Treeline, tra le linee degli alberi

Stampa

Foto: A. Molinari ®

Domenica ho fatto una passeggiata. La prima che ho potuto fare con calma dopo le ferite che il maltempo ha inferto al nostro territorio a fine ottobreIl silenzio era l’unica voce che poteva accompagnare questo lutto, un cimitero di alberi caduti a terra nel frastuono della tempesta. Ho l’impressione che questo panorama abbia un sapore amaro per noi forse più che per la natura, che sola sa gli equilibri da custodire e spesso lo fa indifferente alla nostra comprensione. Non ignora però le responsabilità che ci troviamo addosso, senza prendercene davvero la giusta cura. 

Eppure c’è qualcosa che rimane nel cuore che ha l’odore della resina e del legno tagliato, e alla fine la tristezza che va lì sul fondo sa anche di buono. Sa di resilienza, di pazienza, di resistenza. Di esseri antichi che offrono ombra, riparo, legna, compagnia, lezioni di forza e di accettazione. Sono ponti viventi verso il passato della Terra e verso il nostro, e forse anche per questo motivo un albero caduto è come una promessa spezzata, memoria interrotta che ci lascia un po’ più soli di fronte all’incertezza del futuro. 

Un albero tagliato racconta storie nei suoi anelli. E mi accorgo che per me l’effetto è lo stesso dei suoni delle balene sott’acqua: linguaggi misteriosi che vorrei capire, ma che anche senza essere decriptati dicono qualcosa allo spirito, su un livello di paracomunicazione che si fa essenziale, primitivo. E mi conforta non essere sola ad assecondare queste sensazioni. Sulle linee degli alberi qualcuno ci ha girato perfino un docufilm: si tratta di Jordan Manley (appassionati fotografi guardatevi il suo sito, scatta con occhi meravigliati come pochi), regista di Treeline. Una storia raccontata negli anelli.

Il film è prodotto da Patagonia, marchio che notoriamente si adopera al sostegno e alla diffusione di progetti legati dal filo rosso della sostenibilità, sia essa declinata nel turismo responsabile, nella difesa di aree minacciate, nella battaglia per la tutela delle acqueGuardando questo piccolo gioiello cinematografico si fa un viaggio con l’anima: dai sacri cipressi del Giappone agli imponenti cedri rossi della British Columbia agli antichi pini dai coni di setole del Nevada, le guide sono un gruppo di sciatori, snowboarder, scienziati e guaritori che si ritagliano il cammino tra queste cattedrali naturali, dove l’unica cosa che resta da venerare è la connessione più antica dell'uomo con la natura.

Per un tempo lunghissimo gli uomini hanno vissuto al limitare delle foreste: ne hanno avuto e ne hanno ancora bisogno. Eppure si dice che davanti a immagini di paesaggi con alberi, gli umani preferiscano gli spazi aperti delle savane alle foreste. La teoria è semplice: una spolverata di alberi su uno spazio pianeggiante evoca protezione, ombra, frutti. Alberi invece troppo vicini allertano subito i nostri sensori del pericolo. In questo nuovo prodotto di Patagonia, ora in tour tra Canada e Stati Uniti ma presto in arrivo anche in Europa e Giappone, si esplora con delicatezza quella relazione complessa, celebrata e a volte parassitaria che gli uomini hanno con le foreste, nelle quali si inoltrano per bisogno, svago, meditazione. Dagli sciatori che disegnano curve tra i tronchi a chi si addentra tra gli alberi per dare (e ricevere) un abbraccio, il film sospende il tempo mentre indugia su un universo tanto alieno quanto familiare com’è, appunto, la foresta. E sul modo in cui l’uomo con essa interagisce: gli alberi sono creature antiche, che facciamo fatica a comprendere. Così esordisce il corto, e da lì in poi si srotola una lettera d’amore indirizzata alle foreste del mondo, che ci lascia con una sensazione in testa – sì, proprio in testa, nel luogo della razionalità: fare di più per proteggere il Pianeta. E, con una certa urgenza, riavvicinarci con rispetto agli alberi, quando sono alti e fieri, così come quando sono caduti.

Anna Molinari

Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.

Ultime notizie

Non gridate al lupo, al lupo. C’è l’Unione europea!

18 Dicembre 2018
Il successo della salvaguardia dei grandi carnivori in Europa sta facendo aumentare le possibilità di conflitto tra uomo e fauna selvatica. Che fare? (Alessandro Graziadei)

Pensare globale nell'era dei cambiamenti climatici

17 Dicembre 2018
Numerosi gruppi indigeni, soprattutto donne, negli ultimi anni hanno creato una forte e solida rete che va rafforzandosi sempre più. (Roberta Pisani)

Un nuovo tipo di trattato ambientale: il Global Pact

16 Dicembre 2018
Il clima ha bisogno di nuovo trattato internazionale: la cosiddetta Bozza del Patto Globale sull’Ambiente. (Giulia De Nadai)

Come l’arte può influenzare la politica: The 50 State Initiatives

15 Dicembre 2018
Negli Stati Uniti, in occasione delle elezioni di mid term, si è svolta la più grande campagna di arte pubblica del Nord America. (Marta Cacciavillani)

Gli scienziati avvertono: “Il tempo sta per scadere, occorre agire subito”

14 Dicembre 2018
A quasi due mesi di distanza dalla pubblicazione del rapporto speciale sull’impatto del riscaldamento globale di 1.5°, i rappresentanti dell’IPCC sono stati invitati alla Conferenza ONU sul Clima&n...