Serbia: diritti in stato d'emergenza

Stampa

In seguito all'omicidio, lo scorso 12 marzo, del premier Zoran Djindjic il Governo della Serbia aveva dichiarato lo stato d'emergenza per riuscire ad affrontare la grave crisi istituzionale e di sicurezza creatasi. La limitazione di alcuni diritti, tra i quali quello di libertà di stampa, inizia ora a causare le prime reazioni. L'organizzazione Human Rights Watch (HRW) ha invitato il governo serbo alla prudenza durante lo stato di emergenza al fine di non commettere violazioni dei diritti umani, del diritto alla difesa legale e della libertà di stampa. In merito a quest'ultima Elizaberth Andersen, direttrice della sezione di HRW che si occupa di Asia ed Europa, ha dichiarato che "è difficile comprendere come le informazioni sulle circostanze politiche e sociali che hanno condotto all'omicidio del premier e allo stato di emergenza possano compromettere le indagini" invocando un ritorno al più presto ad una piena libertà per i media. Preoccupazioni sono state espresse anche dall'International Press Institute (IPI) e il Southeast European Media Organization (SEEMO) che hanno sottolineato come comprendano che questo sia un periodo difficile in cui la giovane democrazia in Serbia si confronta con l'assassinio di Zoran Djindjic ma che tuttavia "sia importante scegliere degli strumenti che non ostacolino lo sviluppo democratico in Serbia".
" Fonte: » Osservatorio sui Balcani, Human Rights Watch;

Ultime notizie

Francesca, la sua laurea fa notizia

16 Giugno 2019
Francesca ha la sindrome di Usher e in Italia è fra le prime persone con sordocecità ad aver raggiunto il traguardo della laurea. (Sara De Carli)

Danzare – e vivere – in 3D

15 Giugno 2019
Sindri Runudde, ballerino e artista, ci parla della sua arte e del suo modo di interpretare la vita – da una prospettiva queer e legata alla disabilità.  (Novella Benedetti)

Quando la solidarietà viene premiata…

14 Giugno 2019
La storia di un progetto di accoglienza che dalla Siria ha portato una famiglia in Trentino nel paese di Caderzone Terme. Con riconoscimento finale. (Piergiorgio Cattani)

Hasankeyf: l’acqua alla gola

13 Giugno 2019
Nel mese di giugno diverrà operativa in Turchia la diga Ilisu. Spariranno per sempre sott'acqua un centinaio di villaggi. Tra questi anche il simbolo di questo disastro sociale ed ambientale, la ci...

E la luna bussò nel Maghreb

13 Giugno 2019
Dispetti lunari e calcistici allargano le divisioni da tempo esistenti fra i cinque Paesi dell’UMA, l'Unione Maghrebina Araba. (Ferruccio Bellicini)