UE: no alla vivisezione per uso cosmetico

Stampa

© Novivisezione- Verso un'Europa senza esperimenti su animali

I test cosmetici su animali in Europa saranno messi al bando a partire dal dicembre 2004; questo il punto fondamentale di una Relazione approvata dai membri del Parlamento Europeo e che riguarda non solo il divieto di effettuare i test cosmetici in Europa, ma anche di vendere i prodotti testati su animali, onde evitare che, pur non avvenendo in territorio europeo, i test vengano "commissionati" a paesi esterni all'UE. La Lav (Lega Anti Vivisezione) comunica con soddisfazione la notizia, ricordando però che la Commissione e il Consiglio dei Ministri europei non sembrano disposti ad accettare le indicazioni del Parlamento. Per questo - sostengono le associazioni animaliste - ora tutta l'attenzione si sposta sui Governi nazionali e la Lav invita a sostenere l'appello al Presidente del Consiglio on.Silvio Berlusconi affinché l'Italia in sede europea cambi in positivo la propria posizione a favore dell'abolizione dei test cosmetici sugli animali nel corso della revisione, ormai quasi ultimata, del VII Emendamento alla direttiva 76/768, sostenendo le Risoluzioni già approvate in dieci anni dal Parlamento Europeo, ma mai ancora attuate.
Pubblicato il: 15.06.2002 " Fonte: » Lav, Parlamento Europeo, Eurogroup, Novivisezione;
" Approfondimento: » Progetto Gaia ;
" Azione: » LAV - Appello test cosmetici, Progetto Gaia

Ultime notizie

Cocktail artico… al veleno

24 Giugno 2019
Le inquietanti conseguenze dello scioglimento dei ghiacci. (Anna Molinari)

La seconda vita dei libri, nelle mani dei senza dimora

23 Giugno 2019
I volontari della Ronda della carità distribuiscono (oltre a panini e bevande) fumetti, romanzi e riviste. 

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

L’Africa sempre più dimenticata

21 Giugno 2019
Gli ultimi dati sull’informazione che danno i telegiornali italiani sul Sud del mondo sono sconfortanti. Ma gli utenti possono fare qualcosa. (Piergiorgio Cattani)

Brasile in piazza contro Bolsonaro e poi il ‘Moro della vergogna’

21 Giugno 2019
Primo sciopero da quando Bolsonaro è Presidente, contro l’aumento dell’età pensionabile e contro l’economia che non riparte. E poi lo scandalo di Sergio Moro, ‘il Moro della vergogna’, giudice a ma...