Siria: 1300 uccisi nella repressione, vietato l’accesso a giornalisti e Croce Rossa

Stampa

I manifestanti con le rose in segno di pace - Foto: © Private

I massacri della famiglia Assad non sono una novità. Niente a che vedere con le proteste di questi mesi, ma il ricordo è al 1982, quando l'esercito siriano, comandato da Hafiz al-Assad, represse nel sangue l'insurrezione organizzata dai Fratelli Musulmani nella città di Hama e costrinse i leader del movimento a lasciare il Paese. Nel 2011 cambia il nome del mandante ma non il cognome. Bashar al-Assad, che sta reprimendo nel sangue le proteste siriane, infatti, è il figlio di Hafiz.

C'eravamo tanto amati. Era successo con Gheddafi, dove le cancellerie europee per anni lo avevano accolto come un partner affidabile (e non un criminale) e il copione si ripete con Assad. Nel 2000, quando Bashar succede al padre, l'Occidente lo accogli come “il riformatore”. Iniziano una serie di incontri tra il presidente siriano e i leader occidentali. Le relazioni con Ankara, che a causa della questione curda e dell'ospitalità data da Damasco al leader del PKK non erano mai state serene, si distesero.

Sarkozy, Blair, Erdogan, oggi, lo scaricano e chiedono a Consiglio di Sicurezza dell'Onu una risoluzione di condanna. Ma la Russia in testa avverte: “Siamo contrari ad ogni risoluzione Onu contro la Siria, che per noi non rappresenta alcuna minaccia alla sicurezza e alla pace nel mondo”.

Sul campo, intanto, la situazione è tragica. Dal sud del Paese, dove le proteste erano iniziate, si sono spostate al nord. Ieri mattina i soldati fedeli ad Assad sono entrati nella città settentrionale di Jisr al-Shugur, sotto assedio da venerdì, quando, per reprimere i manifestanti pro-democrazia, Damasco ha inviato carri armati ed elicotteri da guerra. Secondo Damasco, nella città sono presenti circa 2mila uomini armati e testimoni riferiscono che la battaglia è ancora in corso. Nei giorni scorsi, testimoni che avevano attraversato il confine con la Turchia, avevano riferito di una città deserta, ad eccezione di circa 5mila abitanti, sui 50mila, rimasti per difendere le proprietà dalle bande di saccheggiatori.

Proprio nella città di Jisr al-Shugur, secondo la televisione siriana megafono della dittatura, oltre 120 membri delle forze di sicurezza sarebbero stati uccisi nei giorni scorsi da quelle che vengono definite “bande di terroristi armati”. Diversa la versione dei comitati siriani, secondo i quali, gli agenti, sarebbero stati uccisi da elementi dell'esercito perché “si sono rifiutati di sparare sui manifestanti”.

Storie che, vengono confermate sul confine turco, nella città di Guvecci. Tahal Al-Lousha, una volta al sicuro sul lato turco, non nasconde la sua identità. Mostra ai giornalisti il suo tesserino militare e rivela la sua identità. Ha lo sguardo perso nel vuoto e racconta le atrocità che ha visto nella città di Ar-Rastan, una cittadina di 50mila abitanti nella provincia di Homs. “Ci hanno portato li – racconta – dicendoci che c'erano uomini armati. Quando siamo arrivati abbiamo visto che erano semplici civili. Ci è stato detto di fare fuoco”. Il soldato racconta anche che i suoi compagni entrano nelle case “stuprano le donne davanti a bambini e mariti”.

Anche Mohamed Khalaf Mirwan è stato un soldato di leva di stanza a Iblid, vicino al confine con la Turchia. E anche lui, come Tahal è ossessionato dalle violenze contro la popolazione inerme. “Mentre camminavamo – racconta – un soldato ha tirato fuori un coltello e ha pugnalato al cranio un civile, senza motivo”. Ha deciso di disertare, come il fratello Ahmed Khalaf, anche lui in una unità dell'esercito siriano, deciso a disertare dopo le violenze nella cittadina di Homs. “Dopo aver visto uccidere persone innocenti, mi sono reso conto che il regime era pronto a uccidere tutti”, dice. “Hanno posizionato i cecchini nei punti alti della città – racconta ancora – e tra loro ci sono poliziotti in borghese e miliziani di Hezbollah”. Walid Al-Khalaf ha anche confermato il pericolo di insubordinazione tra le file dei militari. “Prima della nostra diserzione – spiega - sei nostri compagni volevano fuggire ma sono stati uccisi”. I disertori prevedono anche un crollo del regime, in quanto, riferiscono, “tutti i soldati che conosciamo sono stressati e vorrebbero fuggire. Prima o poi lo faranno”.

Intanto, al confine turco, lungo più di 800 chilometri, le autorità turche hanno fatto sapere che oltre 5000 persone hanno attraversato il confine sud-ovest per cercare riparo dalle violenze del regime. Si tratta in maggioranza di donne e bambini, accolti nelle tendopoli della Mezza Luna Rossa nei Paesi di Yayladagi e Altinouz. La Casa Bianca ha condannato la repressione, parlando di “massacro” e il segretario dell'Onu Ban Ki-Moon ha definito la repressione “inaccettabile”. Ma mentre la burocrazia internazionale invia dichiarazioni di sdegno, in Siria si registrano 1300 persone uccise e oltre 10mila arrestate. E l'accesso alle zone delle proteste non è negato solo ai giornalisti, ma anche alla Croce Rossa Internazionale.

Andrea Bernardi
(Inviato di Unimondo)

Ultime notizie

Cosa resta della cooperazione internazionale?

24 Agosto 2019
L’ex governo gialloverde lascia una pesante eredità in questo campo soprattutto dando spazio a una diffusa disinformazione. (Lia Curcio)

L'Italia migliore è l'Italia che include/ 2

23 Agosto 2019
Continua il nostro viaggio sull’evoluzione/involuzione della cultura e della politica italiana sul tema dell’inclusione e dell’apertura internazionale. (Fabio Pipinato)

L'Italia migliore è l'Italia che include / 1

22 Agosto 2019
Breve storia di un patrimonio culturale e politico sulla pace, nonviolenza e cooperazione internazionale, che rischia di disperdersi. (Fabio Pipinato)

Laghestel (Trentino), la fragilità dell’uomo e della natura in dialogo

21 Agosto 2019
Un cammino dei sensi per scoprire la natura e se stessi, attraverso l’incontro (Anna Molinari)

La simbiosi tra uomo e ape: perché è necessaria?

20 Agosto 2019
Api e miele, da sempre fedeli compagni della vita dell’uomo, sono già a rischio di estinzione, e con loro il nostro ecosistema. (Marco Grisenti)