Russia: vertice Ue con xenofobia e persecuzioni di minoranze

Stampa

In occasione del vertice tra UE e Russia a Mosca, l'Associazione per i Popoli Minacciati (APM) mette in guardia di fronte al preoccupante aumento della discriminazione e delle persecuzioni di minoranze etniche, delle manifestazioni di razzismo, antisemitismo e xenofobia nella Federazione russa. L'APM critica aspramente anche la poca disponibilità russa a trovare una soluzione politica alla questione cecena. Tuttora in Cecenia governano l'impunità e l'arbitrarietà. Mediamente ogni giorno due civili ceceni sono deportati dalle forze di sicurezza russe o dalle unità cecene filorusse. Dall'inizio della seconda guerra nel 1999 ad oggi in Cecenia sono letteralmente sparite almeno 2.500 persone.

L'APM accusa inoltre il cancelliere Schr㶀der di complicità nel genocidio ceceno. La collaborazione tra esercito tedesco e russo e tra i servizi segreti dei due paesi, ma soprattutto la costante comprensione mostrata da Schr㶀der per i metodi di Putin e la definizione di quest'ultimo come "democratico pulito", fanno da sostegno a una politica di guerra che si è macchiata dei crimini di massacro, stupri di massa, messa in fuga della popolazione, persecuzione sistematica di intellettuali, omicidi di attivisti per i diritti umani, bombardamento di convogli di profughi, ospedali, ambulanze, asili nido, scuole e moschee.

Nelle repubbliche caucasiche dell'Inguscezia, Daghestan, Ossezia, Cabarda-Balcaria e Caraciaia-Circassia, vicine alle Cecenia, la polizia, i militari e i servizi procedono con metodi sempre più brutali contro presunti terroristi e leader religiosi. L'opposizione politica è soppressa, criminalità, corruzione e arbitrarietà statale sono ormai all'ordine del giorno. Secondo i dati forniti dalla stessa polizia, nel 2004 in Russia vi sono stati 8.500 atti di violenza e 44 omicidi a sfondo xenofobo e razzista. Rispetto all'anno precedente le aggressioni sono raddoppiate. Secondo un'inchiesta, il 42% degli interpellati vorrebbe limitare l'influenza ebraica nella vita pubblica in Russia e fino al 70% chiede che il potere nel paese sia concentrato nelle mani del gruppo etnico russo.

Fonte: per i Popoli Minacciati http://www.gfbv.it

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)