Venezuela: diritti umani minacciati per Amnesty

Stampa

crisi democratica

Per spezzare il ciclo della violenza, tutte le parti coinvolte nello scontro politico in atto in Venezuela devono mostrare un impegno reale per il rispetto della legge. È questo l'appello lanciato oggi da Amnesty International, in occasione della presentazione del rapporto "Venezuela: diritti umani minacciati". Il rapporto di Amnesty International denuncia casi di uso eccessivo della forza, torture e maltrattamenti ad opera delle forze di sicurezza in occasione delle manifestazioni di febbraio e marzo. L'organizzazione per i diritti umani solleva forti dubbi sulla volontà delle principali istituzioni venezuelane di prevenire e punire in modo imparziale questi abusi. "Le principali istituzioni venezuelane - come la Polizia, la Guardia nazionale, l'Ufficio del procuratore generale, il ministero della Giustizia e l'Ombudsman per i diritti umani - devono sostenere in modo imparziale il rispetto della legge: solo allora il Venezuela sarà in grado di costruire una società in cui siano protetti i diritti di ogni cittadino.

Nel corso delle manifestazioni morirono 14 persone, in circostanze ancora da chiarire, e almeno altre 200 rimasero ferite. Parecchi arrestati furono sottoposti a gravi maltrattamenti e torture da parte delle forze di sicurezza. "Molti manifestanti agirono in modo violento, alzando barricate, lanciando pietre e bombe molotov e usando, in alcuni casi, armi da fuoco" - si legge nel rapporto. "Ma le forze di sicurezza reagirono spesso con un uso eccessivo della forza, contribuendo in questo modo ad alimentare la violenza anziché a prevenirla o a controllarla". Le indagini avviate su questi abusi sono risultate lente e inadeguate. "Abbiamo seri dubbi sulla volontà delle principali istituzioni venezuelane di prevenire e punire in modo imparziale gli abusi dei diritti umani" - prosegue il rapporto. "La mancanza di garanzie sull'efficacia e l'imparzialità di chi ha il dovere di svolgere le indagini indebolirà il già fragile stato di diritto e acuirà la crisi politica".

Negli scorsi decenni, si è assistito a ripetuti casi di violazioni dei diritti umani, rimaste impunite, nel contesto di disordini di massa. "La debolezza delle istituzioni giudiziarie, di sicurezza e di polizia in buona parte precede l'attuale amministrazione e la crisi in corso. Ma questa mancanza di imparzialità minaccia di rafforzare quella cultura dell'impunità che accompagna da molti anni le violazioni dei diritti umani in Venezuela - sottolinea Amnesty International. Con l'attuale crisi politica ancora senza via d'uscita, il rischio di futuri scontri violenti e di violazioni dei diritti umani è estremamente alto: per questo è importante che il governo, l'opposizione e i rispettivi sostenitori non incoraggino gli abusi dei diritti umani, non indeboliscano il rispetto della legge e si limitino a esercitare il loro diritto di manifestazione pacifica e di assemblea.

Ultime notizie

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...