Turchia: a giudizio gli avvocati di Ocalan

Stampa

Immagine

Dal 6 marzo Aysel Tugluk, Mahmut Sakar e Irfan Dundar, avvocati di Ocalan, sono a giudizio di fronte alla 6a camera della Corte per la Sicurezza dello Stato di Istanbul. Rischiano fino a sette anni di prigione. L'avvocato Tugluk ha già ricevuto una condanna a tre anni e mezzo per aver definito il suo cliente "signor" Ocalan, nel corso di un dibattimento. Il giudizio non è ancora esecutivo. La condanna ad otto anni è dovuta al fatto che, secondo l'accusa, attraverso gli scritti di Abdullah Ocalan si sarebbe contribuito alla diffusione di materiale terroristico. Nel frattempo la Corte di Strasburgo ha deciso che l'udienza principale del caso Ocalan si terrà nell'ottobre di quest'anno. Con la morte di un giovane ventisettenne sale intanto a 47 il numero delle vittime dello sciopero della fame in Turchia. La protesta è contro il nuovo sistema delle carceri d'isolamento, ma la risposta del governo è che lo standard del nuovo sistema è allineato con gli standard europei e rifiuta ogni dialogo con i protestanti, accusandoli invece di appartenere ad "organizzazioni terroriste". Il Parlamento Europeo ha approvato il 28 febbraio scorso una risoluzione comune presentata dai gruppi PPE/DE, PSE, ELDR, Verdi/ALE, GUE/NGL e UEN sui diritti democratici in Turchia, con particolare riferimento alla situazione dell'HADEP (People's Democracy Party). In essa si invita la Grande Assemblea nazionale turca a modificare la legge sui partiti politici al fine di eliminare ogni discriminazione. Intanto, dopo le aggressioni della partita Roma-Galatasaray, la Turchia accusa la polizia italiana di essere "fascista e antidemocratica", Amnesty International è pronta a intervenire e Canterini, il capo delle unità mobili già in azione nel G8 di Genova, si difende, "siamo stati aggrediti".
Pubblicato il: 14.03.2002
" Fonte: » 31 febbraio, Bollettino del mondo Kurdo, Europarlamento;
" Approfondimento: » Mani Tese , Human Rights Association of Turkey;

Ultime notizie

Leggi, sostanze, propaganda e persone

23 Maggio 2019
La questione droga non può essere affrontata a partire dalle pene, ma dalle persone. (Alessandro Graziadei)

Il Premio Goldman a un difensore mapuche del territorio

22 Maggio 2019
Il premio, ritenuto una sorta di “Nobel ambientale”, è il più importante riconoscimento per chi difende i diritti dell’ambiente. (Michela Giovannini)

Hong Kong: che fine ha fatto il “Movimento degli ombrelli”?

21 Maggio 2019
Nelle scorse settimane nove leader democratici, responsabili del "Movimento degli ombrelli", sono stati giudicati colpevoli di “cospirazione”. (Alessandro Graziadei)

Api: continua lo sterminio. E intanto si diffonde il nuovo pesticida Bayer (Monsanto)

21 Maggio 2019
Il Sivanto è stato registrato per l’uso commerciale nel 2014 ed è disponibile in 30 paesi del mondo, tra cui l’Italia, mentre altre 65 nazioni si preparano ad autorizzarlo. Sul sito di Bayer si leg...

Lo schiaffo dell’Onu è a tutti noi

20 Maggio 2019
“Le leggi volute dal governo italiano sul tema migranti sono contrarie ai  diritti  umani”. Le Nazioni Unite strigliano l’Italia. Forse dovrebbero strigliare gli italiani. Solo...