Tensione in Nigeria a un passo dalle elezioni

Stampa

Rimane alta la tensione politica in Nigeria dopo due settimane di guerriglia urbana nella città di Warri, nel delta del Niger, dove gli scontri hanno provocato numerosi morti e villaggi distrutti. I maggiori gruppi petroliferi presenti nella regione, come la Royal/Dutch Shell, la ChevronTexaco e la TotalFinaElf, hanno interrotto la produzione di greggio causando una contrazione del 40% nelle esportazioni giornaliere; oltre 800mila barili al giorno in meno su una media di circa 2 milioni. Alcuni impianti sono stati incendiati durante gli scontri degli scorsi giorni ed un impiegato della ChevronTexaco è rimasto ucciso. Il clima è rovente anche dopo la cancellazione dello sciopero generale indetto dal "National labour congress", il principale sindacato che ha raggiunto un accordo col governo sugli aumenti salariali da corrispondere ai dipendenti del settore pubblico, soprattutto quelli del comparto petrolifero. Gli Ijaw, la maggiore comunità del delta che conta circa 8 milioni di persone, accusano il governo e le multinazionali del petrolio di sostenere le etnie minoritarie, come gli Itsekiri, con contratti e progetti di sviluppo lucrosi. Inoltre i vari gruppi etnici delle zona richiedono una maggiore rappresentanza della propria etnia nel partito di governo Pdp (People's Democratic Party) in vista delle prossime elezioni. Crescono dunque le aspettative per le consultazioni elettorali previste per aprile - presidenziali, amministrative e municipali - le prime da quando il Paese, nel 1999, è tornato a dotarsi di un'amministrazione civile.

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...