Zimbabwe: arrestati 400 attivisti

Stampa

Circa 400 attivisti sono stati arrestati il 22 ottobre scorso ad Harare, capitale dello Zimbabwe. I manifestanti si erano riuniti per denunciare la grave crisi economica che attanaglia il Paese, nonchè per chiedere maggiore democrazia e partecipazione popolare alla riforma della Costituzione (l'attuale risale al 1978). Tra le persone arrestate c'è anche il direttore dell'NCA (network delle Ong in Zimbabwe), Mr Lovemore Madhuku.

L'Organizzazione mondiale contro la tortura nel denunciare questi arresti arbitrari invita a sottoscrivere un appello indirizzato alle autorità dello Zimbabwe e volto a chiedere il rispetto dei diritti umani e in particolare la liberazione degli attivisti e l'investigazione sulle violenze subite dall'avvocato Beatrice Mtetwa ad opera della polizia governativa. La signora Mtetwa opera per la difesa dei diritti umani e in particolare ha difeso dei giornalisti perseguiti a causa delle politiche governative che intendono soffocare la libertà di stampa.

La grave situazione un cui versa la popolazione dello Zimbabwe è evidenziata anche in un recente rapporto di Human Rights Watch. L'Organizzazione per i diritti umani denucia il governo di Mugabe di usare gli aiuti alimentari come arma politica. Secondo il documento, i funzionari del partito di governo Zimbabwe African National Union-Patriotic Front (ZANU-PF) maneggiano il rifornimento e la distribuzione di grano proveniente dagli aiuti internazionali escludendo arbitrariamente gruppi di persone legate alle forze di opposizione.

Il rapporto dell'ONU sulla situazione umanitaria nel Paese riporta che recentemente 2,2 miloni di dollari sono stati donati per aiuti alimentari dai governi italiano e irlandese. [RB]

Ultime notizie

ll giorno di guerra è il 289. Il punto

09 Dicembre 2022
Sono passati quasi dieci mesi dall’invasione russa dell’Ucraina e la guerra continua ad uccidere. (Raffaele Crocco)

“Il Ruanda attacca la Rdc tramite il movimento M23”

08 Dicembre 2022
Accuse arrivano dal Governo di Kinshasa e dall'Europarlamento, mentre Kigali nega il suo coinvolgimento nella violenza del Nord Kivu. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

La guerra corre, il fatturato cresce

08 Dicembre 2022
A causa della pandemia e della crisi nella logistica rallenta la produzione ma il saldo del commercio mondiale delle armi continua ad aumentare. L’Italia conquista posizioni nel Top 100 dei produtt...

Casa dolce (ed energivora) casa… - #Diventaregreen

07 Dicembre 2022
Alimentare gli edifici è la prima voce per consumo energetico in Italia. (Alessandro Graziadei) 

L’eredità di Hebe e i fantasmi del passato argentino

07 Dicembre 2022
L'ultimo viaggio di De Bonafini figura emblematica e controversa.  La Guerra sporca e la sua scia di sangue. I processi e il difficile inizio del ritorno alla democrazia. (Atlante delle gue...