Festeggiano il primo compleanno del figlio con i bambini delle baraccopoli

Stampa

Foto: Lanuovabq.it

Invece di festeggiare in una sala d’hotel solo con amici e parenti, una coppia cattolica di Karachi ha deciso di celebrare il primo compleanno del figlio offrendo il pasto a 70 bambini delle baraccopoli. La festa si è tenuta il 2 dicembre scorso. A spegnere le candeline in una sala piena di bambini chiassosi e gioiosi era Othniel (leone di Dio), figlio di Kashif Anthony, attivista, e Mariyam, insegnante. Entrambi i genitori, insieme alla figlia maggiore Myra di quattro anni, hanno servito ai tavoli. Il padre afferma: “Il nostro contributo è come una goccia nell’oceano, ma d’ora in poi anche altri faranno lo stesso. Questa è la vera applicazione del Vangelo nella vita quotidiana”.

Ad AsiaNews i genitori raccontano che l’idea è nata ascoltando il messaggio d’Avvento del card. Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi, che ha invitato il popolo cristiano a “tenere gli occhi aperti per i bisogni dei poveri”. L’Avvento, sottolinea, “ci aiuta a trovare Gesù nei bisogni degli altri ed è molto più soddisfacente di ogni altra cosa al mondo”. Per il porporato, aiutare coloro che “sono in difficoltà e necessitano il nostro sostegno per risollevarsi” è la chiave di lettura del periodo che precede il Natale. Persino piccoli sforzi “possono portare sorrisi angelici sui volti dei poveri e dei bisognosi”.

Mariyam racconta che quando ha condiviso con la figlia Myra l’idea di festeggiare il compleanno del fratellino insieme ai bambini indigenti che studiano in una scuola vicino casa, è stata subito entusiasta. “Mi ha detto – cita – ‘Sì mamma, noi andremo e li nutriremo e Gesù ci aiuterà’”. “Quando abbiamo sentito queste parole – prosegue la donna – ci siamo sentiti ancora più incoraggiati. Io, mio marito e mia figlia abbiamo distribuito il cibo a questi bambini. Con questo gesto vorremmo insegnare ai nostri figli che ci sono persone meno privilegiate. Per questo dobbiamo stare con loro e sostenerli”.

Tra i 70 bambini, alcuni vivono sotto le tende, altri nelle baraccopoli sparse per la città. I genitori non riescono a pagare la scuola e le altre spese necessarie alla loro crescita. Kashif afferma: “Il tradizionale banchetto di compleanno con tutti i familiari sarebbe stato meno gioioso della contentezza che abbiamo provato il mezzo a loro. Il sorriso che abbiamo visto sul voto di quei bambini ci ha dato pace interiore e non lo dimenticheremo mai. I nostri figli hanno giocato con loro e hanno portato anche qualche regalino”. “Siamo davvero felici – aggiunge – che stiamo crescendo come buoni bambini cristiani che seguono gli insegnamenti di Cristo e rendono speciale qualche momento per coloro che hanno meno opportunità”. Ogni bambino, conclude il cattolico, ha il diritto all’istruzione e al cibo. Sappiamo che il nostro Paese sta attraversando un periodo difficile. Facendo simili gesti possiamo contribuire alla sua prosperità. Dobbiamo aiutare il nostro popolo e la nazione a venir fuori da questa situazione”.

Shafique Khokhar da Asianews.it

Ultime notizie

Comunità in lotta contro i matrimoni infantili

28 Gennaio 2020
In Malaysia il Governo si mobilita contro le leggi islamiche e civili che consentono ai minorenni di sposarsi. In Pakistan è quasi fatta. (Alessandro Graziadei)

Io non ho paura del lupo, e tu?

27 Gennaio 2020
Conoscere è sempre il primo passo per un percorso di convivenza. Anche con i lupi. (Anna Molinari)

La palestra di Mohammed Alì a New York apre ai ragazzi di strada

26 Gennaio 2020
La Gleason’s Gym fondata nel 1937 da un pugile italiano immigrato ha fatto la storia della boxe. La nuova proprietà aiuta i giovani in difficoltà. (Claudio Arrigoni)

Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte

25 Gennaio 2020
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno apparentemente inarrestabile. (Lucia Michelini)

Il terrorismo di serie B

24 Gennaio 2020
L’anno è appena iniziato ed è un susseguirsi di attentati di matrice jihadista nel continente africano, con decine di morti, soprattutto nel Sahel e nel Corno. Eppure l’attenzione dell’opinione pub...