Sudan: nuova tregua tra governo e ribelli

Stampa

E' stata siglata ieri in Sudan una tregua tra ribelli del SPLM/A (Sudan People Liberation Movement/Army) e militari governativi protagonisti di violenti scontri nella provincia nordoccidentale del Darfur. Nelle ultime settimane, in questa tormentata regione, si è registrata una pesante escalation nei combattimenti che ha già provocato centinaia di morti. Il conflitto civile in corso in Sudan dal 1983 ha causato fino a oggi la morte di oltre due milioni di persone (in prevalenza civili), mentre altri quattro milioni e mezzo hanno dovuto fuggire dalle proprie case.

In molte zone del Paese, anche nelle regioni controllate dal governo, le condizioni di vita sono precarie. In un recente rapporto, Amnesty International ha accusato il governo sudanese di essere venuto meno agli impegni presi un anno fa col protocollo Machakos, siglato durante i colloqui di pace con i ribelli. Secondo la Ong, dovrebbero essere ricordate non solo le terribili atrocità commesse da governo e ribelli durante la guerra nel sud, ma anche quelle avvenute in episodi non direttamente connessi al conflitto; sono stati denunciati i maltrattamenti, le torture, le sparizioni e gli omicidi ai danni degli studenti e degli oppositori politici, e la grave inadeguatezza del sistema giudiziario nazionale.

Le tra il governo sudanese e i ribelli meridionali si sono interrotte all'inizio di luglio quando la delegazione governativa ha accusato i mediatori dell'IGAD (Autorità Intergovernativa per lo Sviluppo, che fa capo a diversi Paesi locali) di favorire i ribelli.

Mentre si preannuncia per il 3 agosto la riapertura in Kenya dei negoziati, crescono le incertezze sulla loro riuscita: l'SPLM/A, di matrice cattolica, preme per l'abolizione della Sharia (la legge islamica) nel sud, mentre Khartoum si oppone a tale richiesta. E rimane tuttora aperta la questione della spartizione del petrolio, di cui il sud è ricchissimo, che rappresenta una delle ragioni principali della guerra.

Fonti: Warnews, Amnesty International, U.N.Integrated Regional Information Networks;

Ultime notizie

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)