Venezuela: diritti umani minacciati per Amnesty

Stampa

Per spezzare il ciclo della violenza, tutte le parti coinvolte nello scontro politico in atto in Venezuela devono mostrare un impegno reale per il rispetto della legge. È questo l'appello lanciato oggi da Amnesty International, in occasione della presentazione del rapporto "Venezuela: diritti umani minacciati". Il rapporto di Amnesty International denuncia casi di uso eccessivo della forza, torture e maltrattamenti ad opera delle forze di sicurezza in occasione delle manifestazioni di febbraio e marzo. L'organizzazione per i diritti umani solleva forti dubbi sulla volontà delle principali istituzioni venezuelane di prevenire e punire in modo imparziale questi abusi. "Le principali istituzioni venezuelane - come la Polizia, la Guardia nazionale, l'Ufficio del procuratore generale, il ministero della Giustizia e l'Ombudsman per i diritti umani - devono sostenere in modo imparziale il rispetto della legge: solo allora il Venezuela sarà in grado di costruire una società in cui siano protetti i diritti di ogni cittadino.

Nel corso delle manifestazioni morirono 14 persone, in circostanze ancora da chiarire, e almeno altre 200 rimasero ferite. Parecchi arrestati furono sottoposti a gravi maltrattamenti e torture da parte delle forze di sicurezza. "Molti manifestanti agirono in modo violento, alzando barricate, lanciando pietre e bombe molotov e usando, in alcuni casi, armi da fuoco" - si legge nel rapporto. "Ma le forze di sicurezza reagirono spesso con un uso eccessivo della forza, contribuendo in questo modo ad alimentare la violenza anziché a prevenirla o a controllarla". Le indagini avviate su questi abusi sono risultate lente e inadeguate. "Abbiamo seri dubbi sulla volontà delle principali istituzioni venezuelane di prevenire e punire in modo imparziale gli abusi dei diritti umani" - prosegue il rapporto. "La mancanza di garanzie sull'efficacia e l'imparzialità di chi ha il dovere di svolgere le indagini indebolirà il già fragile stato di diritto e acuirà la crisi politica".

Negli scorsi decenni, si è assistito a ripetuti casi di violazioni dei diritti umani, rimaste impunite, nel contesto di disordini di massa. "La debolezza delle istituzioni giudiziarie, di sicurezza e di polizia in buona parte precede l'attuale amministrazione e la crisi in corso. Ma questa mancanza di imparzialità minaccia di rafforzare quella cultura dell'impunità che accompagna da molti anni le violazioni dei diritti umani in Venezuela - sottolinea Amnesty International. Con l'attuale crisi politica ancora senza via d'uscita, il rischio di futuri scontri violenti e di violazioni dei diritti umani è estremamente alto: per questo è importante che il governo, l'opposizione e i rispettivi sostenitori non incoraggino gli abusi dei diritti umani, non indeboliscano il rispetto della legge e si limitino a esercitare il loro diritto di manifestazione pacifica e di assemblea.

Ultime notizie

ll giorno di guerra è il 289. Il punto

09 Dicembre 2022
Sono passati quasi dieci mesi dall’invasione russa dell’Ucraina e la guerra continua ad uccidere. (Raffaele Crocco)

“Il Ruanda attacca la Rdc tramite il movimento M23”

08 Dicembre 2022
Accuse arrivano dal Governo di Kinshasa e dall'Europarlamento, mentre Kigali nega il suo coinvolgimento nella violenza del Nord Kivu. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

La guerra corre, il fatturato cresce

08 Dicembre 2022
A causa della pandemia e della crisi nella logistica rallenta la produzione ma il saldo del commercio mondiale delle armi continua ad aumentare. L’Italia conquista posizioni nel Top 100 dei produtt...

Casa dolce (ed energivora) casa… - #Diventaregreen

07 Dicembre 2022
Alimentare gli edifici è la prima voce per consumo energetico in Italia. (Alessandro Graziadei) 

L’eredità di Hebe e i fantasmi del passato argentino

07 Dicembre 2022
L'ultimo viaggio di De Bonafini figura emblematica e controversa.  La Guerra sporca e la sua scia di sangue. I processi e il difficile inizio del ritorno alla democrazia. (Atlante delle gue...