Voi ci donate un click, noi doniamo un’ambulanza

Stampa

Il Citroën Jumpy in palio con “1 click donation

Unimondo ha promosso la candidatura dell’organizzazione che da anni lo sostiene, la Fondazione Fontana, al concorso di “1 click donation” che metteva in palio una Citroën C4 Picasso.

Dopo aver verificato la responsabilità dell’azienda (diritti dei lavoratori, sviluppo di veicoli che impiegano energie alternative ed ecologiche...) abbiamo aderito a questo concorso per ricavare le risorse per donare un’ambulanza al Saint Martin in Kenya.

Il Saint Martin è un’organizzazione cattolica basata sulla comunità e che, attraverso la comunità, raggiunge le fasce più povere ed emarginate della popolazione di due province nella zona dell’equatore. Lo scopo non è “aiutare” ma, semmai, “aiutarli ad aiutarsi” promovendo la solidarietà nella comunità. I programmi comunitari del Saint Martin riguardano le persone con disabilità, bambini di strada e bisognosi, l'assistenza, la prevenzione e la sensibilizzazione su Aids, alcool e abuso di droga, la nonviolenza attiva e i diritti umani, il risparmio e il micro-credito, la risposta alle emergenze come i disastri naturali e le crisi umanitarie.

La prima fase del concorso ha visto partecipare 1652 organizzazioni non profit italiane. Grazie al sostegno dei lettori e di numerose realtà dell’informazione a noi vicine sono stati raggiunti 10.822 click che hanno consentito di aggiudicarci il secondo posto e, quindi, il premio: una Citroën C4 Picasso. Il direttore di Saint Martin, don Gabriele Pipinato, vi ringrazia attraverso questo video.

In questo articolo è narrato il viaggio che Unimondo ha fatto in Kenya con gli amici di Informare per Resistere. L’articolo porta una provocazione nel titolo: “informare per esistere”? Si, certo. Nei luoghi che abbiamo visitato in Kenya non esistono infatti le ambulanze che ti vengono a prendere a casa in caso di malattia improvvisa. La nostra auto, invece, che ci piacerebbe titolare Soliweb (ove “soli” sta per solidarietà) soccorre tutti e sempre: cristiani, mussulmani, animisti, atei, agnostici, poveri, miserabili e gente come noi senza distinzione alcuna. Ma adesso facciamo i conti.

Il costo di un’ambulanza (Toyota 4x4) è di 50.000 euro. Sarà acquistata in Kenya. Il concorso Citroën ci ha già permesso di vincere una Picasso C4 che la Fondazione Fontana venderà appena troverà un acquirente. Ma, per massima trasparenza, la Fondazione ha già fatto un bonifico bancario di 27.000 euro a Saint Martin (vedi bonifico in allegato a fondo pagina). Ora: 50.000 meno 27.000 uguale 23.000 euro. Dove li troviamo?

La stessa casa automobilistica ha da alcuni giorni messo in palio una seconda auto (un Citroën Jumpy) tra le cinque organizzazioni che hanno vinto la prima fase. Guardate il link e potrete vedere i nomi delle cinque organizzazioni, tutte molto serie. Noi siamo a consigliarvi di votare e far votare Fondazione Fontana. Non perché “siamo i migliori” (ognuna delle cinque Ong svolge una sua specifica e importante attività), ma perché – crediamo – ci sia un piccolo “valore aggiunto” nel votare Fontazione Fontana: come detto, la nostra Fondazione impiegherà anche i fondi di quell’auto per comperare un’ambulanza per il Saint Martin che la utilizzerà per soccorre disabili, persone malate di Aids, mamme e partorienti, ragazzi di strada che necessitano di un intervento di emergenza… insomma per tutte le necessità di un’organizzazione che serve un territorio ai confini con la disperazione, soprattutto nell’attuale emergenza data dalla siccità che sta colpendo le zone limitrofe del Corno d'Africa.

L’ambulanza che sta adesso usando il Saint Martin ha 400.000 km. ed è più dal meccanico che sul campo. I costi ormai sono insostenibili. Nonostante tutto compie ancora il suo dovere come potete vedere dalla foto. Ma si impantana spesso ed ha sempre più bisogno di una spinta. Ha diritto anch’essa ad una meritata pensione. Per questo ci rivolgiamo ai nostri lettori, agli studenti, alle classi, ai gruppi di amici e di quartiere, agli internauti nottambuli etc. affinché ci diate una mano a vincere questa seconda auto per acquistare l’ambulanza per il Saint Martin in Kenya. A voi basta fare un post, mandare una mail ai vostri amici, un sms.

Nella prima parte del concorso ho conosciuto gente meravigliosa che ci incoraggiava, perdeva il sonno, segnalava l'iniziativa sui profili, informava il mondo. Il loro mondo. Un click a loro non bastava. Si son sentiti parte di un’avventura, una storia, un sogno. Non abbiamo parole per ringraziarli ed al diavolo tutti quelli che parlano di una gioventù demotivata, sempre attaccata al computer e fancazzista. Certo che ci vuole fegato per attaccare chi ha un grande cuore.

Oggi siamo qui. Assieme ad altre quattro organizzazioni che, in termini di reti e struttura sono molto ma molto più grandi e conosciute di noi. Ci contendiamo la seconda auto. Siamo ultimi, ma la massima che “gli ultimi saranno i primi” l’abbiamo già sperimentata grazie a voi nella prima fase del concorso.

Nota riservata ai quasi 11.000 amici che ci hanno fatto vincere la prima auto. Votate e fate votare nuovamente in quanto siamo nella seconda fase del concorso ed i contatori sono stati azzerati. Il vostro voto è valso la bellezza di 2,5 euro nella prima parte del concorso (27.000 costo dell’auto diviso 10822, il numero votanti). Anche in questa seconda fase vi terremo aggiornati sugli sviluppi dell’iniziativa e sulla creatività che ciascuno di voi metterà in atto per farla conoscere. Tutti pronti a votare ed a far votare? Si riparte, ragazzi, si riparte!

Fabio Pipinato
(direttore di Unimondo)

Si ricorda che per la correttezza della competizione è possibile votare UNA SOLA VOLTA !!

Il bonifico di Fondazione Fontana al Saint Martin:

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti