Amnesty: 'stupri di guerra', minaccia costante in Ciad, tuttora impuniti in Bosnia-Erzegovina

Stampa

Ciad: rifugiate nel campo profughi di Mile - Foto: ©Amnesty

In due diversi rapporti presentati in questi giorni Amnesty International denuncia che le violenze sulle donne, e i particolare gli stupri sono una minaccia costante per donne e bambine dei campi per i rifugiati in Ciad, mentre a 14 anni dalla fine del conflitto restano gli "stupri di guerra" sono tuttora impuniti in Bosnia e Erzegovina.

Nel rapporto "Nessun posto dove andare: la violenza contro le rifugiate nel Ciad orientale", Amnesty International denuncia che le donne e le bambine darfuriane rifugiate in Ciad rischiano ogni giorno stupri e altre violenze, anche all'interno dei campi e nonostante la presenza del personale delle Nazioni Unite. Il pericolo proviene principalmente dagli abitanti dei villaggi situati nelle vicinanze dei campi per i rifugiati e dai soldati dall'Esercito nazionale ciadiano. L'Unità integrata di sicurezza (Dis), un reparto speciale di polizia sostenuto dalla Missione dell'Onu nella Repubblica centrafricana e nel Ciad, ha la responsabilità di garantire la sicurezza all'interno e all'esterno dei campi per i rifugiati. Attualmente, sono 800 gli agenti della Dis dispiegati nei 12 campi del Ciad orientale, che ospitano complessivamente 260.000 persone, la maggior parte dei quali sono donne e bambini.

Gli agenti del Dis, si legge nel rapporto di Amnesty International, sono diventati bersagli della violenza locale ma si sono resi anche responsabili di violazioni dei diritti umani. Molte donne rifugiate affermano che questi agenti pensano solo a proteggere se stessi e che hanno fatto ben poco per garantire la sicurezza dei rifugiati. Ma la violenza sessuale si annida anche all'interno dei campi, dove ad esempio gli insegnanti promettono voti alti in cambio di rapporti sessuali. Alcune bambine hanno dovuto lasciare le scuole per questa ragione - evidenzia Amnesty. Il rapporto sottolinea come il propagarsi della violenza sessuale sia dovuto alla cultura dell'impunità, profondamente radicata nel Ciad orientale. L'uso del metodo tradizionale del "negoziato" per risolvere le dispute e i conflitti mostra tutta la propria pericolosità quando si tratta di casi di stupro.

In un altro rapporto presentato oggi a Sarajevo, Amnesty International ha accusato i governi di Bosnia-Erzegovina che si sono succeduti al potere dalla seconda metà degli anni Novanta, di non aver assicurato giustizia alle migliaia di donne e ragazze stuprate nel corso della guerra del 1992-95. "Durante la guerra, migliaia di donne e ragazze furono stuprate, spesso con brutalità estrema. Molte di esse vennero detenute in campi di prigionia, alberghi o case private e costrette allo sfruttamento sessuale. In tante vennero uccise. Oggi, alle sopravvissute a questi crimini viene negato l'accesso alla giustizia. I responsabili delle loro sofferenze, membri dell'esercito, della polizia e dei gruppi paramilitari, circolano liberamente, alcuni accanto alle proprie vittime, altri addirittura in posizioni di potere" - ha dichiarato Nicola Duckworth, direttrice del Programma Europa e Asia centrale di Amnesty International.
Il rapporto diffuso a Sarajevo, intitolato "Giustizia per chi? Le donne della Bosnia ed Erzegovina l'attendono ancora" (in inglese, in .pdf) denuncia lo stato fallimentare del sistema giudiziario del paese, l'assenza di riparazione per le vittime e la violazione dei diritti umani di queste ultime.

Stupri e altre forme di violenza sessuale sono avvenuti su scala massiccia durante la guerra degli anni 1992-95 in Bosnia ed Erzegovina. Il Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (Tpij), istituito nel 1993 per punire gravi violazioni del diritto umanitario, violenza sessuale inclusa, è stato in grado di occuparsi solo di una piccola parte di casi: fino al luglio di quest'anno, aveva trattato 18 casi di violenza sessuale in Bosnia ed Erzegovina. La Camera per i crimini di guerra, istituita nel 2005 nell'ambito della Corte di stato della Bosnia ed Erzegovina per seguire casi che il Tpij non potrebbe giudicare, ha condannato a oggi solo 12 persone per crimini di violenza sessuale. [GB]

Ultime su questo tema

Lavoro: il tessile malato

18 Giugno 2019
Il lavoro, le disuguaglianze, i conflitti e i diritti umani viaggiano spesso sulla stessa lunghezza d’onda. E’ per questo che l’Atlante delle guerre si è occupato a più riprese della questione del...

Nonviolenza e violenza di stato

17 Giugno 2019
Ripubblichiamo di Rodrigo Rivas,  l’introduzione al dibattito che si tenne in occasione della marcia della pace del 2011, sul tema  “Nonviolenza e protesta in atto in Europa contro ciò ch...

Cooperanti, bella gente

14 Giugno 2019
Chi sono, cosa fanno, cosa pensano. Nonostante l’incessante campagna denigratoria, sono tantissimi i giovani (e non solo loro) che lavorano o sognano di lavorare nel mondo della cooperazione intern...

Hasankeyf: l’acqua alla gola

13 Giugno 2019
Nel mese di giugno diverrà operativa in Turchia la diga Ilisu. Spariranno per sempre sott'acqua un centinaio di villaggi. Tra questi anche il simbolo di questo disastro sociale ed ambientale, la ci...

No alla revisione della pace con le Farc

11 Giugno 2019
Il Tribunale costituzionale e le due camere del Parlamento hanno bocciato l’iniziativa del presidente Iván Duque di rivedere soprattutto l’aspetto della “giustizia transizionale”. Gli accordi sono...

Video

Diritti Umani