Una Carta del caffè nella crisi del mercato

Stampa

© Campagna contro gli abusi di Starbucks

Il mercato del caffè è in crisi e milioni di agricoltori sono indirizzati verso la povertà. Buona parte delle organizzazioni che si occupano di commercio equo e dei processi di globalizzazione si stanno organizzando per stilare una Carta del Caffè che sostenga una pressione a livello internazionale. Il prezzo del caffè nel mercato internazionale non riesce nemmeno a coprire i costi di produzione, come dimostrano i 170.000 posti di lavoro persi in Centro America nel 2001. Nel 2000/2001 il commercio totale di caffè era del valore di 65 miliardi di cui solo 5.5 sono rimasti nei paesi produttori. Intanto, le multinazionali registrano aumenti dei profitti come Nestlè (+20%) e Sarah Lee/Douwe Egberts (+6% nonstante una perdita di vendite del 6%). Alla costante sovrapproduzione nei mercati dei beni - continua la Carta del caffè - dovuta anche alla liberalizzazione del mercato e ai continui incentivi ad investire in attività di esportazione si aggiungono numerosi fattori che non vedono i governi attori di cambiamento e in particolare l'Unione Europea voler attuare politiche che lo garantiscano. Per quanto riguarda il ruolo dei consumatori, si registra una forte pressione negli Stati Uniti per un caffè equo e solidale con una rete di organizzazioni impegnate nella campagna "Fair Trade" e che vedrà dal 21 al 28 settembre criticare la multinazionale del caffè Starbucks per l'uso di OGM, anche via e-mail e fax. Grazie alla pressione dei consumatori in Inghilterra, Starbucks Coffee Company ha annunciato un accordo con la Fairtrade Foundation per vendere caffè equosolidale nella catena di negozi Starbucks.
Pubblicato il: 20.08.2002 " Fonte: » Altromercato CTM, Global Exchange, Amnesty International, Misna, Organic Consumer Association;
" Approfondimento: » Campagna per umanizzare il commercio del caffè;

Ultime notizie

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

Terra di confine

16 Settembre 2019
Prosegue il mio viaggio nel "cratere" del Centro Italia. (Matthias Canapini)

Leah, la Greta d’Africa che sciopera da otto mesi in Uganda

15 Settembre 2019
C’è una ragazzina combattiva e determinata come Greta anche in Africa. Si chiama Namugerwa Leah, ha 15 anni e vive in Uganda. (Jacopo Storni)

Europa e Tunisia: un rapporto di buon vicinato?

14 Settembre 2019
Da tempo si discute di un accordo di libero scambio tra la UE e il Paese africano. Ma tra il dire e il fare c’è anche di mezzo l’olio… (Ferruccio Bellicini

Flat tax, disuguaglianze e le tasse dei futuri governi

13 Settembre 2019
Il cambiamento sociale dipende dalla distribuzione della ricchezza: le tasse vanno diminuite ai lavoratori e aumentate ai più ricchi.  Un pezzo di Salvatore Morelli, economista e membro d...