La violenza sulle donne è un problema degli uomini

Stampa

Annichilimento? Rabbia? Vergogna? Qual è il sentimento che monta dinanzi ai dati e alle testimonianze delle donne vittime di violenza. Impossibile non rimanerne scalfiti. In queste ultime settimane si sono moltiplicati gli spot e le manifestazioni di sensibilizzazione sul fenomeno, in adesione alla Giornata contro la violenza sulle donne che ricorre oggi.

La riflessione che non sia un bel mondo per le donne è ormai condivisa anche da un nutrito gruppo di uomini che ha avviato negli ultimi anni iniziative di sensibilizzazione dirette al mondo maschile, spostando dunque l’attenzione dalle vittime ai carnefici. “Noi no”, la principale campagna di comunicazione mediatica, ha già ottenuto il sostegno di facce note dello spettacolo e dell’ambiente televisivo con l’intento di creare una maggiore consapevolezza sul fenomeno divulgando dati e informazioni, e al contempo di cancellare ogni idea di complicità tra la minoranza dei violenti e la maggioranza degli uomini.

Persino la Federcalcio ha aderito alla campagna di sensibilizzazione. Lo slogan “La violenza sulle donne è un problema degli uomini. Insieme possiamo vincere questa partita” è stato veicolato nel corso dell’amichevole Italia-Francia del 14 novembre scorso allo stadio Tardini di Parma, aperto per l’occasione all’accesso gratuito delle donne. Difficilmente l’iniziativa della gratuità dell’ingresso allo stadio può essere stata intesa quale un’azione di promozione della parità di genere. Ma più sconcerto può avere determinato la scarsa incisività dell’appello lanciato dall’attrice Lunetta Savino sulla campagna contro la violenza alle donne di “Se non ora quando”, postillata alla sua chiusura dal telecronista Marco Mazzocchi con un “a nome degli uomini dico agli uomini di non fare gli scemi”. Un intervento piuttosto infelice, che ha indebolito il significato delle parole appena pronunciate, banalizzandone i contenuti. Questi ultimi, al contrario, si basano sui dati raccapriccianti del fenomeno, purtroppo in costante crescita in Italia. Dall’inizio dell’anno sono più di 100 le donne uccise in quanto tali; al femmicidio si aggiungono migliaia di denunce per violenze e per stalking, e le ancor più numerose, e silenziose, richieste di aiuto. Nella scorsa primavera anche Rashida Manjoo, la Special Rapporteur delle Nazioni Unite contro la violenza sulle donne, ha lanciato un severo monito all’Italia per le sue responsabilità in quanto “femmicidio e femminicidio sono crimini di Stato tollerati dalle pubbliche istituzioni per incapacità di prevenire, proteggere e tutelare la vita delle donne, che vivono diverse forme di discriminazioni e di violenza durante la loro vita”. Potenziare gli strumenti di intervento contro la violenza sulle donne è un dovere civile e un obbligo internazionale, in osservanza alla normativa a tutela dei diritti della donna.

Che un intervento sulle cause strutturali della disuguaglianza di genere e della discriminazione sia auspicabile tanto dalla società civile quanto dalle istituzioni è evidente.

Non è infatti un caso che anche il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca in queste settimane abbia inserito nel suo scarno portale un riquadro di riferimento alla Giornata contro la violenza sulle donne, con un comunicato congiunto con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per segnalare le campagne di sensibilizzazione e le iniziative nelle scuole. Si sottintende così il legame inscindibile fra educazione e promozione dell’uguaglianza di genere, indispensabile per eliminare la violenza contro le donne che da tale discriminazione si origina.

Proprio il tentativo di limitare l’educazione alle bambine costituisce una forma di violenza in alcuni Paesi del mondo, perché sottende la costruzione di una società in cui le donne ricoprono ruoli non paritari, non avendo né le capacità di abbattere le costruzioni discriminatorie di genere né spesso la consapevolezza delle stesse. Inoltre non di rado sono violente le azioni con cui gli uomini impediscono l’accesso alla scuola alle bambine. È il caso della quattordicenne Malala Yousufzai, ferita gravemente lo scorso 9 ottobre per la sua coraggiosa opposizione nel 2009 al divieto dei talebani di accesso delle bambine a scuola nella valle dello Swat in Pakistan. La sua storia è rimbalzata sui giornali e sulle tv di mezzo mondo, testimoniando ancora una volta la necessità di opporsi con tenacia all’oscurantismo e alla bieca violenza contro le donne. Ma quanto la logica che sottintende alla vicenda di Malala è diversa da quanto accade quotidianamente nel nostro “primo mondo”?

Miriam Rossi

Commenti

Giornata ONU

Ottimo articolo, grazie!

Log in or create a user account to comment.

Ultime notizie

Dopo 220 giorni di guerra. Il punto

07 Ottobre 2022
I due contendenti intendono scrivere la parola fine ai combattimenti solo a fronte di una vittoria militare? (Raffaele Crocco)

Colombo: ministra del Turismo vuole trasformare Mannar in una nuova Macao

06 Ottobre 2022
Per Diana Gamage l'isola può attirare turisti stranieri con il gioco d'azzardo. L'economia locale si basa però soprattutto su pesca e agricoltura: sarebbe difficile riconvertire il modello di svilu...

La Cina oggi: un’analisi in vista del XX Congresso

06 Ottobre 2022
Taiwan, gli Usa, la Russia, il Covid : Xi Jing Ping di fronte a una sfida senza precedenti. Intervista con Simone Dossi. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

05 Ottobre 2022
Gli ultimi eventi e nuovi rapporti lo denunciano chiaro e forte: in Siria siamo di fronte a una delle peggiori crisi dopo oltre 11 anni di guerra. E la situazione attuale continua a costringere mig...

Basta avere fortuna

05 Ottobre 2022
"Siamo un gruppo di donne e uomini che credono nel diritto alla libera circolazione per ogni essere umano". (Matthias Canapini)