Con Israele no, non facciamo nulla

Stampa

Resta sorprendente con quali occhi il Mondo, almeno il nostro Mondo, quello che ci circonda quotidianamente e che noi abitiamo, guardi all’eterna occupazione militare dei territori palestinesi da parte di Israele.

Riassumiamo quanto accaduto con l’operazione Breaking Dawn, “Alba Nascente”, prima del cessate il fuoco del 7 agosto. Per tre giorni, l’aviazione israeliana ha costantemente attaccato e bombardato la striscia di Gaza, un pezzo di terra di 365 chilometri quadrati, che da decenni imprigiona – letteralmente, non è una metafora – quasi due milioni di palestinesi. Il bombardamento era stato preparato tagliando le forniture di elettricità al territorio, rafforzando la presenza militare ai confini e dichiarando il coprifuoco. Le bombe israeliane sono arrivate con l’obiettivo di colpire i dirigenti della Palestinian Islamic Jihad (Pij), in realtà molto più forte a Nord, in Cisgiordania. I palestinesi hanno risposto agli attacchi lanciando su Israele centinaia di razzi, quasi tutti intercettati dal sistema antimissilistico di Tel Aviv. Sul campo, alla fine, si sono contati 3 feriti da parte israeliana. Da parte palestinese il bilancio è molto più drammatico: 45 morti, di questi 16 sono bambini, più di 360 feriti, 1.600 residenze distrutte e migliaia di sfollati. 

Questa brevemente la storia dell’ennesimo capitolo di questa guerra iniziata nel 1948. Capitolo scritto – lo dicono osservatori, agenzie internazionali, cancellerie – da un governo israeliano in crisi, costretto ad affrontare le urne per la quinta volta in poco più di tre anni e quindi alla disperata ricerca di consensi.

Sarebbe un problema di politica interna, quindi, quello che fa morire migliaia di palestinesi. Questo è possibile, lo sappiamo, è successo ancora e altrove. E’ una scelta che lascia sgomenti per il cinismo, ma è una scelta che diventa eternamente possibile – appunto – per il modo che tutti abbiamo di guardare a quanto accade.

Cerco di spiegarmi: da sette decenni, il comportamento di Israele nei confronti dei palestinesi è in tutto e per tutto simile a quello che – ad esempio – hanno Putin e la Russia nei confronti dell’Ucraina. Putin ha attaccato e invaso i territori di Kiev. Gli israeliani hanno attaccato e invaso i territori dei palestinesi. 

Se è vero – e io credo fortemente che lo sia, perché questo abbiamo deciso nel 1948 come comunità internazionale – che Israele ha diritto di esistere, è altrettanto vero, sulla base del medesimo diritto, che non ha alcuna ragione di occupare militarmente e tenere con la forza terre che non sono sue. E’ esattamente quello che contestiamo a Putin nel Donbass, tanto da avere messo in campo ogni sorta di strumento per fermarlo.

Con Israele no, non facciamo nulla. Noi europei – bravi in questo – ci scandalizziamo a intervalli regolari, alziamo la voce, ma evitiamo di prendere provvedimenti utili ad affermare il diritto dei palestinesi ad una vita in pace nella loro terra. Rosi dai sensi di colpa per quanto permesso al nazifascismo con la Shoah, piegati all’interesse di avere un “alleato affidabile” nel Vicino Oriente e sul Mediterraneo, convinti dell’utilità di un ulteriore argine all’espandersi dell’integralismo islamico, consentiamo a Israele di violare in ogni modo i diritti umani di milioni di individui. Lo facciamo consolandoci con il pensiero che Israele “è una democrazia”. 

Ed è questo pensiero che dovrebbe renderci ancora più sgomenti: Israele è diventata la prova costante di come una democrazia svuotata del senso e della meccanica dei diritti umani si trasformi, diventando pericolosa. Utile solo a coprire i tratti di un autoritarismo subdolo, militarista e un po’ fascista. 

Raffaele Crocco

Sono nato a Verona nel 1960. Sono l’ideatore e direttore del progetto “Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo” e sono presidente dell’Associazione 46mo Parallelo che lo amministra. Sono caposervizio e conduttore della Tgr Rai, a Trento e collaboro con la rubrica Est Ovest di RadioUno. Sono diventato giornalista a tempo pieno nel 1988. Ho lavorato per quotidiani, televisioni, settimanali, radio siti web. Sono stato inviato in zona di guerra per Trieste Oggi, Il Gazzettino, Il Corriere della Sera, Il Manifesto, Liberazione. Ho raccontato le guerre nella ex Jugoslavia, in America Centrale, nel Vicino Oriente. Ho investigato le trame nere che legavano il secessionismo padano al neonazismo negli anni’90. Ho narrato di Tangentopoli, di Social Forum Mondiali, di G7 e G8. Ho fondato riviste: il mensile Maiz nel 1997, il quotidiano on line Peacereporter con Gino Strada nel 2003, l’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, nel 2009. 

Ultime notizie

Dopo 220 giorni di guerra. Il punto

07 Ottobre 2022
I due contendenti intendono scrivere la parola fine ai combattimenti solo a fronte di una vittoria militare? (Raffaele Crocco)

Colombo: ministra del Turismo vuole trasformare Mannar in una nuova Macao

06 Ottobre 2022
Per Diana Gamage l'isola può attirare turisti stranieri con il gioco d'azzardo. L'economia locale si basa però soprattutto su pesca e agricoltura: sarebbe difficile riconvertire il modello di svilu...

La Cina oggi: un’analisi in vista del XX Congresso

06 Ottobre 2022
Taiwan, gli Usa, la Russia, il Covid : Xi Jing Ping di fronte a una sfida senza precedenti. Intervista con Simone Dossi. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

05 Ottobre 2022
Gli ultimi eventi e nuovi rapporti lo denunciano chiaro e forte: in Siria siamo di fronte a una delle peggiori crisi dopo oltre 11 anni di guerra. E la situazione attuale continua a costringere mig...

Basta avere fortuna

05 Ottobre 2022
"Siamo un gruppo di donne e uomini che credono nel diritto alla libera circolazione per ogni essere umano". (Matthias Canapini)