo svolgimento del II° Simposio per la pace, promosso dalla società civile, a cui avrebbe dovuto partecipare una folta delegazione italiani di 'Beati i costruttori di pace. In Italia, grazie alla campagna di Amnesty 6 sono in corso di dibattimento i disegni di legge finalizzati ad introdurre il reato di Tortura nel Codice Penale Italiano e più di 200 enti locali (regioni, comuni e province) hanno approvato delle delibere contro la tortura. Un appello urgente è attivo per salvare dalle torture Saiful Anwar in Indonesia.
Pubblicato il: 20.08.2002 " Fonte: » Femmis, Comunità Sant'Egidio, Amnesty International, Misna, Human Rights Watch;
" Approfondimento: » Dossier Grandi Laghi, Campagna per l'Amnistia per la Nigeria, Zapping di Radio Rai per Amina ;

Ultime su questo tema

Sahel, il nuovo Califfato

19 Novembre 2019
Numerosi segnali indicano che, dopo la morte in Siria dello storico leader al-Baghdadi, il nuovo centro del potere dello Stato Islamico potrebbe rinascere nel Sahel. Ed estendere la sua influenza a...

Cile: e la allegria?

15 Novembre 2019
Possiamo solo essere grati al popolo cileno per dimostrarci che sí se puede. (Michela Giovannini)

Lettera al mondo

15 Novembre 2019
Il campo di Moira dovrebbe ospitare circa 3 mila persone, oggi ce ne sono 5 volte tante, ma aumentano giorno dopo giorno. Le condizioni di sicurezza sono tali che andare in bagno da soli significa...

“Conflict Plantations”

12 Novembre 2019
Un nuovo rapporto dell’Environmental Paper Network rivela che l’Asia Pulp & Paper è coinvolta in centinaia di conflitti sociali con le comunità locali. (Alessandro Graziadei)

Tanti Davide

11 Novembre 2019
Li accusavamo di essere schiavi degli smartphone, di perdere ore ed ore a chattare con chissà chi. Ora sono in piazza, a Hong Kong come a Beirut, ad Algeri come in Cile. (Michele Zanzucchi)

Video

Diritti Umani